26 maggio 2009

La terra dentro il mio cuore


Il pomeriggio era infuocato, come del resto lo sono tutti i pomeriggi di agosto.
Niente ombre, solo stoppie e niente più erba, il cane addormentato che non avrebbe abbaiato assolutamente a nessuno e il caldo che pareva uscire dalla terra, marrone e arida.
Era abitudine, anzi d'obbligo, la dormitina pomeridiana. Nonna, mamma e zia Giovanna, rigorosamente in ordine di potere, non ammettevano repliche. Dopo pranzo tutti dovevano aandare a letto almeno fino alle 4, giustificando il proprio bisogno di abbiocco con una sana abitudine che tutti dovevano seguire. E così noi figli e nipoti, scalciando e piagnucolando, finivamo ad occhi aperti sotto le lenzola fresche, finchè l'immobilità forzata domava le nostre energie e ci faceva scivolare nel sonno.

...... continua su leparoledicarta

SHARE:

Nessun commento

Posta un commento

Grazie, i vostri commenti sono preziosi. Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi. So che capirete. Vi ricordo che se commentate con l'account Google+ o Blogger acconsentite a pubblicare il link al vostro profilo tra i commenti. Consultate la privacy di Google per ulteriori informazioni.

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI