27 maggio 2012

Marmellata di ciliege, ancora....


E' tempo di ciliegie.
Ancora. Di nuovo. Ogni anno ho sempre voglia di parlare di questa magia che si ripete. Tornando indietro tra le cose che ho scritto negli anni precedenti qui, ritrovo le stesse sensazioni. 
Come un cerchio che torna su se stesso ogni volta.
E mi sorprendo del fatto che continuo a sorprendermi.
Vivo con meraviglia gli alberi spogli quando mettono le prime gemme. E poi quando fioriscono, tutti vestiti di bianco e profumati, come se dovessero festeggiare un matrimonio.
Poi quando cominciano a dare i primi frutti verdi. E li si comincia a pregare che non grandini. E si aspetta.
E poi quando i miei alberi si riempiono di rosso, sono felice come quando ero bambina e ringrazio per tutta questa abbondanza.
E vorrei anche condividerla, mica riesco a godermela da sola....
E così anche oggi, nonostante la pioggia, sono riuscita a raccoglierne un pò perchè avevo un desiderio troppo forte di preparare la marmellata.
E mentre fuori infuriava l'acquazzone, immersa in un silenzio quasi irreale, ho snocciolato ciliege grosse, rosse e nere, raccolto da parte noccioli e gambi e foglie (perchè della ciliegia non si butta via niente, e poi vi dirò perchè...), pesato polpa e zucchero, messo a cuocere, schiumato, aspettato, imbarattolato, fotografato, lavato i barattoli e messo a bollire per il bagno maria.
Sono venuti fuori solo 4 barattoli, uno per un'amica adorata che incontrerò la prossima settimana, che non può mai venire da me ad assaporare questi momenti....
un altro per una donna che ama i cibi naturali, biologici e controllatissimi, e se non è biologico tutto questo.... forse dovrò portarle a garanzia una decina di coccinelle messe parte delle decine e decine che abitano qui da me in campagna....
uno per i miei amici che vorranno venire domani a raccogliere le ciliegie qui...
E uno per me da mangiare subito, domani a colazione sul pane, accompagnato dal caffelatte.

E ora, mentre si sente solo il bollore del bagnomaria.... io scrivo e faccio tesoro di tutto questo dentro di me.


Marmellata di ciliege (che si sappia... si può dire anche ciliegie!)

- 1 kg di ciliege
- 250 g di zucchero
- 1 limone (a piacere)

Lavare le ciliege. 
Togliere i piccioli e metterli da parte.
Snocciolarle e mettere da parte i noccioli.
Pesare di nuovo le ciliege e per ogni kg aggiungere 250 g. Se i frutti sono maturi aggiungerne anche meno.
Aggiungere il succo del limone. Metterle a cuocere a fuoco medio. 
Far cuocere finchè facendo scivolare una goccia di liquido questo 'frena' subito.
Imbarattolare in barattoli precedentemente sterilizzati in acqua bollente.
Chiudere ermeticamente e per sicurezza far fare un bollo a bagno maria.

in seguito consigli e post su come utilizzare anche piccioli e noccioli.


SHARE:

14 commenti

  1. Meravigliosa marmellata! Beata te che hai l'albero. Io non faccio in tempo quando le compro che già me le mangio. Però copio la ricetta non si sa mai. Buona domenica

    RispondiElimina
  2. nella mia ci metto anche un pò di kirsch,buona domenica!Quest'anno mi sa che non ce la faccio a farla...

    RispondiElimina
  3. Te lo giuro le tue parole fanno volare la testa, intesa come immaginazione, come desiderio, come sogno.
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Devo dirlo: AMO le ciliegie e le amarene, quindi non posso fare altro che provare la tua marmellata.
    Per quanto riguarda il plurale, il punto è questo: se al singolare davanti a "C/G + -ia" c'è un'altra consonante, al plurale non si lascia la -i- (arancia-arance); se invece c'è la sola consonante C/G si lascia la -i- del singolare (camicia-camicie, ciliegia-ciliegie, valigia-valigie).
    Non per fare la saputella, anzi! Anche io avevo il dubbio, ma ho risolto il problema quando ho insegnato l'italiano a Madrid 2 anni fa, nonostante dovremmo ricordare questa regola dai tempi delle elementari!
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  5. Ohh ma quanto mi piace la marmellata di ciliegie!!! E poi hai messo poco zucchero come piace a me :-)

    RispondiElimina
  6. adoro questi frutti, sono troppo simpatici! E la tua marmellata deve avere un profumo spettacolare! Ora poi sono curiosissima di scoprire cosa fare con noccioli e piccioli... ah, come vorrei essere su una scala di legno, con un cestino in mano a raccoglierne una ad una ...una nel cestino...due in bocca, poi ancora una nel cestino e tre (per lo sforzo ;) ) in bocca e così via...!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. solo ora riesco a leggere il tuo post sulle ciliegie... e mi hai fatto commuovere!non vedo l'ora di abbracciarti.

    RispondiElimina
  8. Me ne stò facendo indigestione. Certo che in "marmellata" cremosa, avvolgente e passionale come la tua.....

    Bacio

    RispondiElimina
  9. Tra i miei sogni c'è queòllo di avere un albero enorme di ciliegie, lo sai?Non credo riuscirei a produrre la marmellata, eprchè finiscono sempre nella mia pancia senza che me ne accorga.Però io ragiono su piccola scala, non so che significh avere un albero grande!

    RispondiElimina
  10. impossibile non amare le giliegie , ci rende tutti bambini, ritornano nonostante le primavere pazze, loro ritornano e quello che mi piace é che durano il tempo giusto per farcele desiderare ed amare ancora e poi ancora fino alla prossima sveglia,..bellissima la foto della tua header, luminosa come sei tu e come mi fai emezionare ogni volta che ti leggo....prendero' un cucchiaino delle tue ciliegie anch'i con il tuo caffélatte domani ;-)

    un'abbraccio grande!

    RispondiElimina
  11. Ero bambina e mia madre comprò mezzo chilo di ciliegie. Le consegnò a me, per qualche minuto, che ero in auto col mio fratellino. Al suo ritorno non sapevamo cosa dire alla mamma... Ricordi dell'infanzia...
    Grazie dei tuoi post, (e delle tue belle ricette) Rosa

    RispondiElimina
  12. Buona questa marmellata la faro` anche io presto!!!

    RispondiElimina
  13. da noi sono ancora acerbe ma maturanno prima o poi, che invidia

    RispondiElimina
  14. io non ce faccio. me le mangio tutte, tutte, prima che possano diventare qualsiasi altra cosa che comunque adorerei. voglia mi fai.

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI