24 settembre 2015

Riso e patate con TRE olive fritte (terzo giorno di dieta)

risoepatate

Bè diciamo che anche 200 g al giorno vanno bene. 200 x 7 sono 1,400 a settimana. !,400 x 4 sono 5,600 al mese. Wow, di questo passo a Natale sarò una ‘sinuèt’ come dice mia madre. Però bisogna essere seri e fare le cose senza fregare. Io a dire il vero faccio degli sgarri calcolati, ma mi servono per pensare di aver fatto una furbata e perchè mi voglio bene. Allora vediamo se qualcuno ha da obiettare. Nel senso di qualche nutrizionista.

Consiglio n.1 di oggi: se a colazione sono previsti due biscotti o due fette biscottate integrali con un cucchiaino di marmellata, io dimezzo e mangio o un biscotto solo o una fetta sola e conservo l’altro per la sera tardi come dolce. E si, perchè io che faccio tardi verso mezzanotte ho già di nuovo fame e ho voglia di qualcosa di dolce. E così gabbo il vizio.

Consiglio n.2: quando è prevista una minestra, io cerco di allungarla quanto più possibile con il brodo, così mi sento ugualmente sazia e introduco liquidi che altrimenti stento a bere.

consiglio n.3: servire le pietanze in un piatto piccolo e non nelle ciotolone dell’ikea che ho comprato lo scorso Natale. In effetti la colpa del mio aumento repentino di peso è da attribuire ai piatti grandi che, si riempiono che poca roba pare brutto, si finisce tutto che lasciare nel piatto pare brutto, e si fa pure la scarpetta che anche se pare brutto chi se ne frega.

Per oggi basta così.

Oggi Riso e patate con verdure e gentile concessione di tre olive fritte.

Riso e patate

- un cucchiaio di olio extravergine di oliva

- una patata piccola

- una cipolla piccola

- mezzo peperone

- tre pomodorini

- una tazza piccola da caffè di riso

- prezzemolo

- pepe

Sbucciare e tagliare a cubetti la patata. Tagliare a pezzi il pomodoro, il peperone, e la cipolla e far rosolare dolcemente in una padella dove avrete versato l’olio.

Aggiungere l’acqua e portare a bollore. Versare il riso e aspettare che cuocia.

Servire caldo con prezzemolo fresco tritato e con un cucchiaio raso di parmigiano o cacioricotta  o pecorino.

Per le olive: ungete una padellina piccola piccola con olio, mettete le olive della varietà giusta, copritele e quando vedete che sono belle lucide spegnete il gas. Pochissimo sale e via…. Ma davvero dovete mangiarne SOLO tre eh!

riso e olive

SHARE:

7 commenti

  1. mi hanno colpito le tre, solo tre, olive fritte
    brava per i progressi che stai facendo e per le strategie personali che stai mettendo in atto, del resto solo noi ci conosciamo a fondo
    in bocca al lupo per la dieta, continua così Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le tre olive come il biscotto la sera sono davvero delle strategie per gabbare il vizio. Magari riuscissi a prendere l'abitudine di ridurre le quantità sempre. Quello che ora è un sacrificio, vorrei diventasse indolore in seguito.
      Crepi il lupo e grazie
      Anna

      Elimina
  2. E però quali sono le olive della varietà giusta? O_O
    Riso e patate... uuh, sa di pioggia autunnale e di finestre ancora aperte per far entrare quell'aria ancora calda... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si chiamano proprio 'olive da friggere'. Sono quelle ciccione, tonde e dolci che se le metti in una ciotola con il sale grosso si seccano un pò e si possono mangiare senza altri trattamenti.
      Riso e patate, minestra antica e per questa un must della nostra cucina di casa.
      un abbraccio
      Anna

      Elimina
    2. Corro a cercarle, Anna! Mi hai fatto venire una voglia...
      ... cosa? ah, sì, va bene: solo tre! :)

      Elimina
  3. Bè, che ti devo dire, a me riso e patate piace un casino, molto più delle olive fritte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me purtroppo anche le olive. E tanto.... ne mangerei di continuo. Calde, fredde, tante, col pane o senza.
      yummmmm
      un abbraccio

      Elimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI