10 giugno 2015

La speranza viaggia in autobus

autobus roma1

Sono in autobus e attraverso questa splendida città. Migliaia di turisti felici e accaldati fuori. Intorno a me, sotto quest'aria condizionata a palla, tutti gli occhi sono  bassi e attenti allo schermo del cellulare. Una signora anziana, con una maglietta verdina, una borsa grande piena di panni accanto,  una piccola borsa stretta in grembo, guarda fuori dal finestrino e intorno a se, un pò spaesata. E guarda e guarda. Ma gli altri guardano solo il cellulare. L'autobus frena all'ennesima fermata. Scende gente, ne sale altra. Altri cellulari e sguardi distratti. Tra questi una piccola donna, anziana, con un bel vestito a righe colorate, si siede di fronte alla signora con la maglietta verde. Si sorridono educate. una guarda ancora fuori e intorno. La sua aria spaurita non accenna a rasserenarsi. Sembra una storia di tutti i giorni, su tutti gli autobus e in tutte le città. Guardo anch'io fuori dal finestrino, come una che si sente sempre turista in questo posto.
All'improvviso sento una voce:
- ' ma sa che ha gli occhi belli come il cielo?'
- 'come?'
- Si signora, ha degli occhi bellissimi, del colore del cielo'
....
E così cominciano a parlare tra loro.
Sono due donne anziane. Quella spaurita è ucraina, in Italia da 9 anni, che ha appena perso il lavoro. Era a servizio ma non serviva più e l’hanno mandata via. E ora nei sui occhi azzurri come il cielo c'è solo paura per il futuro.
L'altra, la signora dal vestito a righe colorate, è solo una persona gentile che le ha rivolto un complimento semplice e spontaneo.
E da li cominciano a raccontarsi. E alla fine si scambiano indirizzi e consigli per un centro di ascolto che 'tanto aiuta la gente per bene'.
E' arrivata la mia fermata. E io scendo più ricca di speranza. Forse in questo mondo  c'è ancora amore. E qualcuno che ti guarda negli occhi. E qualcuno che ancora vede il cielo.

SHARE:

10 commenti

  1. Grazie Anna. Semplicemente grazie.
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a chi coglie con me la bellezza nella gente.
      un abbraccio

      Elimina
  2. Si, ma la preoccupazione è che la speranza è oramai riposta soltanto nei giovani settantacinquenni :-(

    RispondiElimina
  3. Adoro questi frammenti di storie rubate alla vita che corre ogni giorno intorno a noi.
    E tu li sai rubare da Dio!
    Ti abbracio meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai vado a caccia di emozioni da fotografare sugli autobus della città...
      un abbraccio

      Elimina
  4. Gli occhi sono diventati sfuggenti, catturati dai cellulari. Non c'è più nessuno che li guarda, non c'è più nessuno che li ascolta, non c'è più nessuno che gli apre orizzonti nuovi, guardando verso il cielo. I finestrini sono diventati vetrine di persone con la faccia chinata su una scatoletta quadrata. Dovrebbe contenere il mondo, ma non puoi toccarlo, non puoi sentirlo. Non ne senti i profumi, non ne senti i rumori, non ne vedi i colori reali.. e allora che senso ha. Ci stiamo perdendo. E questo mi rattrista. Che bella questa scena che hai raccontato. Fa bene al cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ne siamo consapevoli significa che ancora non siamo persi. E possiamo ancora chiudere i cellulari.
      un abbraccio

      Elimina
  5. due occhi e due orecchie attente agli altri... poche parole, quelle giuste... una storia, tanta poesia. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e quante ce ne sono intorno a noi!!!
      d'ora in poi non me ne perderò una.
      Anna

      Elimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI