11 marzo 2010

Pagnotta di farina integrale



Oramai mi succede sempre, ogni volta che vado in banca. Spingo il pulsante che apre la porta scorrevole e al momento di entrare....esito. Sento già nelle orecchie la signorina che anzichè dire 'si prega di lasciare nelle apposite cassettine gli oggetti metallici' all'improvviso, con un volume un pò più alto del solito, dimodocchè possono sentire tutte le 30 persone della fila interna, dice 'entrare uno alla volta'.... e invece ci sono solo io.
Il giorno che succederà denuncerò la banca per violenza psicologica e istigazione all'anoressia.
Ma poi visto che entro indenne attraversando lentamente nel silenzio quella maledetta porta (che sembra come quel passaggio tra le Fenici nel film 'La storia infinita'...), mi rendo conto che in fondo non avrebbero motivo di tarare l'allarme proprio sul mio peso....e che cavolo...
Però tornando a casa decido di preparare qualcosa che plachi i sensi di colpa (?????) soddisfacendo il palato.
Oggi ho preparato delle splendide, calde pagnotte integrali, semplici semplici ma morbide e buonissime. Che ovviamente in questo momento sto mangiando con prosciutto crudo e un filo della mia splendida peperonata piccante. Alla faccia della signorina della banca.
Pagnotta di farina integrale

- 500 g di farina integrale
- 50  g di farina di grano tenero
- 16  g di sale fino
- 1 cucchiaino di zucchero
- 1 bustina di lievito di birra disidratato
- 370 g di acqua tiepida


Mescolare tutti insieme gli ingredienti solidi e aggiungere piano l'acqua tiepida. Lavorare l'impasto fino ad ottenere una palla liscia ed elastica. Infarinare e mettere in una coppa a lievitare per 1 oretta circa (o più se necessario), dopo aver praticato un taglio a forma di croce. Coprire con un panno pulito, una coperta e lasciar riposare al calduccio.
Una volta lievitato, dividere in due l'impasto e formare delle pagnotte allungate su cui praticherete dei tagli. Disporle sulla placca da forno (su cui vrete messo un foglio di carta da forno). Cuocere a 180° per circa 30-40 minuti, secondo il proprio forno.
Appena sfornato coprire con un panno e resistere alla tentazione di mangiarlo subito.
 

SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI