9 agosto 2018

Pomodorini in dispensa



Sono felice. Sta piovendo e all'improvviso mi sento meglio.
Lo so che mi ripeto, ma il malessere che mi provoca il caldo non è facilmente comunicabile a chi invece ne gode.
Mi accontento di questi brevi momenti in cui il cielo si rabbuia, scatena il vento e mille fulmini, piove a dirotto, grandine e acqua solo lontano, portando però fin qui il profumo di tempesta.
Poi con la stessa velocità vanno via le nuvole e torna il sole con un caldo che soffoca.
E così attendo il tramonto. Quando comincio a muovermi respirando più facilmente.
E durante i miei tramonti pulisco il garage, faccio pulizie, metto fuori di casa il naso per andare a fare commissioni, vado in campagna.

Questa che racconterò è la storia di due tramonti in campagna.

Durante le mie giornate scatto foto e conservo ricordi. Una mania che mira forse a fermare il tempo per il timore che possa portare con se immagini e momenti belli.
Poi arriva il momento in cui me le riguardo e sono contenta di averlo fatto. Soprattutto quando guardo le foto dei miei figli, quando sono già lontani. E così, rivedendomi tra i loro abbracci, e con loro addosso o intorno a me, mi sembra di averli ancora con me. 
Approfittiamo di ogni momento in cui stiamo insieme per parlare e parlare.
Una sera ci siamo seduti nell'orto accanto alle piante di pomodori e, mentre li raccoglievamo e riempivamo cassette, ci raccontavamo i riassunti delle nostre vite che ormai sono strade diverse, che si incrociamo di tanto in tanto. E il sole calava. E quello era un momento solo nostro, in mezzo al silenzio della campagna.
Siamo tornati che era già buio.


Il giorno dopo.

Pomeriggio assolato, tramonto. ancora.
Le mani devono sempre muoversi e lavorare mentre la bocca parla e le orecchie attente ancora imparano ascoltando. Abbandonati i telefonini si dividono i compiti.
Mentre mia madre e mio figlio puliscono i pomodori io recupero un pò di frutta che oramai sta 'passando' e ne faccio marmellata, anzi confettura o come cavolo si dice. Scusate ma era meglio quando uno parlava senza il pensiero di qualche saccente dito inquisitore. Quando l'orto regala pomodori in quantità non si può ignorare il dono e allora se ne fanno boccacci di pezzettoni profumati di basilico per l'inverno, quando uno a casa, l'altro lontano, penseremo a questo momento lento trascorso insieme ad imbarattolare l'estate.  Domani si penserà ad andare al mare.

Noi l'estate la viviamo così.
al canto delle cicale.
Noi formiche.

E mia madre ci dice come fare.



Pomodorini in dispensa

ingredienti:

- pomodorini
- basilico

Procedimento:

Sterilizzare i barattoli e i propri tappi facendoli bollire almeno 10 minuti dopo il bollore. Farli asciugare capovolti du un canovaccio pulito.

Lavare i pomodori e il basilico.
Tagliare a metà i pomodorini e sistemarli nei barattoli, premendo affinchè esca la maggior parte dell'acqua di vegetazione. Attenzione, non tutta.
(Potete utilizzare l'acqua di vegetazione in eccesso per condire un'ottima panzanella, aggiungendo un pò d'olio e di sale)
Alternare i pomodorini a qualche foglia di basilico.
Chiudere ermeticamente i barattoli e farli bollire a bagno maria almeno mezz'ora dopo l'ebollizione.

tutto qui.







SHARE:

6 commenti

  1. Sento il profumo da qui, Anna! Che meraviglia! E che bellezza i tramonti e le luci e i suoni di quel posto, che poco più a sud è anche un po' mio <3

    RispondiElimina
  2. Da lunedì avrò del tempo da dedicare a queste cose. Mi hai dato un'ottima idea per conservare i pomodorini. Le foto sono magnifiche, però da cuoca improvvisata quale sono ti dirò che troverei utile qualche piccolo video. Per esempio, in questo caso, per capire quanta acqua di vegetazione si debba eliminare.
    Ci proverò e ti farò sapere se ci sarò riuscita.
    Un abbraccio caro. Sei preziosa!

    (Maf)Alda

    RispondiElimina
  3. Devo dire che il risultato è incredibile, anche se per raccoglierli ci vuole una grande pazienza (ne so qualcosa). Ma saranno buonissimi!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. che belle queste giornate a confezionare ricordi, le mani di tua madre piene di vita, il rosso dei pomodori e un po di tregua dal caldo estivo. Vorrei essere passata di qui prima e aver letto questa ricetta finche avevo ancora pomodorini. Da segnare per il prossimo anno!

    RispondiElimina

Grazie, i vostri commenti sono preziosi. Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi. So che capirete. Vi ricordo che se commentate con un account registrato ACCONSENTITE a pubblicare il link al vostro profilo tra i commenti. Prima di commentare consultate la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI