7 febbraio 2011

Panzerotti?


C'era una volta il Bar Grottino. 
E li intorno ruotava la nostra estate, l'inizio della nostra adolescenza, le nostre cotte che ci facevano venire il tuffo al cuore, il terrore dei genitori che venivano in villa per sorvegliarci che ci minacciavano di morte se ci avessero trovato nelle 'rotonde' , luoghi tenuti accuratamente bui dai ragazzi che provvedevano a rompere le lampadine, pur di allungare le mani....
E dopo le passeggiate intorno e intorno e intorno alla villa come i pazzi di 'fuga di mezzanotte', si andava tutti insieme a mangiare i panzerotti del mitico Bar Grottino, dove ci si sedeva intorno ad un tavolino piccolissimo, anche in 12 e si prenotava 'il piatto dei panzerotti' che la proprietaria del bar faceva salire dalla cucina sottostante, attraverso un porta vivande magico, un piatto con 5, massimo 6 panzerotti.
Il mitico Gino non sempre riusciva a rispettare le ordinazioni, perchè passando passando, i ragazzi più 'insolenti' per non dire peggio, gli fregavano i panzerotti dal piatto facendo arrabbiare da morire coloro che li avevano ordinato e aspettavano li da ore.
Ma quando arrivavano ... la magia iniziava... impasto friabile che si scioglieva in bocca...
Non erano panzerotti.... era una poesia....
Magari sapevamo pure che l'olio si cambiava ad ogni morte di papa, ma chissenefregava? all'epoca mica facevamo tanto gli schizzinosi.
Nei bar si fumava, si beveva una birra o una cocacola, si mangiava SOLO un panzerotto e poi si tornava a casa felici e anche un pò preoccupati di essere stati visti e beccati dai genitori nella rotonda...
Per anni ho cercato di riprodurre l'impasto di quella meraviglia. Ma purtroppo la signora del bar è andata via, in cielo, portandosi con se la sua favolosa ricetta.
Oggi a casa c'era desiderio di panzerotto, ma non di pasta cresciuta... E' un periodo di desideri questo.
E così ci sono riuscita ad avvicinarmi moltissimo a quello dei miei ricordi.
Certo ci vuole coraggio ad impastare solo 4 panzerotti e friggere e appuzzire tutta la casa solo per un desiderio, ma se ci diciamo sempre 'carpe diem', e poi non lo facciamo mai siamo prorpio degli stupidi, no? 
E io stupida non sono.... 
Allora non solo sono piaciuti, ma stiamo organizzando per sabato prossimo anche una panzerottata con gara comparativa. Scontro tra ricetta di 'pasta cresciuta' e 'pasta similbargrottino'.
Vi faccio sapere chi vincerà.

Panzerotti tipo 'bar Grottino'

(x 4 panzerotti grandi o 8 piccoli)
- 250 g di farina 00
- 50 g di strutto
- sale
- circa 50 g di acqua
- 2 mozzarelle
- pelato o salsa
- capperi
- olio di semi di arachidi per friggere

Impastare farina, sale, strutto e aggiustare di acqua, fino ad ottenere una consistenza morbida.
Non devono lievitare, quindi potete già separare le 4/8 palline e stenderle con un matterello fino ad ottenere dei cerchi. 
A parte tagliuzzare le mozzarelle, i pelati e aggiungere i capperi. Mescolare e mettere un cucchiaino di questo composto in ogni cerchio di pasta. Chiudere e sigillare con la rotella dentellata.
Friggere in abbondante olio caldo,
Scolare su carta assorbente....
nota: per il ripieno potete sbizzarrirvi con le varianti .... prosciutto e mozzarella, pomodoro fresco e ricotta forte, uova e formaggio, verdure uova e formaggio, semplice pomodoro mozzarella e basilico.... insomma a piacere....
SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI