2 maggio 2012

Salsiccia con finocchio selvatico



Prima di mangiare abbiamo fatto una preghiera. 
Abbiamo ringraziato Dio di tutto quello che ci ha donato. Almeno fino ad oggi. 
Ed è tanto.
E tra sacro e profano, abbiamo riflettuto e riso su quello che poteva definirsi una delle tante lezioni su
come godersi la vita.
E qui la propongo.
Innanzitutto chiudere gli occhi e concentrarsi sul nulla. Sul vuoto, sul niente, sulla dispensa vuota, anzi, nemmeno la dispensa. Nemmeno una casa, nessuno intorno, nè una mano che ti accarezza, nè una voce che ti parla, nè un posto dove rifugiarti, nè un abbraccio se non stai bene.
E poi piano piano, come in un gioco di bambini aggiungere le cose che hai.
Il sole di questa giornata, il profumo dell'erba appena tagliata, i messaggi che arrivano da lontano, dagli amici che vorrebbero essere qui.
Gli amici, la loro presenza.
Gli amici che sono qui oggi. Appena arrivati con pacchi caldi e fumanti che contengono qualcosa di buono.
La birra appena stappata e versata e il brindisi di benvenuto.
Una cucina in funzione, con tutti i suoi fornelli
Una tavola imbandita.
La serenità di sapere dove sono i figli.
la voglia di stare insieme.
Il sonno sereno dell'abbiocco dopo pranzo.
Il caffè del risveglio.
I piatti lavati.
E il pomeriggio con l'ombra che arriva e la pace di tutto questo silenzio.
I miei bellissimi fiori che ho piantato e che mi stanno regalando tanta bellezza.
Il profumo della terra innaffiata e che ringrazia.
e uno sguardo che mi ama che sento posarsi su di me, mentre scrivo.
Ed ecco che la vita è piena....

e io, Dio mio ti ringrazio per tutto questo.




Salsiccia con finocchio selvatico

- due pezzi di salsiccia di maiale 'punta di coltello' a persona
- olio extravergine d'oliva
- vino bianco
- semi di finocchio
- un mazzetto di finocchio selvatico fresco

Lessare il finocchio selvatico e scolarlo.
Bucherellare qua e la le salsicce e soffriggerle nel olio. Aggiungere semi di finocchio.
Quando sono rosolate per bene aggiungere un pò di vino bianco e lasciar evaporare.
Adagiare sulle salsicce il finocchio selvatico precedentemente lessato e portare a cottura, senza far soffriggere però le barbe.


Servire con contorni semplici, come patate lesse e fagiolini con menta e aglio.


e brindare con gli amici prima e dopo averle mangiate.


e dopo.... godersi i profumi della campagna....


SHARE:

14 commenti

  1. Si vede subito che è una tavola gioiosa :o)

    RispondiElimina
  2. Mi sento a "casa", tra amici... ancora una volta... grazie :)

    Felice giornata

    RispondiElimina
  3. Questa è proprio una preghiera di ringraziamento alla quale mi associo perchè è tanto vera e vestita di semplice necessario . La metto nel mio fb e la farò girare e rigirare perchè è bellissima . Ti abbrAccio ! ann...a.

    RispondiElimina
  4. ehi ehi è tutto meraviglioso ...ma di quel rustico ne vogliamo parlare?! ne vorrei sapere di più. ti ringrazio gia' ti saluto con stima e ammirazione maria rosaria

    RispondiElimina
  5. bellissimo post!non cé'altro da agiungere le tue parole dicono tutto!

    RispondiElimina
  6. GRAZIE A TUTTE VOI, LA RICETTA DELLA TRECCIA LIEVITATA AL PROSSIMO POST....
    ABBRACCI...

    RispondiElimina
  7. Beh cara Anna, ero passata per ringraziarti del tuo messaggio che mi ha confusa ed emozionata, e trovo una pagina così sincera e commovente che voglio farla mia. Una preghiera vera, di quelle che ti escono spontaneamente quando davvero la perfezione di un attimo di avvolge. E gli attimi condivisi con gli amici, come quello che tu ci hai appena raccontato, sono davvero così, li conosco e vorrei ripeterli a oltranza per quanto ti riempiono di felicità. Cara Anna, le tue pagine sono sempre un'emozione profonda. Ti abbraccio e ti ringrazio di cuore. Pat

    RispondiElimina
  8. ed io ringrazio che ci sei Anna...che sei nella mia vita anche se tanti chilometri ci separano...l'affetto che ci unisce supera anche questi in un baleno...

    tvb

    p.s. non ti strapazzare e riposati un pò

    tua Pippi

    RispondiElimina
  9. Sono le piccole cose, che fanno bella la vita, e ringraziare per quello che si ha, è la cosa più giusta da fare.

    Siamo lontane, ma vicine nei pensieri, e nel cuore ...
    un bacio
    Aurelia

    RispondiElimina
  10. Sono ricette molto belle prendo l'idea del finocchio con salsiccia lo immagino perfetto
    e i fagiolini con aglio e menta
    grazie
    ti sembrerà strano ma per me sono due idee nuove e ....
    grazie ciao

    RispondiElimina
  11. Hai veramente ragione! Troppo spesso ci si preoccupa per nullità e, invece, la gioia è lì, a pochi passi da noi....basta saperla cogliere! E' in tutte le semplici cose che ci circondano e che dobbiamo imparare ad apprezzare....SEMPRE! Ottime anche le tue ricette semplici e genuine come i colori e gli odori della terra! A presto

    RispondiElimina
  12. Belle queste salsiccie! Anzi io devo dire che alle salsiccie proprio non resisto. Il finocchio gli dara' un'aroma meraviglioso!

    RispondiElimina
  13. Non sono in grado di ringraziare Dio, ma chiudere gli occhi e riempire una tabula rasa di affetti è un dono che tutti - almeno una volta - dovremmo regalarci e regalare agli altri. Quindi io ringrazio te per aver condiviso queste parole.

    ...Purtroppo non riesco a trovare da nessuna parte il finocchio selvatico e lo cerco da parecchio tempo. Ma prendo nota della tua ricetta. NEL CASO (come ha scritto Safran Foer).

    Un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI