1 dicembre 2010

Pastina del Paradiso


Quando ancora c'era tutto da imparare e la curiosità mi spingeva a sperimentare sapori e accostamenti nuovi, quando ogni ricetta proposta anche dalla scatola della pasta era fonte di ispirazione, e intanto si accumulavano appunti e ritagli in quella che sarebbe diventata la mia agenda delle ricette.... mia madre mi insegnava a cucinare la pastina solo con il brodo vegetale, il brodo di carne o semplicemente con olio d'oliva e parmigiano, lasciando un pò di acqua di cottura....
Una sera, in preda alla malinconia, cercai un'idea da preparare per farmi un pò di coccole. 
Ma volevo qualcosa di buono, buonissimo, caldo e saporito. La malinconia era tanta.
Per caso lessi la ricetta consigliata per i 'funghetti', chiamata 'pastina del Paradiso'.
Pretenziosa pensai, ma associando mentalmente gli ingredienti dissi tra me e me che sarebbe valsa la pena tentare.
E il risultato fu una carezza al cuore, che ogni tanto mi concedo proprio quando fuori fa freddo , dentro pure, e la pastina con il semplice dado non basta più.
Arriva il Natale e qui e altrove non c'è per niente aria di festa. 
Meno male che non ci abbandona la voglia di fare e organizzare....e cucinare cose buone.
Per i progetti in corso c'è tempo...... ne riparleremo presto...


Pastina del Paradiso
(x 2 persone)
- brodo di dado granulare di ottima qualità 
- 150 g di pastina formato 'funghetti'
- 2 fette di  prosciutto cotto
- 4 cucchiai di  parmigiano reggiano grattugiato
- un uovo
- pepe

Appena il brodo giunge a bollore aggiungere il prosciutto cotto tagliato a striscioline sottili.
Quando il brodo avrà ripreso a bollire aggiungere la pastina e girare.
In un piatto sbattere leggermente l'uovo con il parmigiano e il pepe e, appena la pastina è al dente, versare il tutto nella pentola e girare velocemente.
A piacere aggiungere un altro pò di pepe e servire bollente.
SHARE:

19 commenti

  1. Un abbraccio che ti scaldi te lo invio di cuore e a presto...ciao Anna :-)

    RispondiElimina
  2. Una pastina ricca, il prosciutto gli da una bella note di colore e di sapore, mi vergogno ma la mia pastina è brodo e patate e carote e qualche volta petto di pollo senza pasta

    RispondiElimina
  3. e si che con queste pastine scaldacuore prima o poi tutte abbiamo avuto a che fare almeno una volta nella vita!...Io mi ci sono imbattuta senza incontrare il prosciutto però e con un nome che ha poco di paradisiaco...:..."pastina stracciatella"!....aspettiamo....aspettiamo...vedrai tra qualche giorno come lo "spirito" natalizio ci prenderà...inevitabilmente ci tufferemo nel turbinio di proposte inviti attese di ritorni e coccole da regalare!!
    ti abbraccio cara amica

    RispondiElimina
  4. Anche per me la pastina in brodo è sinonimo di coccola e ricordi d'infanzia. La mangio spesso quando sono un po' giù o quando ho bisogno di semplicità (spesso dopo aver mangiato troppo cibo asiatico o cmq esotico). La mia pastina preferita è quella grattugiata o i risoni. E tanto, ma tanto parmigiano.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ciao Anna! posso dire che ti voglio bene??? Mi hai fatto ricordare la mia infanzia e la mia nonna materna che mi preparava sempre questa pastina in brodo con tanto tanto parmigiano :-) Grazie, di cuore. Un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  6. Amiamo il brodo, l'ho preparato proprio ieri di carne e mi sta solleticando l'idea di provare la tua versione.... Grazie cara

    RispondiElimina
  7. La tua pastina del Paradiso è diversa dalla mia o meglio di quella che mi preparavano..questa la mia

    http://coolchicstyleconfidential.blogspot.com/2008/04/minestra-del-paradiso.html

    prendo la tua versione molto volentieri, baci

    RispondiElimina
  8. Sai che hai fatto venire voglia anche a me che non amo particolarmente il brodo?

    RispondiElimina
  9. La minestrina coi risoni o le temestine, non mancava mai a cena nelle sere d'inverno , quando ero bambina..ora mi preparo l mie zuppe e sono felice :)
    Non so che succeda Annna, mi spiace sentirti così, spero che tutto si sistemi presto.Intanto ti mando un bacione!

    RispondiElimina
  10. Che bella la tua minestra e quella sensazione di conforto e di calore che emana. Con questo freddo il suo pensiero quasi mi commuove... sarà la voglia di coccole e di calore che ho, o il fatto che Natale (e questo in particolare) nemmeno per me è sinonimo di festa. Un abbraccio e un dolce inizio di dicembre

    Giulia

    ps: Ne approfitto per invitarti alla mia raccolta 'Madeleines mon amour'

    RispondiElimina
  11. Spero tanto che il brodo ti abbia scaldato anche il cuore!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Una vera coccola, non ho mai provato questa versione. Quando ero piccola la mia passione era per la classica pastina in brodo....con il formaggino sciolto dentro...spettacolare!! Aspetto tue news natalizie e non..;-)

    RispondiElimina
  13. La prossima pastina in brodo, sarà così...
    Ogni tanto, una carezza al cuore e al pancino serve proprio, e poi sarà come mangiarla insieme a te :)
    Bacio

    RispondiElimina
  14. Sai che non ho mai preparato una minestrina? La faccio per Uvetta ma per me mai....ne avrò mangiata troppa da bambina forse...
    Leggo malinconia fra le righe...sorridi che fra poco tanti libri viaggeranno felici per l'Italia!

    RispondiElimina
  15. Ciao Anna! anche la mia mamma cucina una minestrina molto buona per me che ritengo la minestrina in piattino triste triste, passerò a lei la tua ricetta che penso abbia poco a che fare la triste minestrina....I love passati di verdura in queste sere d'inverno...ma questa sera un pezzo di cioccolato mi ha coccolato di più!!!!spero nulla di grave per le tue tristezze...dai che a breve una simpatica danza dei libri apre l'aria Natalizia...ti abbraccio.ann....a.

    RispondiElimina
  16. ecco e mihai fatto ricordare che mi son scordata ancora di comprare la pastina:D

    RispondiElimina
  17. Io sono una fan delle minestrine, adoro quella di dado con le stelline, mi fa tanto casa e coccole...ma anche la tua mi piace tanto tanto, prima o poi la voglio provare, magari in una fredda sera piovosa, come ce ne sono tante, in inverno...

    RispondiElimina
  18. Ciao sono arrivata sul tuo blog, in modo casuale... rimanendone esterrefatta, è bellissimo è molto curato!
    Complimenti Antonella.

    RispondiElimina
  19. Grazie per la ricetta. Probabilmente è molto gustoso.

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI