1 dicembre 2010

Pastina del Paradiso


Quando ancora c'era tutto da imparare e la curiosità mi spingeva a sperimentare sapori e accostamenti nuovi, quando ogni ricetta proposta anche dalla scatola della pasta era fonte di ispirazione, e intanto si accumulavano appunti e ritagli in quella che sarebbe diventata la mia agenda delle ricette.... mia madre mi insegnava a cucinare la pastina solo con il brodo vegetale, il brodo di carne o semplicemente con olio d'oliva e parmigiano, lasciando un pò di acqua di cottura....
Una sera, in preda alla malinconia, cercai un'idea da preparare per farmi un pò di coccole. 
Ma volevo qualcosa di buono, buonissimo, caldo e saporito. La malinconia era tanta.
Per caso lessi la ricetta consigliata per i 'funghetti', chiamata 'pastina del Paradiso'.
Pretenziosa pensai, ma associando mentalmente gli ingredienti dissi tra me e me che sarebbe valsa la pena tentare.
E il risultato fu una carezza al cuore, che ogni tanto mi concedo proprio quando fuori fa freddo , dentro pure, e la pastina con il semplice dado non basta più.
Arriva il Natale e qui e altrove non c'è per niente aria di festa. 
Meno male che non ci abbandona la voglia di fare e organizzare....e cucinare cose buone.
Per i progetti in corso c'è tempo...... ne riparleremo presto...


Pastina del Paradiso
(x 2 persone)
- brodo di dado granulare di ottima qualità 
- 150 g di pastina formato 'funghetti'
- 2 fette di  prosciutto cotto
- 4 cucchiai di  parmigiano reggiano grattugiato
- un uovo
- pepe

Appena il brodo giunge a bollore aggiungere il prosciutto cotto tagliato a striscioline sottili.
Quando il brodo avrà ripreso a bollire aggiungere la pastina e girare.
In un piatto sbattere leggermente l'uovo con il parmigiano e il pepe e, appena la pastina è al dente, versare il tutto nella pentola e girare velocemente.
A piacere aggiungere un altro pò di pepe e servire bollente.
SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI