21 settembre 2009

Santa semplicità: le friselle

Ognuno di noi ha i suoi gusti e gradisce in maniera maggiore o minore alcuni cibi piuttosto che altri. Ma se qualcuno dovesse chiedermi qual'è la cosa che mi piace di più in assoluto, io non saprei cosa rispondere. Infatti mi piace tutto. Per me guardare un cibo significa immaginare subito il sapore, la sua consistenza, il suo profumo, la sua freschezza e resto affascinata anche dai suoi colori. Fino a qualche tempo fa mi piaceva sperimentare sapori nuovi e accostamenti arditi. Conservo ancora questa curiosità, ma la nuova ... tendenza è ... la semplicità. Tendo infatti ad assaporare pochi sapori per volta, per esaltarli singolarmente e godere della loro particolarità.
E' vero che per arrivare ad un piatto che diventa un capolavoro bisogna saper stupire, centellinare e dosare sapientemente piccole quantità di ingredienti, curarne la presentazione, fare attenzione alla temperatura, persino ai colori......
Ma vi assicuro che sedersi a tavola in un momento di pace, quando hai fame ma non hai voglia di accendere i fornelli, e avere davanti agli occhi un piatto con tre friselle condite solo con pomodori, olio, sale e origano..... ebbene questo è un momento di grande, grande godimento e l'unica cosa che può rovinarti la magia è... un telefono che squilla o, peggio, qualcuno che si avvicina con l'acquolina in bocca e dice ' me ne dai una?'.

SHARE:

14 commenti

  1. Quelle friselle ci fanno gola, hai ragione, sono il piacere della semplicità, ma che tripudio di sapori e di profumi, l'origano non fa che esaltare il sapore carnoso del pomodoro.
    Noi siamo un po' sulla stessa lunghezza d'onda, amiamo di tanto in tanto sperimentare, ma non ci priviamo dei sapori semplici, che rimangono quelli che quasi quotidianamente portiamo in tavola.
    Un abbraccio e buon appetito
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  2. Evviva la semplicità! Pochi ingredienti, ben studiati e tutti naturali, secondo noi rendono il piatto davvero unico e speciale! Queste friselle sono un capolavoro anceh per gli ochi eh?!
    bravissima!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Bellissimo il nuovo header e molto carini i cuoricini che intercalano i tuoi post....ciao Anna...sono daccordo con te!
    A volte bastano ingredienti di prima qualità e una semplice frisella può essere un piatto da re...anzi da regina!!
    Ho finito di leggere "zia Mame" da un po' e ultimamente sono in stand-by...ho acquistato qualche nuovo libro alla Feltrinelli ma la sera ultimamente mi attardo con le collane crochet!
    Che dire di questa zia Mame....divertente, spensierato, fiabesco e brillante....ma personalmente non mi sono innamorata del personaggio...nonostante sia simile alla sottoscritta in alcune cose!
    Se dovessi dare un voto a questo libro...direi 7.
    Se lo leggerai fammi sapere cosa ne pensi tu!
    Ora scappo il crochet mi attende....e ho scritto tantisssssssimo!! :0)

    RispondiElimina
  4. ti do pienamente ragione...c'è un momento per le cose complicate e quello per le cose semplici...queste tue fiselle sono perfette e molto golose...non si può dire di no!!!

    che...me ne dai una????

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo. Da noi, a Napoli, la si chiama "frisella"...che poi è la stessa cosa......è magia, anche per me:)
    Buonanotte...e che sia una notte densa di bei sogni, quelli che desideri.
    Ciao!

    RispondiElimina
  6. AnninaCarissima, rieccomi :) Le tue parole mi hanno fatto venire in mente un libro che ho letto questa estate, la scuola degli ingredienti segreti, di Erica Bauermeister. Un piccolo capolavoro di leggerezza e grazia, proprio come sono le tue parole. UN abbraccione grande

    RispondiElimina
  7. Brava Anna, una semplicità che non ha nulla da invidiare a certi piatti elaborati.
    prima o poi dovrò decidermi a fare le friselle.

    RispondiElimina
  8. La semplicità...ha un gusto unico.

    buonissime queste bruschette

    RispondiElimina
  9. le cose semplice sono sempre le più buone e genuine. Mi piacciono le tradizioni e i sapori di una volta, il tuo piatto mi ricorda tanto le merende e gli spuntini che mi preparava la mia adorata nonna!

    RispondiElimina
  10. le frise... deliziose! mia mamma è pugliese di brindisi, quindi questa pietanza è stata spesso a casa un pranzo una merenda o una cena, io l'adoro!

    RispondiElimina
  11. condivido la ricerca della semplicità...nel sapore...a volte non riesco ad usare qualcoa perchè lo amo nella sua naturalezza...i fichi in quest astagione...non riesco a pensare di cucinarli...ma adoro addentarli! un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Che bella semplicità....e gustose oserei aggiungere. Passavo di qua, e curiosando ho deciso di non perderti d'occhio, come te anche io ho dato vita al mio blog, non per insegnare (non potrei mai), ma per codividere, questa parola mi piace molto. Ciao e complimenti ancora.

    RispondiElimina
  13. @ x tutte voi.... Vedo che la semplicità è una tendenza comune. Fiuuuuuuuu. Pensavo di essere banale difronte a tanti bei piatti che leggo in giro. Invece i vostri commenti mi hanno confermato che la semplicità degli ingredienti paga sempre, anzi direi che sta diventando quasi un'esigenza.
    Bene allora procediamo in questo senso.
    Grazie a tutte

    RispondiElimina
  14. Anna viva la semplicità! Non sai quante friselle al pomodoro mi sono mangiata questa estate e con che gusto ogni volta!
    Molto carine le modifiche che hai apportato al blog, complimenti! Ciao e a presto!

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI