14 maggio 2013

Vi presento ECCELSA

a1

La mia Puglia ogni tanto mi stupisce. All’improvviso scopro delle realtà di cui prima (per mia negligenza) non ero a conoscenza, e vengo travolta da un numero infinito di emozioni che mi stracaricano di energia e progetti e voglia di organizzare. Ad Alberobello, sono stata invitata ad un evento lo ‘CHEF DAY ECCELSA’ per la presentazione della nuova NAZIONALE ITALIANA CUOCHI, presso l’ISTITUTO ECCELSA dei fratelli Matarrese. La struttura è di quelle che ti incantano, o almeno incantano chi ha la passione per la cucina e vorrebbe restare chiuso li per giorni dove trovi straordinari libri di cucina, un’infinità di attrezzature per realizzare tutte le ricette che vuoi, mille cucine avveniristiche e solide dove voler accendere tutti i fuochi e cucinare un pranzo intero nello stesso momento…. insomma un posto dove sognare sogni possibili da realizzare.a2

E tra i sogni da realizzare, soprattutto per chi non nasce chef, ma vorrebbe tanto diventarlo o almeno imparare a destreggiarsi con sicurezza in cucina, ci sono i tantissimi corsi che li si organizzano e garantiscono attestati da incorniciare, di cui vantarsi e, perchè no, da considerare anche l’inizio di sogni concreti da realizzare. Ripeto tanti sono i corsi il cui elenco riporterò in seguito, tutti tenuti da cuochi eccellenti e preparati, in una struttura dove ‘mettere le mani in pasta’ sotto una guida seria e professionale che ti segue. E figuriamoci, qui si allena la nazionale italiana cuochi, si specializzano i nuovi chef, prima di partire per il mondo per portare in giro la propria esperienza professionale e arricchire il proprio curriculum con il futuro. Figuriamoci cosa potremmo fare noi, blogger e non, uomini e donne appassionati di cucina, in una struttura del genere e con maestri del genere….   UN sogno!a4 

E oggi anche l’evento organizzato è stato ricchissimo di informazioni, di interventi tutti positivi e costruttivi, di dimostrazioni di grande cucina con il mitico maestro della Cucina Italiana,  Igles Corelli e la sua dialettica con accento ferrarese, che ha preparato due piatti favolosi e nel giro di un’ora ci ha insegnato tanto sulla cottura delle verdure, sui segreti per fare un buon risotto, sull’economia in cucina, sull’uso di fiori nella presentazione… ecc….

a6

Tra i partecipanti che hanno catturato l’attenzione del foltissimo e interessato pubblico, ricordiamo Pietro Zito, il cuoco contadino patron di “Antichi Sapori”, Fabio Pisani, Executive Chef del ristorante “Il luogo di Aimo e Nadia”,

a7

SHARE:
TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI