8 ottobre 2009

La farinella (seconda parte)

Sono contenta di aver suscitato tanta curiosità con la mia farinella. D'altro canto questo è un alimento che per me ha un certo fascino e la magia dei ricordi dell'infanzia.
Quindi cerco di rispondere qui a tutte le domande che mi sono state rivolte nei commenti e nelle mail.
Vorrei poter ricreare con le parole il sapore di questa 'farina' speciale. In realtà non è una farina e non si usa per cucinare.
Innanzitutto vi spiego come si prepara. Si pestano in un mortaio di pietra orzo e ceci tostati, si eliminano le scorie tipo paglia e la farina che rimane si condisce con un pò di sale.
E' un pò difficile mangiarla così com'è perchè è così sottile che se si respira mentra si mette in bocca si rischia di soffocarsi.
Ed è per questo che si mangia con i fichi freschi (intingendoli), messa nel piatto con il sugo (come per fare una specie di 'scarpetta' che raccoglie il resto dei sapori buoni del piatto), semplicemente con un pò d'olio o con le verdure.

Il sapore è molto simile, anche se più semplice, dell'humus turco, che è fatto di ceci lessi e condito con aglio e altri ingredienti.
E' un prodotto tipico delle nostre parti, come i lampascioni, la sporchia, il vincotto, di cui ho già parlato in post precedenti.

E per questo è difficile reperirlo in altre zone dell'Italia e del mondo. Quindi se proprio avete il desiderio di assaggiarla non vi resta che chiedere e ve la mando per Natale, con i lampascioni e il vincotto.

SHARE:

12 commenti

  1. Sono stat nella tue zone ho anche alcune amiche ma di questa farinella non ho mai sentito parlare,ma spero di conoscere presto da vicino questo vostro prodotto tipico,grazie per averlo presentato!

    RispondiElimina
  2. Ehi...allora noi ci prenotiamo per i regali di natale! Tutte queste cose caratteristiche ci piacciono tantissimo!!
    Questa poi è una vera chicca...davvero ne siamo rimaste super colpite...è troppo strana ed alternativa!!
    A dir la verita anche i lampascioni non sapevamo cosa fossero...se ne sente tanto parlare...ma mai ch eti spieghino cosa siano!!
    Grazie mille epr averci fatto conoscere queste specialità...
    Buona giornata, un bacione

    RispondiElimina
  3. grazie di avercela spiegata nel dettaglio, perchè avevo una curiosità! :-)
    Davvero un prodotto particolare!

    RispondiElimina
  4. Complimenti per questo tuo blog. Unisce due cose che amo in modo particolare: cucinare e leggere. Voglio aggiungere qualche riferimento "storico" sulla farinella. I nostri avi contadini, al mattino quando si recavano sui campi, portavano un sacchetto con la farinella, e una ampolla di terracotta con un pò d'olio. Impastando i due prodotti trovavano l'energia per lavorare tutta la giornata (accompagnando il tutto con un pò di vino). Da provare per la colazione dei nostri bimbi. Un saluto. Roberto

    RispondiElimina
  5. Consiglio inoltre un bel libro che ho appena finito di leggere: Un giorno in più , di Fabio Volo. Dolcissimo

    RispondiElimina
  6. le cose tipiche sono sempre le migliori!grazie per queste informazioni!^__^

    RispondiElimina
  7. non sapevo della frinella...ma questo tuo racconto vivo mi ha aiutato a immaginare come può essere...mi paicerebbe provarla quando capiterò dalle tue parti! mi piace molto il nuovo header deltuo blog...è così arioso e semplice!

    RispondiElimina
  8. E' la prima volta che sento parlare di questa farinella e tu l'hai fatto in modo esauriente e semplificativo,bravissima.

    RispondiElimina
  9. I absolutely loved this blog especially fell in love with your chocolate cake, wanted to be there and finish it all..
    All that I can offer now is one of my grand mother's recipe:
    http://sunny-came-home.blogspot.com/2009/05/my-grandmothers-treasures-1-dry-dolma.html
    Love and ci vediamo,
    b

    RispondiElimina
  10. @ilcucchiaiodoro... probabilmente sarà un prodotto tipico della nostra zona. Sai la Puglia, come tutta l'Italia del resto, pur essendo piccola ha tante veriabili nelle preparazioni legate oltre che alla zona anche alle abitudini familiari.

    @Manu & Silvia... Sapessi quante altre cose 'nuove' per voi, ma antiche per me, sto raccogliendo per stupirvi ancora...

    @Ilcercatore e Pinky... sono contenta che vi sia piaciuto il mio post...

    @Roberto... ma sei Roberto L.? sei delle mie parti vero?

    @Lo e Nanny... se mi fosse possibile ve la farei assaggiare davvero. Ma mi sa che dobbiamo organizzare fìdavvero un incontro collettivo dopo ognuno potrà portare le cose più particolari...

    @Brad - Berfin... welcome to my blog. I'm so happy to meet foreigner bloggers in this place. So we'll have new possibilities to exchange our recipes and opinions.

    RispondiElimina
  11. Annina la tua è una terra piena di sorprese e come la sai 'raccontare' tu, nessun altro.
    È sempire bello leggerti ��
    Pippi

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI