6 novembre 2009

Pioggia



Oggi ci siamo svegliati in mezzo ad un concerto di lampi e tuoni. Fuori dalla finestra si sentiva che l'acqua cadeva giù a dirotto. E per me è sempre piacevole la sensazione di essere nella mia casa calda e, con un caffè bollente in mano, poter guardare con il naso sul vetro della finestra, il mondo che fuori è freddo, silenzioso, buio e bagnato. E' un momento magico quello della pioggia. E' come se l'acqua avesse il potere di portare via polvere, pensieri cattivi, parole inutili... e ti costringesse all'essenziale, al singolo momento, alla riflessione in silenzio. Un momento di immobilità prima di ricominciare di nuovo a camminare e a pensare su una strada nuova.
La giornata è trascorsa quindi nell'attesa, respirando ogni tanto la freschezza dell'aria pulita dalla pioggia.
E nel pomeriggio, appena il cielo si è rischiarato, siamo andati in campagna per riprendere contatto con la realtà dopo la settimana di segregazione forzata.
Ed è stato davvero un nuovo risveglio.

SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI