29 maggio 2017

Il pacco della mamma del sud



L'altro giorno mi dice mio figlio minore che a Bologna per 3 mele e 3 zucchine ha speso 6 euro. La mamma (o la tirchiona, ancora non ho capito bene) che è in me, subito ha detto. 'Amooore, ma stiamo scherzando? ma così tu non mangi mai ne verdure, ne frutta. Allora sai che faccio? ti preparo un pacco con la spesa di frutta e verdura dell'orto, che ora ci sono anche le ciliege, ammamma, che altrimenti tu non le assaggi mai visto che torni a luglio, e te lo spedisco. Eh? che dici ammamma?' E lui (ovviamente) 'va bene mammaaaa'. E l'altro che deve dire? 'al figlio preferitoooo?' E allora si fanno due pacchi. E allora scatta il tour da runtastic. Parto e vado in campagna a raccogliere le ciliege fresche, tanto per cominciare e i piselli. Madonn li devo pure sgusciare. Poi si fa il giro degli amici fruttivendoli che hanno roba fresca e buona e compro, zucchine, melanzane, basilico che qui si vende a piante, che se hai un vasetto con terreno, ti dura e 'progredisce' come dice mia madre. Poi carote, un'insalata, tanto arriva domani, fagiolini, il sedano per profumare, un melone, a quei figli. Poi i cocomeri ciangiuffi (barattieri volevo dire) non glieli mandi? che quelli appena li vedono pensano alla terra loro. Fagiolini, ah già l'ho detto. Allora chiamo il figlio grande e gli spiego tutto. E lui mi fa 'ah allora il pacco vegetale questa volta. Ma mamma c'è anche l'albero delle provole per caso? e dei salami?'. Abbiamo capito, 'si gli dico, certo che sta'. E vado a comprare anche questo. Su uozzap continua la chat 'mamma due taralli due e un pò di caffè? la salsa?' E no eh! la salsa no, che quella mi costa un'occhio a spedirla e poi, già finita quella che ti ho mandato l'ultima volta? sempre a cene e cenette state?' Vabbè. Vado dallo 'spedizioniere'. Pesiamo il tutto e mi dice 'signora per altri due euro può aggiungere altri 8 chili di roba'. Ma scherziamo? solo due euro? e certo che li aggiungiamo. Aspetta qua che torno subito. E così abbiamo aggiunto pelati, pomodorini con la buccia, fagioli, pane fatto in casa, merendine (che non gliele compro da una vita perchè fanno male, loro non se le comprano perchè costano tanto, e allora gliele compro perchè si emozioneranno che gli ricorderà quando erano piccoli che io non capivo e gliele compravo, sigh!), il tonno, i taralli, il caffè, il cacioricotta, e una manciata di tronky che gli piacciono tanto. Corro che fra mezz'ora parte il corriere e ancora dobbiamo stipare e incastrare bene tutto. Arrivo li e trovo una fila di mamme. Tutte con i cartoni fatti in casa più grandi del mio, da spedire ai figli lontani. All'inizio rido e mi sento facente parte della comunità di terronia femmina, poi chiedo cosa mandano loro. E una mi dice 'crostata, biscotti per il latte, pane fatto in casa, la focaccia, i taralli. Sono due giorni che sto preparando. Ma sai com'è le cose della mamma....'. E li mi sento una mamma degenere che nemmeno una crostata gli ho fatto. E il pane l'ho pure comprato. E pure i taralli. E allora mi son detta che non possono minare così la mia autostima sti benedetti pacchi. E volevo scrivere sul cartone 'fateveli bastare per un lungo tempo beh!', ma non l'ho fatto. I pacchi sono partiti. Oggi mi chiama mio figlio e mi dice con voce tremolante 'mammaaaaa quando ho aperto il pacco ho sentito il profumo di casa. Il basilico, il sedano, pure le cipolle mi hai mandato, quelle novelle da fare con i piselli dell'orto!' Mamma e poi.... le merendineeeeeeeeeeeee. '. E allora ho capito che il pacco mio era più bello di quell'altro, ecco, e che ognuno sa come mandare un pezzo di casa ai propri figli, quando sono lontani. Saremo pure sceme, noi mamme meridionali, ma le emozioni così non si possono comprare solo mandando più soldi per fare la spesa. Tiè.



E ora andiamo a fare le confezioni belle per le mie confetture di ciliege che nel frattempo ho preparato e che andranno a finire nel prossimo pacco.
Non mi basta certo mettere l'etichetta bianca con la data e con un tappo qualsiasi. E così ho comprato la stoffa a quadrettini rossi e.... basta seguire lee immagini e capirete come ho fatto.
Per la ricetta potete andare --> qui o qui






SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI