7 settembre 2012

Pennette ai pomodorini ciliegino, pizzaiola e acciughe


Da mezz'ora è passata mezzanotte e rimanere a scrivere qui, con la luce soffusa, seduta sulla mia comoda sedia imbottita, e con accanto la porta aperta del balcone, e l'arietta finalmente rinfrescata che entra ... mi fa sentire bene.
Oggi ho dedicato del tempo alla lentezza. Il caldo me lo imponeva, il fresco me lo sussurra complice.
Avere per compagne le gocce di pioggia, le nuvole, un pò di vento fresco, le maniche lunghe di cotone leggero, e le scarpe da ginnastica ai piedi, è impagabile.

Questa estate ha visto le mie notti insonni, un pò per il caldo, qualche volta per mancanza vera di sonno, a volte anche per la maleducazione di ragazzi che sfrecciano con la musica a palla che vien fuori dai finestrini aperti dei loro macchinoni, stupidamente prestati da papà boriosi.

I pomeriggi hanno visto inutili  tentativi di recupero. Inutili, perchè telefoni, citofoni e campanelli vari, via vai di figli indaffarati, non mi hanno dato tregua. 

Son riuscita a leggere un libro, deludente, che però non citerò perchè l'autrice mi segue...
Confido nei prossimi, ne ho tanti accatastati, che guardo con avidità.
E penso a quello che sto scrivendo io... 
E a quello che scriverò subito dopo....

Sto cercando di regolare la mia alimentazione, ma ora una fettina o due di salame piccante lo mangerei volentieri.
Sto cominciando a camminare un pò di più, ma il numero di metri (non km) è inversamente proporzionale alla quantità di cose da fare. Così anzichè aggiungere, comincio a cancellare gli impegni.

Voglio imparare a delegare, anche pagando volendo.

E voglio anche imparare ad aprire la mia mente e guardare la verità nei comportamenti degli altri.

Insomma questa è la notte dei buoni propositi, che arrivano sempre con l'aria fresca.

Ora è tardi, posto una ricetta profumata di questa estate strana, da rifare perchè ricca di profumi e buonissima.


Pennette ai pomodorini ciliegino, pizzaiola e acciughe.

- pomodorini ciliegino
- aglio
- capperi
- acciughe
- origano (magari fresco)
- pepe
- prezzemolo
- olive
- pangrattato
- olio extravergine di oliva
- pasta (pennette, rigatoni, ma anche bucatini)
- stracciatella
- formaggio grattugiato (facoltativo)



Tagliare a metà i pomodorini, e sistemarli in un tegame da forno con olio sul fondo.
Sminuzzarci su il prezzemolo e l'aglio, le acciughe salate (a cui avrete tolto la lista ed eliminato il sale), l'origano, le olive, il pan grattato, sale e pepe.
Infornare a 200° finchè si saranno ammorbiditi e il pangrattato sarà diventato croccante.
Nel frattempo cuocere molto al dente le pennette.
Scolarle e mescolarle ai pomodorini.
Sistemarle in una pirofila da forno e distribuire un pò di formaggio e la stracciatella qua e la.
Infornare a 200° finchè la mozzarella si sarà sciolta.

SHARE:

20 commenti

  1. Anna non immagini nemmeno quanto io mi rispecchi nelle tue parole. Il delegare anche pagando mi piace, si arriva ad un punto della vita che non si riesce neanche volendo a rispettare i ritmi imposti da una società che vuole le donne sempre in primo piano, il lavoro, la casa, i figli, non necessariamente in questo ordine, ma davvero parlo personalmente non reggi più tanto stress imposto.
    Per la verità degli altri, beh è un capitolo a parte , Anna! Quella è difficilissima, non vederla, ma trovarla negli altri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ancora non ho capito se crescendo si diventa più esigenti e meno comprensivi.... pensavo si diventasse più tolleranti e pazienti.
      Mi sbagliavo.
      Quanta strada ancora da percorrere, e chissà mai se arriveremo alla serenità.
      un abbraccio
      A

      Elimina
  2. Amoreeee, ho appena fatto colazione con la tua musica e le tue parole ( e ccche é una canzone? quasi)...no, voglio dire, tutto suona come una bella musica e speriamo che il freschetto leggero resti ancora un po' ( che non diventi pesante fresco freddo, intendo) di questa estate strana e che le pennette non lo sono affatto, strane, ma buonissime sono certa, ti auguro una buona giornata.

    ps: a parte che mi piace un sacco leggerti, ma leggerti con il tuo accento che conosco mi fa una grande gioia!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara patrizia,
      anche io scelgo la musica del mio blog per farmi compagnia da sola quando faccio colazione. Per questo sono quasi sempre tutte molto soft.
      (anche se qualche volta vi stupirò con musica hard metal e foto mie con borchie!!!)
      MI piacerebbe tanto incontrarti ancora.
      Mi sta venendo un desiderio di venire da teeeeee....
      un abbraccio
      A

      Elimina
  3. Buongiorno Anna! Sono ore che non dormo e ora leggo il tuo dolce post. Sei il mio raggio di luce oggi :-) Nel tuo racconto mi ci vedo un pò sai? E se non fosse per l'orario... Quasi quasi un piatto me lo mangerei :-) Ti auguro una splendida giornata! Un'abbraccio, Gina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando una cosa è buona è buona a qualsiasi ora... e anche a colazione io mangerei volentieri salato.
      Sarò una nordica, considerato che mi piace anche il freddo...
      Siamo in parecchi a girovagare di notte eh?
      un abbraccio
      A

      Elimina
  4. Anch'io come Patrizia ho fatto colazione con la tua musica e le parole lette in due atti in quanto la muusica per trasporto mi ha chiuso gli occhi e sono entrata nel mondo immaginazione .....TU non sei mai deludente ! nice . ann...a. Mi piace molto la pagina bianca pulita con solo il tuo nome e i puntini....io amo i puntini puntini...in essi ci vedo un mondo da raccontare...scoprire...cercare...

    RispondiElimina
  5. ciao ann...a
    purtroppo la scelta dell'header con il slo nome è obbligata dal fatto che non mi carica più le foto e vogliono un pagamento di un tot per giga...
    Devo capirci qualcosa prima...
    I puntini per me significano che niente è definitivo tanto da chiuderlo con un punto.
    Lascio sempre aperte delle possibilità per tutto.
    un abbraccio
    A

    RispondiElimina
  6. cara anna..
    amelie è pefretta per questo post.si parla dell'estate appena passata, dei profumi delle cose buone di casa, cìè nostalgia per l'amicizia che a volte -anche lei- porta un po' didelusione...ti sono vicina lo sai e sono certa che questi puntini di sospensione porteranno nuova visione di ciòi che hai ... ( e per ne hai tanti di amici che puoi canalizzare in momenti diversi la tua attenzione e ricerca di condivisione) un abbraccio per questo fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Simonetta, questa musica mi culla con tutti i miei pensieri ....
      grazie per le tue parole
      ti abbraccio
      A

      Elimina
  7. eccomi finalmente! trovo un momento di pausa per leggere una tua ricetta a caso, immersa nella magia della musica di Tiersen...sono golosissima di pasta condita con semplicità, come questa che proponi con i sapori che amo come l'origano e le acciughe...a presto dunque e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie carissima, qui da me troverai sempre e solo cose semplici.... quelle complicate le lascio agli esperti...
      ma la musica la scelgo per creare la magia. Felice di esserci riuscita..
      A

      Elimina
  8. Davvero una portata che incanta per sapore, colore e corposità.

    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e poi quanto è facile...
      un bacione anche a te
      A

      Elimina
  9. che bel piatto!!! sa proprio di estate!

    buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e di autunno, e di inverno e di primavera.... lo puoi fare sempre e godertelo..
      A

      Elimina
  10. Mentre ti leggo, mi sostiene il valzer d'Amelie e penso che i tuoi pensieri lievi come questa musica, siano in realtà densi di peso e valore. Sarei felice di leggere il tuo libro. Spero che ci terrai informate degli sviluppi. Circa all'atto del delegare, se qualcuno mi spiegherà un giorno come fare, sarò la persona più felice del mondo. Non so se faccia parte del mio modus vivendi. Sono una maledetta accentratrice.
    Ti abbraccio forte e in bocca al lupo.
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mio libro, i miei libri, sono pensieri e desideri leggeri e fantastici come la musica che ascolti qui...
      Chissa!!
      un bacio
      A

      Elimina
  11. hai dedicato del tempo alla lentezza...sono contenta Anna perchè sei sempre di corsa da una parte all'altra, non ti fermi mai. Come me. Scrivevo ieri ad un'amica...mi sento rotolare la vita tra i piedi e a volte mi sembra di perdere la direzione, allora un attimo di pausa, sì ci vuole. Poi facciamo un'altra intensa pausa giovedì, venerdi e sabato!
    Annina non vedo l'ora di ritrovarmi a cenare con te... scherzando e ridendo come mi fai fare tu che qualche volta mi si strozza il boccone in gola... ma amo il rischio!

    Pippi tua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Lauretta, magari riuscissi a fermarmi con la mia volontà.
      Oggi sono bloccata forzatamente con il nervo sciatico infiammato...
      accidenti!
      se non mi danno una botta in testa non riscono a fermarmi...
      non vedo l'ora anch'io che arrivi giovedi, giuro anche piegata in due vengo.
      un bacione
      Anna

      Elimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI