11 gennaio 2013

La compagnia della luce

_MG_6327

Abbiamo tutti delle strane abitudini. Nascono forse da strane convinzioni, difficili da capire o da giustificare. Però nel gioco della costruzione del proprio nido, è giusto che ognuno sia libero di esprimerle.  Nella mia vita ho sempre avuto intorno a me tanta compagnia. Vicina, lontana, fisica o solo di pensiero. Ma raramente mi sono sentita davvero sola. Ho sempre avuto accanto qualcuno da abbracciare o a cui chiedere di essere abbracciata per un pò. Ho sempre avuto una voce che mi ha chiamato proprio quando ne avevo bisogno o che ho chiamato io perchè sentivo che aveva bisogno di me. Nelle sere di tempesta ho trovato amici anche sul web, con cui condividere un momento di timore, o un pensiero negativo. Nei giorni di sole, qualcuno con cui ridere. Nelle notti insonni, qualcuno insonne come me. Nelle cartoline ricevute a sorpresa, parole di amicizia. Nei pacchi regalati, pensieri per me.

Ma c’è qualcosa che nelle mie giornate mi fa davvero bene al cuore e che mi regalo continuamente. Nella mia casa c’è sempre una o più candele accese. Piccole, profumate, bianche o colorate. Sono per me tante cose. Una luce che mi accompagna. Un profumo che mi accarezza. Una preghiera silenziosa. Una speranza per qualcosa o per qualcuno. Un’idea di calore silenzioso che discretamente mi sta vicino.  Affido a lei le buone intenzioni della giornata, la riuscita di un progetto, la soluzione di un problema. Mi convinco che finchè lei sarà accesa ci sarà luce ovunque.

Mi piace la sua compagnia. E oggi ho voluto condividerla con voi, mentre accanto a me ne brilla una.

Corro a preparare la cena. Strano un post senza ricetta eh?

_MG_6323

SHARE:

14 commenti

  1. lo sai che io prima di tutto cerco la stessa vicinanza di cui tu parli nel post....cara anna, fatta di calore, di luce, di pensieri simili ai miei. Ti sento vicina, e questo importa più di mille ricette sublimi... ma continua a metterle però... :-)

    RispondiElimina
  2. intanto abbiamo in molti, ciccia da smaltire... possiamo fare a meno una volta della ricetta.. non delle tue parole e della tua sensibilita'
    grazie, ciao
    angela

    RispondiElimina
  3. Senza ricetta ma bel post comunque! Buona cena.

    RispondiElimina
  4. Ciao Anna, un post senza ricette ogni tanto ci vuole: l'anima ha bisogno di esprimersi non soltanto ai fornelli :-)
    Ti capisco bene: io faccio candele da più di 10 anni e... danno serenità, sia a farle che ad accenderle :-D
    Un abbraccio grande, Jacopo

    RispondiElimina
  5. ciao cara
    no non è un post senza ricetta....la ricetta c'è ed è quella della condivisone, dell'amicizia silenziosa e costante della simpatia, dell'empatia al primo scritto della passione per le belle parole e le belle persone!
    bacio

    RispondiElimina
  6. Buon anno a te cara Anna, da me.

    RispondiElimina
  7. tu sei la mia lucina.... Anna :-*

    RispondiElimina
  8. No invece: belli i post senza ricetta, contengono tutta la nostra essenza. Buona serata
    amelie

    RispondiElimina
  9. Anche se la ricetta (intesa come elenco di ingredienti, passaggi e suggerimenti)manca, è stato bello leggere le tue riflessioni ... e fondamentalmente la storia della condivisione. Ti auguro un buon fine settimana, Carolina

    RispondiElimina
  10. Ecco il piccolo ingrediente segreto... RICETTA PERFETTA!

    RispondiElimina
  11. Per me sarebbe impossibile superare questi che considero i mesi più freddi e solitari, senza una piccola fiamma che gioca in casa.
    Che post romantico! :)

    RispondiElimina
  12. Passo sempre a trovarti, in silenzio. Sei sempre stupenda, riesci a catturare l'attenzione delle persone, almeno la mia, e mentre leggo i tuoi post(con ricetta e non) mi sembra di essere in un altro mondo. Buon 2013, pieno di serenità e tanta tanta felicità! Un abbraccio.

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI