18 dicembre 2010

I balordi



Questo è il piede di un uomo. Di un uomo cattivo e balordo. Voglio pensare che il suo cuore sia oscurato da tristezza e miseria. Reso insensibile e cinico da una vita difficile e buia. 
Voglio capire. 
Nell'animo umano esistono diverse stanze, mille per ogni stagione, una per ogni sentimento, buie o piene di luce, solitarie o piene di amore, puzzolenti o piene di profumi inebrianti, vuote di desideri o zeppe di sogni e speranze, silenziose o ricche di voci e canti.
Ma uno decide da solo dove andare ad abitare.
E l'uomo che una notte ha deciso di distruggere con cattiveria uno dei miei sogni più belli, cosa stava pensando?
E' entrato nella stanza lanciando una pietra, e ha forzato la porta con calci e spinte, fino a spaccarla. Ha passeggiato con scarpe sporche, ha mangiato sulla mia tavola, ha scelto cosa portare via, con arroganza e prepotenza, non pensando che ogni cosa che sceglieva dava gioia a me e ai miei cari. Non conoscendo il valore che aveva per noi. Non sapendo che rappresentavano il nostro piccolo tesoro. 
Ha violato un luogo caro, dove c'è stata solo gioia, di costruire, di creare, di cantare e di sognare.
Ha sporcato con la sua indifferenza di estraneo qualcosa che volevo riservare solo alle persone più care.
Spero solo che un giorno possa entrare nella stanza della consapevolezza, dove poter capire il dolore che ci ha portato. 

Questo è uno spazio in cui riverso i miei pensieri a volte allegri e a volte, come ora, tristi.
Tornerà il tempo dei sorrisi.
In fondo è Natale.... anche per chi si è preso i suoi regali da casa mia. 





SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI