7 giugno 2011

Marmellata di fragoline selvatiche, mele e zenzero


Dopo una lunghissima vacanza tra mare e campagna, per un istante ho pensato che l'idillio con la vita solitaria del mio luogo di pace si fosse rotto...
E si perchè ad un certo punto avevo voglia di gente, di movimento umano intorno a me, di cinema, di 'civiltà' messa apposta tra virgolette perchè mi viene da ridere quando penso al significato che si attribuisce a questa parola.
E siamo andati al cinema. Ho scelto 'Tree of life' perchè non avevo bisogno di cosette leggere, ma volevo continuare a pensare, ad immergermi in un tipo differente di magia.
E infatti così è stato. Film bellissimo, che ti da tanto, che ti costringe a pensare, a riflettere sul senso della vita.
Alla strada che noi scegliamo per definire la vita. 
Insomma una cosa impegnativa da ascoltare e vedere in totale libertà di pensiero e di pregiudizio.
I dialoghi, anzi i monologhi, sono sussurrati, per riprodurre il suono dei pensieri. Così come i pensieri, a flash, sono le immagini.
Ma splendide, come solo la fantasia umana riesce a creare.
Non è un film che si può spiegare.... bisogna solo guardarlo e sentirlo.
Io lo consiglierei a chi ha voglia di pensare.
L'unica nota stonata: prima uno accanto a me che si è addormentato dopo 10 minuti di film e ha cominciato a respirare in modo rumoroso..... mi son spostata..... accanto a due distinti signori che..... hanno commentato come piccioncini (!?!?!?!?!) le scene, per tutta la durata del film. E io li ho cominciato ad odiare la gente, ma solo quella maleducata e ignorante, nel sento che ignora come ci si comporta a cinema.
E son ritornata poi in campagna a riprendere il mio contatto con la natura, a fare marmellate.
Ma il prossimo film sarà uno tipo ... I Pirati dei Caraibi....

Marmellata di fragoline selvatiche, mele e zenzero.

- 1 kg di fragoline
- 2 mele
- 300 g di zucchero
- zenzero fresco

In un tegame di acciaio versare le fragoline, le mele tagliate a fettine sottili e lo zucchero. Mescolare e mettere a cuocere a fuoco medio. Far cuocere per un paio d'ore circa, schiumando di tanto in tanto.
Verso la fine, quando manca poco per spegnere, grattuggiare lo zenzero fresco, in quantità sufficienti per soddisfare il proprio gusto. Mescolare. Portare a conclusione la cottura, facendo la prova goccia sul piatto e versare nei vasetti precedentemente sterilizzati.
Chiudere e per essere sicuri che si conservi bene, fare un bagno maria ai barattoli.




SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI