21 settembre 2012

Spaetzle


'Per favore prendi le treccine di kamut dal panettiere'
'va bene mamma'
poco dopo arriva un sms
'quante Freccine devo prendere mamma?'
' 4 + un archetto'
suona il telefono
'mamma che significa + un archetto?'
'scusa come faccio ad utilizzare le freccine?'
'scema'
chiude
mio sms
'QI = -2, senso dell'umorismo = -10'
risposta
'figura di m... con il panettiere = +100'

se non siete dotati di grande senso dell'umorismo non usate il T9 (che sul mio cell se scrivo in fretta diventa G8)

Per non parlare delle comversazioni via 'uozzap' con Lauretta mia, alle 12 e mezza di notte, quando c'è la stanchezza, la voglia di parlare, il T9 che scrive quello che vuole lui, e noi che leggiamo e rispondiamo con un 'eh?????' e facciamo la faccia con naso arricciato e bocca aperta, e poi scriviamo ancora, e poi quando ormai arriviamo all'ultima frase 'sto cozzo di G8', quando non ne possiamo più ci chiamiamo, stiamo mezz'ora a ridere prima e poi ricominciamo a parlare,
Però ancora non riusciamo a toglierlo dai nostri cell, non perchè non sappiamo come si fa, ma perchè alla fine è una grande, immensa fonte di umorismo.
E una grande scusa quando dici le parolacce e dici che è stato il T9.
E dici delle parole che ti scappano e dici che sono scappate al T9.
Insomma anche complice di sincerità vigliacca.
Vedo se c'è un T9 anche per i testi blog.
Oggi Spaetzle
A dopo


Spaetzle
(per 4 persone)

- 500 g di spinaci freschi
- 200 g di farina circa
- 3 uova
- 2 cucchiai di parmigiano
- mezzo litro di panna fresca liquida
- 100 g di speck
- noce moscata da grattugiare (che quella in polvere non sa di niente)

in una pentola alta mettere l'acqua per cuocere gli spaetzle.
Lavare accuratamente gli spinaci e privarli della base dove sono attaccati tutti i gambi, perchè li si deposita di  solito il terreno argilloso.
In una pentola larga e alta mettere un dito (orizzontale) di acqua con un pò di sale, aspettare che cominci a bollire e metterci dentro gli spinaci puliti e gocciolanti. Coprire con il coperchio e aspettare che si ammoscino. Scolarli. Lavare velocemente la pentola e versarvi la panna e lo speck tagliato a pezzettini.
Con un frullatore o un minipimer ridurli a crema. Quindi mescolando con una frusta a mano aggiungere le uova, il parmigiano, e poco per volta la farina, fino a raggiungere la consistenza di una crema non molto liquida. Quando l'acqua bolle posizionarvi sopra l'apposito attrezzo per spaetzle e versarvi dentro il composto. Muovere avanti e dietro sul suo binario il contenitore e far cadere piano l'impasto che, a contatto con l'acqua bollente si solidificherà in piccoli gnocchetti morbidi.
Appena saranno saliti a galla  scolarli (con un mestolo forato o in uno scolapasta) e versarli nella pentola con la panna. Grattugiare la noce moscata e servire caldi.

SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI