16 marzo 2017

Il limoncello



Passeggiando tra i blog, bellissima abitudine che sto riprendendo, bella come riprendere tra le mani un libro, stamattina ho raccolto un paniere di riflessioni
Sono passata dal post di Patty, dove con la scusa di una terrina, si parla delle sensazioni che accompagnano l'autostima di una donna, dall'adolescenza a quell'età in cui, tutto, corpo e mente, sembra ballare come una nave sul mare in tempesta.... al nome di un blog che d'ora in poi seguirò, e che ironicamente sembra riassumere il punto di vista di chi, più giovane, ci osserva : galline vintage.

E scopro che, nonostante la sicumera che mi fa illudere di poter parlare di tutti gli argomenti senza problemi, ce n'è uno che fino ad oggi ho sempre volutamente trascurato, o rimandato, o semplicemente evitato.

In questo ballo frenetico del web dove devi essere sempre attiva, positiva, propositiva, aggiornata, agguerrita, intelligente anzi smart, tutte cose che appartengono alla gioventù o all'età quasi matura, devi dimostrare di saper o poter reggere la botta man mano che il tempo passa.
Parlare a cuore aperto di vampate, irritabilità, cambiamenti di umore, di insonnia, (madò sembro la pubblicità di Kilocal), che quando ti vengono ti sembra di stare su una giostra impazzita, ti fa temere di essere un pò ... agèè.
Che poi, rileggendo, non è nemmeno vero. Forse è solo pudore femminile. O forse è tutto insieme.
Però meno male che questa cosa qui ti viene in un momento in cui sei o dovresti essere già saggia e partorisci pensieri che partono malinconici, ma poi diventano positivi.

Innanzitutto sono da stimolo per fare di nuovo comunità e gruppo tra donne. 'come anche tu?' e li a sciorinare confronti su modalità e orari, e notti insonni tra  caldi e freddi improvvisi, con racconti di coperte che volano via e che poi recuperi, di pranzi dove ci si chiede di continuo 'hai un ventaglio? anche un piatto di plastica o una cartolina vanno bene!', oppure 'mi fai sedere un pò accanto alla finestra?', e i mariti che non capiscono perchè a loro fa sempre freddo, ti dicono 'ma chiudiiiii'.
 E cosi via con questo bel teatrino. 

Ma parlare solo dei sintomi sarebbe riduttivo. Sarebbe bello parlare anche di quello che ti frulla per la testa all'inizio, quando cominci a capire il significato di questa novità. E di questo non tutte ne parlano. C'è il timore che tu ti senta al capolinea di qualcosa, sull'orlo di uno strapiombo da cui, dopo aver saltato, precipiterai nelle ricrescite impietose, negli scrocchiamenti mattutini di ossa, negli appuntamenti per i vari ostinati restauri, nei movimenti non più disinvolti e nelle ginocchia che non ti permetteranno facilmente di fare 'i piegamenti'.
Per poi, una volta atterrata nella terra della consapevolezza, comincerai a fregartene, e ad essere più buona con te stessa.
Comprerai scarpe comodissime, vestiti coloratissimi, parlerai senza più timore di sbagliare in mezzo agli altri alle presentazioni di libri, accarezzerai tuoi sogni che tirerai finalmente fuori dal cassetto, e ritroverai il piacere una vita dove non si sgomita.
Rileggendo ho cancellato le parole 'indulgenza, ormai, serenità, lentezza' che avevo inserito.
Perchè ancora non mi appartengono.
A dispetto del caldo che va e viene, sono sempre una terribile ragazzina inquieta e allegra, sempre pronta alla rivoluzione e alla discussione, sempre con progetti nuovi da realizzare, viaggi da prenotare, tavole da imbandire e amici da invitare.

E che prepara sempre liquori per brindare alle mille occasioni che la vita mi offre,

Grande successo per la torta caprese al limoncello che ho pubblicato qualche giorno fa.
Ma lo vogliamo preparare anche il limoncello buono buono che ho utilizzato nella torta e che conservo sempre nel freezer per berlo ghiacciato al punto giusto?

su provate e poi fatemi sapere.
(all'inizio è un fresco consolatorio, ma poi.... ti fa venire un caldooooo!!! ahahahah)



_____________________________________________________________________________
Limoncello

Ingredienti

- 9 limoni biologici
- 9 foglie
- 1 litro di alcool
- 1 litro e 300 di acqua
- 750 g di zucchero


Procedimento
Lavare accuratamente i limoni e sbucciarli, facendo attenzione a lasciare tutta la parte bianca sul frutto, poichè solo la parte gialla della buccia contiene gli olii profumati che servono per il liquore.
Immergere le bucce stropicciate e le foglie lavate e asciugate in un contenitore pieno di alcool, in modo che possano essere coperte completamente. Conservare in un luogo buio per almeno 3 giorni e scuotere di tanto in tanto.
Versare in una ciotola grande di vetro l'alcool eliminando le scorze e le foglie.
Preparare lo sciroppo di zucchero portando ad ebollizione l'acqua con lo zucchero e lasciandolo bollire per 5  minuti circa.
Far raffreddare e unirlo lentamente all'alcool profumato.
Consumare dopo una settimana.
CONSERVARE IN FREEZER....
_____________________________________________________________________________



SHARE:

7 commenti

  1. Beh, se in menopausa ci entri a 42 anni, hai pensieri ben diversi che ti frullano per la testa. E se ancora non ho parlato della mia esperienza e di come il blog mi abbia aiutato ad uscire dalla depressione, è perché sono stata impegnata a vivere.
    La menopausa è una tappa che se arriva presto ti sconvolge. Già si accetta male nell'età preposta. Figurati prima. Ed immagina di riconoscere ogni singolo sintomo listato sulla definizione on line della voce "menopausa". Il li avevo tutti. Ma non perchè sono ficosa, perché è la verità. Quando il mio ginecologo mi chiese a suo tempo "ha delle vampatine?", volevo rispondergli "E grisù!", perché le mie non erano vampatine, ma autocombustioni da altoforno.
    Bando alle ciance. Un bel bicchierino di limoncello consolatorio ci vorrebbe proprio.
    Un bacio cara Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patti bella mi fai morir ;-)

      Elimina
    2. uno, se prendiamo anche il limoncello, sarà un incendio indomabile.
      Due, te lo dico anch'io un aneddoto. Quando il mio ginecologo mi disse che 'ormai' c'erano tutti i sintomi, io gli attaccai una pippa su quell'ormai, che non penso lo dirà mai più. Tornai ad essere la ragazza polemica e orgogliosa dei vent'anni, quella che era contenta di difendere la sua femminilità e il suo corpo, comunque esso fosse.
      Madonna ma è corretto così?- Vedi? tra i vari sintomi c'è anche il 'chissenefrega'.
      un abbraccio
      Anna

      Elimina
  2. Annina, questo post mi fa bene al cuore e mi sento compresa finalmente, perché pare che tra le donne della mia famiglia, io sia l'unica unta per grazia divina ad avere ormai da un anno tutti i sintomi che accompagnano la pre menopausa. Se mi 'spoglio' o cerco aria all'improvviso, mia madre candida candida mi guarda incredula, quasi divertita, perché non si capacita di qualcosa che lei non ha mai provato.
    Tutti questi piccoli inconvenienti giungono comunque in un momento di ritrovata consapevolezza di un corpo che sta cambiando, è vero, ma non per forza in peggio, mi sto volendo più bene Anna, amo di più anche i miei difetti di sempre e mi si è scatenata la voglia di prendermi cura di me, totalmente.

    Sei sempre magica quando scrivi, Anna, non dimenticare quello che mi hai promesso.
    Un bacio appassionato d'amor
    Tua Pippi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco vedi? siamo un bel battaglione. Allegre, un pò gonfiette, ma tanto di compagnia. Quanto mi piacerebbe poter condividere di persona il mio ventaglio con te e con la Patty.
      Giuro che ci riuscirò a mantenere la mia promessa.
      Ti abbraccio
      Anna

      Elimina
  3. Cara Anna, io di anni ne ho 47 e qualche problemino comincio ad averlo :-) caldo, freddo, ora per esempio che è una settimana che ho la bronchite sono qui con la porta e le finestre tutte aperte eogni 5 minuti mi alzo e le chiudo e poi le riapro, e non è la bronchite, ma poi vogliamo partare dell'insonnia? E di tutto quello che segue... Ma la cosa che mi piace è la maturità aggiunta che mi da la certezza di poter pensare e ragionare in maniera diversa, senza più filtri e paranoie, sembro mia mamma dalla sincerità con cui dico le cose :-)ma veniamo al tuo limoncello fresco e bello :-) questo si che fa venire le caldane!!!! Ma se ci metto il ghiaccio tampono dai :-) Buon pomeriggio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Ely, la libertà o meglio il menefreghismo raggiunto, penso che sia la cosa più bella della nostra età. In verità io non è che me ne sia mai fregata dell'opinione della gente, ma ora più che mai faccio quello che mi fa stare bene. E ho deciso di comprare vestiti colorati e cose buone e salutari da mangiare. E di circondarmi di belle persone.
      Tra una vampata e l'altra.
      un abbraccio
      A

      Elimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI