10 marzo 2015

Lemon Loaf (cake al limone)

lemon1

Maledizione alle diete e a chi ci mette in testa che magro per forza deve essere bello. Eppure com’è che, se fa così tendenza essere magre, quando vado nei negozi per comprare qualcosa, le uniche taglie rimaste sono sempre quelle piccole? Perchè? ne prendete di più perchè le vostre clienti sono tutte magre e poi vi avanzano? o perchè finiscono prima quelle sulla 46, dato che sono, siamo tutte oltre la 46? E poi noi che abbiamo questo rapporto di amore con il cibo siamo ogni momento sottoposte a torture e condizionamenti dalla tv con i suoi millemilla programmi di cucina, dai giornali e dai libri con foto e idee meravigliose, e poi dalla mia mammaaaaa che anche se passo per un momento da casa sua, so già a 100 metri da casa sua cosa sta cucinando. Riconosco a distanza il profumo delle sue focacce, le melanzane ripiene, il brodo di carne, il ragùùùùùùù- Ecco solo a parlarne mi viene fame e stasera mi tocca invece insalata e fettina.

Poi un bel giorno, tra la miriade di social dove trovi tutte le idee super faccio la conoscenza di un dolce per me (credevo) nuovo. Il Lemon Loaf, che mi appare in tutto il suo splendore e profumo… e mi dico, ok lo faccio, ne mangio solo una fetta, lo distribuisco, ancora non so cosa farò, ma il dolce lo faccio e basta.

Ma non è stato semplice trovare la ricetta giusta. E si, perchè ne ho trovate di mille versioni, con quantità e ingredienti davvero diversi tra loro, a parte i limoni. E questo mi ha creato davvero qualche problemino di scelta. E così mi sono affidata al web, ho lanciato un appello e la prima ricetta che ho ricevuto, da Lydia Martucci Zecca ho deciso che l’avrei fatta. E sono felice della scelta.

Il risultato è un dolce da cuocere in uno stampo da plum cake, da inzuppare, ancora caldo, con uno sciroppo di zucchero, limone e acqua. Da mangiare, io pensavo, all’ora del thè, come una bella usanza inglese. E invece no, è un dolce bello da vedere, buono da mangiare a colazione, a merenda, all’ora del thè, dopo cena, quando hai voglia di qualcosa di buono buono, qualcosa che ti tiri su, che ti dia una spinta verso il buonumore ecc….

Ma avete visto che parlando parlando ho dimenticato completamente la parola e l’idea della dieta?

Vi prego provate a farlo e poi mi direte…..

Ecco qui la ricetta, riportata pari pari (bè insomma qualche piccola modifica l’ho fatta)

lemon3

Lemon Loaf

- 350 g di farina 00
· 200 g di burro fuso
· la scorza grattugiata di 2 limoni
· 320 g di zucchero
· 3 uova
· 1 pizzico sale
· una bustina di lievito in polvere
· 250 ml di latte
· Semi di un baccello di vaniglia

Per lo sciroppo
· il succo e la buccia grattugiata di 2 limoni
· 50 g di zucchero al velo
· 100 ml di acqua

Foderare uno stampo da plumcake 30x11 con carta da forno. Scaldare il forno a 170°.

Lavorare lo zucchero con la scorza e le uova. Aggiungere la farina col lievito e il sale, e poi il latte con la vaniglia. Lavorare l’impasto finche diventa gonfio e soffice. Quindi aggiungere il burro fuso e lavorare ancora per amalgamare. (Io proverei anche con meno quantità di olio di semi, per intolleranti al lattosio)

Versare nello stampo e infornare. Non preoccupatevi se vi sembra che sia tanto l’impasto. La ricetta è proprio così…  Far cuocere per 1 h e 15 minuti, o finché non prende un bel colore dorato.

Controllare la cottura interna del dolce, infilando uno stecchino di legno, che dovrà uscire asciutto. Se l’interno dovesse risultare ancora umido e l’esterno sembra cotto, coprire con carta stagnola e continuare la cottura.

Nel frattempo preparare lo sciroppo mettendo in un pentolino lo zucchero, il succo e la scorza di limone e l'acqua, portare a bollore e aspettare che si riduca, diventando un pò più denso.

Quando il dolce sarà cotto, e ancora caldo, bucherellarlo qua e la, con lo stecchino, fino alla base, lasciandolo ancora nella sua teglia. Aiutandovi con un cucchiaio, versare sulla superficie, piano piano, tutto lo sciroppo. Aspettare che si raffreddi il tutto. Tirarlo fuori dalla teglia e servire.

_MG_2307

SHARE:

19 commenti

  1. ma con tanta dolcezza ancora alla dieta pensi???? evviva le over 46 (e non solo di taglia...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di questo pat pat
      un abbraccio

      Elimina
  2. Dieta o non dieta questa è veramente una tortina deliziosa!!!! A presto LA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. conconrdo .... ne mangiamo meno, magari un boccone, ma almeno per un momento gioiamo
      un abbraccio

      Elimina
  3. hai il nasino di un segugio! anche la mia mamma "odora" da lontano quello che sto preparando e mi dice che cucino come una turca! profumatissimo anche questo plum cake, da inebriare qualsiasi naso!
    amelie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda che è una tortura andare a casa di mia madre. Tanto che stavo pensando di creare un album su fb chiamato 'addiodieta'
      E' una cuoca straordinaria
      baci

      Elimina
  4. Una ricetta splendida!! Amo le torte english!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Anna mi dispiace ma 370 g. di zucchero son troppi. Molto meglio il dolce con la farina di mandorle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si sono tanti, è vero, ma io una fettina ne mangio e poi il resto lo condivido...
      E anche di quella di mandorle ne mangio poca.
      Devo 'gabbare il vizio'
      un abbraccio

      Elimina
  6. Anna mi dispiace ma 370 g. di zucchero son troppi. Molto meglio il dolce con la farina di mandorle.

    RispondiElimina
  7. Io credo che il problema stia nel fatto che ormai le case di mode che fanno taglie "comode" da donna siano sempre meno soprattutto se producono all'estero....
    Sì, lo zucchero forse è un po' tanto, ma mica mangerai tutto il dolce da sola in una sola volta?...la mattina bisogna partire con la carica giusta!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco hai risposto nello stesso modo all'obiezione sollevata prima.
      Ma secondo me sono tutte over 46, perchè sono i negozianti che decidono le taglie.
      E quelle finiscono sempre prima
      un abbraccio

      Elimina
  8. Non è solo questione di taglie, lo zucchero dal punto di vista nutrizionale non ha niente (come la farina 0 e doppio 0). Lo zucchero porta solo calorie che fanno alzare molto velocemente il picco glicemico e quindi la produzione di insulina, così dopo due ore hai di nuovo fame. Provate a visitare un centro per diabetici, ci trovererete tantissimi pazienti.
    Anna la torta fatta con la farina di mandorle era eccezionale, io l'ho fatta con la metà dello zucchero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che ogni ricetta possa essere modificata secondo le proprie idee. Una mia amica ha 'preso' spunto da questa ricetta e poi, essendo celiaca, ha sostituito gli ingredienti, ha messo meno zucchero, ed è venuta buonissima. Quindi diciamo che la ricetta è sempre un'idea, assolutamente modificabile.
      un abbraccio

      Elimina
  9. Muito bom o seu blog, estive a percorre-lo li alguma coisa, porque espero voltar mais algumas vezes,deu para perceber a sua dedicação em partilhar o seu saber.
    Se me der a honra de visitar e ler algumas coisas no Peregrino e servo ficarei radiante.
    E se gostar e desejar comente.
    Que Deus vos abençõe e guarde.
    Abraço.Peregrino E Servo.
    http://peregrinoeservoantoniobatalha.blogspot.pt/

    RispondiElimina
  10. sembra davvero squisita, proverò a farla, dimenticando il mio sovrappeso! :P

    RispondiElimina
  11. Oh, è bella sta cosa dell'inzuppare quando è ancora caldo... mi piace... dieta? Cos'è la dieta? Chi ne ha mai sentito parlare? Via via, avremmo tutta l'eternità per rimanere solo ossi!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
  12. fatto ieri ...ed è buonissimo ...;)

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI