16 ottobre 2019

Tortini di verdure


Partendo dal fatto che adoro le verdure invernali, cavoli, cavoletti di bruxelles, broccoli, verze ecc...,; che odio gli sprechi e per questo utilizzo tutto di queste verdure, torsoli compresi; che amo l'ikea e  che andare a mangiare al suo ristorante per me è come fare un viaggio dalle loro parti, dove tutte le idee sono semplici e naturali.... eccomi qui a preparare una delle mie ricette veloci, di quelle che 'apri il frigo, vedi cosa c'è, immagina la ricetta e accosta mentalmente i sapori e...procedi perchè sarà sicuramente buona.

Non so voi, ma io ogni sono una che si affeziona anche alle ricette di un ristorante e che ama andare sul sicuro nella prenotazione. Voglio mangiare un buon abbacchio alla cacciatora e la migliore cicoria ripassata d Roma? vado da I Villini. Desidero una buona bistecca tenera tenera nel mio paese? Vado al Boschetto. Un antipasto da sogno? Il Falco Pellegrino a Noci... I tortini di verdure? all'Ikea. E dopo tutta questa pubblicità aggratis veniamo al perchè di questa lista.
Solo per dire che li ho rifatti uguali e buoni a casa mia, dopo aver visto tutte le verdure che avevo ancora in frigo.

- Avevo una confezione di cavoletti di bruxelles che compro sempre con desiderio e che poi rischiano di diventare gialli perchè aspetto di prepararli quando viene qualcuno con cui condividere.  Ma poi non piacciono a nessuno e restano li delusi ad aspettare me.
Poi avevo un piccolo broccolo fresco, tre carote un pò mosce, una patata e tre cucchiai di piselli cotti del giorno prima.
- Ho giusto lessato insieme tutte le verdure crude, torsoli e foglie compresi, ho leggermente schiacciato i pezzi più grossi per renderli uniformi. 
- Ho aggiunto uova, formaggio piccante e una manciata di buone erbe aromatiche del mio orto in balcone, rosmarino, timo, erba cipollina, basilico, un filo di olio buono in una teglia da forno quadrata e 
- via in forno a 180°/200° per circa 30 minuti, fino a quando è dorata in superficie.
- Ho aspettato che si intiepidisse e l'ho tagliata a quadrotti.

Li ho gustati con una bella insalata di rucola e aceto a pranzo, poi un pezzo freddo a merenda, che vederlo, desiderarlo e mangiarlo era un tutt'uno, e il resto a cena il giorno dopo con un'amica mia.
E, anche se sono astemia, mi son versata un calice di vino rosato freddo, cosa rara per me, e l''ho molto apprezzato.

Ho pensato, al prossimo picnic al volo al mare o in campagna o in montagna, ne preparo una teglia grande che basti per tutti e via.



SHARE:

3 ottobre 2019

Tiella di funghi e patate


Da una teglia estiva a quella autunnale.
Dopo il successo della tiella con zucchine e verdure della bella stagione, rilanciata con la mia amica Barbara (La Panificatrice Folle !) rieccomi qui pronta per gli ingredienti della stagione che amo di più.

Benvenuto autunno, con i suoi colori e profumi. Mi da tanta felicità questa stagione che mai come quest'anno porta con se doni incredibili. Ancora una coda di estate, calda al punto giusto tanto da poter fare ancora il bagno al mare e rimanere seduti sulla sabbia senza ombrellone, ma anche i primi venticelli freschi che ti ritemprano e ti danno una grande energia.
Le passeggiate sono più belle perchè intorno il mondo si è già colorato di rossi e gialli e se vai nei boschi muschi e funghi profumano l'aria.

Insomma è un momento di gioia per me.
SHARE:

25 agosto 2019

Zucchine ripiene




Abbiamo avuto un orto negli ultimi anni, che ci ha dato tante soddisfazioni. Ho cucinato fotografato condiviso e gioito ogni mattina, quando andavo a vedere cosa mi offriva.
Quest'anno non ci siamo riusciti per condizioni climatiche un pò sballate, per la mia non voglia di percorrere km e km solo per andare ad innaffiare e anche perchè l'umore era instabile e continuamente distratto da altri pensieri.

SHARE:

30 luglio 2019

Tiella di riso e verdure del mio orto




Da quando è venuta a trovarmi la mia amica Barbara Fontanel (La Panificatrice Folle), si è portata con se un pò del profumo della mia Puglia e l'amore per le nostre ricette. Appena tornata ha preparato una mia ricetta pubblicata ben 10 anni fa: la tiella di riso e verdure. Un piatto semplicissimo ma ricco di profumi e velocissimo da preparare.
Ha avuto tanto successo anche tra le sue follower. Oggi lo ripubblico sul mio blog, con le stesse foto e le stesse parole di allora, a grande richiesta. Felice e grata di questa curiosità suscitata.

Mollemente seduta sulla sdraio nel balcone, in una serata d'estate finalmente fresca e silenziosa, mi dedico un pò al mio passatempo preferito. Ogni tanto un'auto interrompe la magia dell'assenza di rumore. Voci rassicuranti di donne che parlano e si godono la frescura, aspettando solo che il tempo passi. Da lontano si vedono bagliori delle case di campagna dove immagino i mille profumi delle erbe e delle piante appena innaffiate alla fine della giornata, prima della cena. Fra un pò ci si siederà a tavola e si parlerà di oggi, di quello che si è fatto e appena concluso e di domani, di quello che ci aspetta. E quasi sempre nelle nostre case di vacanza in campagna si pianificherà il pranzo con le verdure e le erbe del proprio orto. Cose semplici e profumate che richiamano al cuore e alla mente antichi e semplici sapori.
SHARE:

8 luglio 2019

Penne integrali fredde con crema di zucchina bianca e menta



Fa caldo e, come un mantra, ripeto in continuazione che mi fa male.
E' come se fosse una richiesta di aiuto o almeno di comprensione per un disagio che provo. Non sono la sola.
Dell'estate apprezzo le albe e i tramonti. Soprattutto i tramonti sul mare. Sapete quando la gente comincia ad andar via, stancamente, con gli ombrelloni sotto il braccio e gli asciugamani bagnati nella borsa. Dopo la doccia c'è chi preparerà la cena con spaghetti con le cozze, chi si spalmerà la crema per lenire il rossore della prima abbronzatura, chi si preparerà per andare con gli amici a mangiare un gelato, sempre sul mare e li aspettare l'alba.
Ho diversi ricordi del mare, tutti diversi per ogni età. Tutti belli.
SHARE:

19 giugno 2019

Esami di maturità e un dolce per festeggiare


Esami di maturità.
quando penso ai miei, ricordo notti lunghissime per recuperare tutto il non fatto durante l'anno, tante risate, sigarette senza filtro e caffè con un'amica. Studiavamo strategie per memorizzare cose che non avremmo mai potuto ricordare in una sola notte e, rassegnate, ripiegavamo sugli argomenti a piacere.
Parlavamo del vestito da indossare. La mia amica che come me aveva sempre messo jeans e magliette, diceva che il giorno dopo avrebbe messo l'ultimo vestito comprato per un matrimonio. Voleva essere elegante e stupire con la sua scollatura generosa i prof. Era un vestito di seta blu elettrico a pois bianchi, ancora lo ricordo, perchè effettivamente lo indossò e decisamente sembrava molto fuori luogo, ma  probabilmente le fece guadagnare due voti in più alla fine. Partivamo dagli stessi voti (la sufficienza) e l'esame andò più o meno nello stesso modo (sufficiente), ma lei ebbe 2 voti in più. Io il mio coerente e orgoglioso 36 e lei un ruffiano 38.
SHARE:

12 giugno 2019

Celestina e l'amore di una mamma


Ritorno ora.
Da un lungo periodo di assenza, iniziato qualche mese fa, ma forse anche prima, pieno di tante cose da raccontare, ma che non ho avuto nè il tempo nè la voglia di raccontare in verità.
La mia mamma non c'è più e, come successe anni fa per il mio papà, dopo il grande abbraccio di chi mi vuol bene, è seguito un momento in cui il dolore è diventato intimo e privato, solo mio.
Bisogna rimettere insieme i pezzi di una vita che deve riassestarsi e creare un nuovo equilibrio.

E' un grande cambiamento e per un pò ti senti come una sedia a cui manda una gamba, senza alcuna possibilità che possa reggersi. Spero di imparare presto.

Ho sempre parlato di lei a tutti, qui sul blog, sui social, abbiamo riso tanto e lavorato tanto insieme.
E' diventata la mamma di tutti coloro che abbiamo incontrato e tutti l'hanno amata.

Tanto mi ha insegnato e quello che ora so lo devo a lei.
SHARE:

23 febbraio 2019

Capelli d'angelo in brodo di carciofi


Stamattina al mio risveglio fuori dalla finestra nevicava e sembrava ci fosse una vera bufera.
Sai quando pensi, anzi speri, di essere fuori dall'inverno e non vedi l'ora di ammirare i primi rami in fiore e invece ti ritrovi a 0 gradi, in mezzo allo spettacolo del vento gelido?
Mi veniva quasi da piangere. Io che ho sempre desiderato il freddo, quest'anno ho cominciato ad odiarlo dopo l'influenza, con le sue tre ricadute, con i suoi dolori alle ossa, perfino i capelli mi facevano male... 
E questa tosse che non mi abbandona dal 2 gennaio. Insomma non ce la faccio.
Allora ho fatto OOOMMMM e mi son detta, 'vabbè godiamocelo questo ultimo sprazzo di inverno e facciamo tante foto, tanti video e tanta roba calda da mangiare'.
SHARE:

26 gennaio 2019

Tortini limone e mirtilli


E buongiornoooo.
Qui il bollettino meteo annuncia diluvio e non sbaglia. Da due giorni vivo combattuta tra la voglia di restare in casa per godermi la sensazione di essere al sicuro a casetta mia, e la necessità di uscire per fare la spesa. Ovviamente vince la seconda, anche se, per quello che ho in dispensa, potrei cucinare almeno per un mese secondo me...
La verità è che io ho bisogno di aria e luce. Sempre. 
SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI