8 luglio 2019

Penne integrali fredde con crema di zucchina bianca e menta



Fa caldo e, come un mantra, ripeto in continuazione che mi fa male.
E' come se fosse una richiesta di aiuto o almeno di comprensione per un disagio che provo. Non sono la sola.
Dell'estate apprezzo le albe e i tramonti. Soprattutto i tramonti sul mare. Sapete quando la gente comincia ad andar via, stancamente, con gli ombrelloni sotto il braccio e gli asciugamani bagnati nella borsa. Dopo la doccia c'è chi preparerà la cena con spaghetti con le cozze, chi si spalmerà la crema per lenire il rossore della prima abbronzatura, chi si preparerà per andare con gli amici a mangiare un gelato, sempre sul mare e li aspettare l'alba.
Ho diversi ricordi del mare, tutti diversi per ogni età. Tutti belli.
SHARE:

19 giugno 2019

Esami di maturità e un dolce per festeggiare


Esami di maturità.
quando penso ai miei, ricordo notti lunghissime per recuperare tutto il non fatto durante l'anno, tante risate, sigarette senza filtro e caffè con un'amica. Studiavamo strategie per memorizzare cose che non avremmo mai potuto ricordare in una sola notte e, rassegnate, ripiegavamo sugli argomenti a piacere.
Parlavamo del vestito da indossare. La mia amica che come me aveva sempre messo jeans e magliette, diceva che il giorno dopo avrebbe messo l'ultimo vestito comprato per un matrimonio. Voleva essere elegante e stupire con la sua scollatura generosa i prof. Era un vestito di seta blu elettrico a pois bianchi, ancora lo ricordo, perchè effettivamente lo indossò e decisamente sembrava molto fuori luogo, ma  probabilmente le fece guadagnare due voti in più alla fine. Partivamo dagli stessi voti (la sufficienza) e l'esame andò più o meno nello stesso modo (sufficiente), ma lei ebbe 2 voti in più. Io il mio coerente e orgoglioso 36 e lei un ruffiano 38.
SHARE:

12 giugno 2019

Celestina e l'amore di una mamma


Ritorno ora.
Da un lungo periodo di assenza, iniziato qualche mese fa, ma forse anche prima, pieno di tante cose da raccontare, ma che non ho avuto nè il tempo nè la voglia di raccontare in verità.
La mia mamma non c'è più e, come successe anni fa per il mio papà, dopo il grande abbraccio di chi mi vuol bene, è seguito un momento in cui il dolore è diventato intimo e privato, solo mio.
Bisogna rimettere insieme i pezzi di una vita che deve riassestarsi e creare un nuovo equilibrio.

E' un grande cambiamento e per un pò ti senti come una sedia a cui manda una gamba, senza alcuna possibilità che possa reggersi. Spero di imparare presto.

Ho sempre parlato di lei a tutti, qui sul blog, sui social, abbiamo riso tanto e lavorato tanto insieme.
E' diventata la mamma di tutti coloro che abbiamo incontrato e tutti l'hanno amata.

Tanto mi ha insegnato e quello che ora so lo devo a lei.
SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI