21 ottobre 2012

Torta di pane e scorza d'arancia


Ho appena tolto le lenti a contatto e mi sento come quando si entra in un pigiama morbido alla fine di una lunga giornata di impegni e si prova un incredibile felicità di ritrovarsi nella propria casa, con le luci basse, la voglia di fregarsene delle cose che ancora ci sono da fare (e ci saranno sempre comunque...), un film che ti aspetta sul divano morbido, un frigo che si apre al mondo delle idee del comfort food... e piano piano sei in uno spazio tutto tuo.
Ma non sei sola.
Se c'è questa armonia è anche perchè intorno a te ci sono le persone che più ami, che, in questa tiepida sera di una domenica di autunno, morbida di luci e di profumi, hanno ancora voglia di poltrire con te.
E lo spazio e il tempo si ferma.
Anzi vorresti fermarlo. Ma ti riempi di gioia immensa quando ti arriva un abbraccio e un bacio perchè la torta  e i muffin che hai preparato per loro sono proprio buoni.... e loro lo sanno che l'hai preparata per casa, perchè sapevi che l'avrebbero cercata al loro ritorno.
E li vedi allegri, giovani, belli, pieni di vita e di progetti. Quasi ti emozioni per quanta vita c'è nei loro sogni.
E sei felice di averli accompagnati fin qui...
E una serata così profuma di tante cose.
Di fiori raccolti stamattina in campagna, di menta e rosmarino che impregnano le mie mani, di dolci che hanno profumato l'aria, e degli abbracci e dei baci dei miei figli che profumano di me.


Torta di pane e scorza d'arancia 

- 340 di pane raffermo                                                                                           
- 800 ml di latte caldo
- 60 g di burro
- 40 g di farina
- 3 uova
- 120 g di zucchero di canna
- una o due arance non trattate
- uva passa ammollata nel liquore
- zucchero a velo

Spezzettare il pane e versarci sopra il latte caldo poco per volta. La quantità di latte dipende dal tipo di pane utilizzato. Lasciarlo li per il tempo necessario per renderlo morbido.
Aggiungere lo zucchero (lasciando da parte due cucchiai), la farina, il burro e alla fine le uova.
Con un pelapatate tagliare la scorza delle arance e metterle in un frullatore con i due cucchiai di zucchero di canna. Frullare il tutto fino a renderle granulose. Versare nel composto.
Aggiungere l'uva passa ammollata nel liquore.
Imburrare e infarinare una tortiera e versarvi dentro il composto.
Infornare per 45 minuti circa a 200°.
Spolverizzare con zucchero a velo.


SHARE:

38 commenti

  1. Ciao Anna, bellissimo il tuo racconto del rientro a casa...peccato che ci succeda davvero raramente...siamo talmente tutti di corsa e sempre sotto pressione che a volte la sera non ci si vede neppure tutti assieme in famiglia!
    Questa tortina farebbe davvero al caso nostro: morbida, agrumata e molto confort cake!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni giorno torniamo a casa, e sta a noi lasciare fuori dalla porta tutti i pensieri e cercare di ritagliarsi un momento tutto per noi in casa...
      Anche farsi una cosa buona e calda fa tanto bene al cuore
      baci
      A

      Elimina
  2. buona sera, ottimo consiglio di come utilizzare il pane rimasto. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io amo riutilizzare il pane avanzato che mi sa sempre di buono, anche bagnandolo con acqua e condirlo con pomodoro e olio di oliva. Qui nel mio blog ne troverai diverse idee di recupero, dalla 'ciallèd' alle polpette e alle frittate.
      un abbraccio
      A

      Elimina
  3. io sono quasi sempre lontano dai miei affetti familiari...quindi leggo il tuo racconto un po' con malinconia....ma è bellissimo anche così!
    Quando poi torno a casa è sempre una festa!

    bellissimo racconto e ricetta:D

    e poi.....me piacciono le posate!!!!!:P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma le cose buone si possono preparare anche per se....
      le posate sono il frutto di una continua ricerca.... mannaggia, come tutte le foodblogger ho una cosa di tutto, piatti, piattini, cestini, bicchieri.... insomma ci vorrebbe una stanza solo per questo.
      baci
      A

      Elimina
  4. E anche di baci appiccicosi di nutella e salivosi che sentirai anche quando saranno puliti e di manine morbide e di accenti strani e di corse in cucina con aria colpevole loro e tu perché hai lasciato aperto il barattolo della nutella. Stasera si lavora con quei baci addosso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne ho fatto una scorta di baci appiccicosi di nutella, e un pò anche ora, che sono grandi...
      Sono queste le ricchezze che vorrei avere per sempre Enza.
      un abbraccio
      A

      Elimina
  5. Hai un modo così poetico di descrivere il calore di casa che il semplice leggerti mi fa andare in brodo di giuggiole.
    Come ti ho già detto da me, il tuo blog è delizioso:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contenta che ti arrivi il calore di casa mia, che è sempre aperta per chi volesse venire a mangiare un pezzo di torta con me e a parlare...
      grazie sei gentilissima
      A

      Elimina
  6. immagino il profumo d'arancia che si è sprigionato in cucina...snif snif...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da pensare di farne un olio essenziale...
      davvero
      A

      Elimina
  7. Guarda ...qui oggi è stata una bella giornata di sole con gente che è andata al mare ad abbronzarsi, ma ho immagino la serenità che racconti della tua domenica pomeriggio d'autunno, buona serata, baci, Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà anche qui è un autunno caldo, ma verso il tramonto si vede che è arrivato l'autunno... e allora tutti in casa...
      Dalla prossima domenica poi che cambia l'ora, sarà arrivato definitivamente.
      un abbraccio
      A

      Elimina
  8. Che bella atmosfera! La tua foto mi ha attirata subito ed anche il pane con cui è fatta la torta. In più avevo voglia di ascoltare musica ed appena messe le cuffie ho sentito una dolce musica provenire dal tuo blog. Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Azzurra, anche io uso il mio Ipod virtuale per ascoltare la musica che mi piace. Sono contenta di condividerla con voi.
      un abbraccio
      A

      Elimina
  9. famiglia 100% famiglia . pura . senza addittivi . ann......a.

    RispondiElimina
  10. Come sempre una poesia di parole, di foto, di ricetta. Da leccarsi i baffi. Mentre leggevo gli ingredienti sentivo salire il profumo che sisprigiona dal forno pianino pianino. Sempre meravigliosa Anna!!! Un bacio. Paola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Paola, sei gentile.
      E io sono felice di ritrovarvi tutte qui.
      A

      Elimina
  11. una fetta di torta come la tua rende perfetta la serata in casa, buona settimana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi basta poco, perchè di pane ne avanza sempre.
      E fra un pò anche di scorze di arancia
      un abbraccio
      A

      Elimina
  12. e anna in te vedo me tra qualche anno , quando antonio maira e noemi cresceranno....si ci sono 1000 cose da fare ( immagina me con una pizzeria d'asporto dove faccio tutto io , tre bambini di 10 e 7 anni le gemelle )
    ma alla fine si vive per loro per renderli felici e proprio per fargli queste piccole accortezze, il dolcetto che gli piace , la cena che preferiscono , la tavola imbandita a " ristorante" come dicono loro anche se io non ci sono ,beh! per queste piccole ma grandi cose io faccio i salti mortali ....ma basta un bacio o un'abbraccio che loro sono contenti e ti dicono ma " mamma sei Magica come fai " oddio Anna io mi sciolgo e tutto il mio nervosismo in quell'istante sparisce....
    grazie ,grazie per avermi fatto vedere per un'istante i miei figli cresciuti ^.^

    RispondiElimina
  13. dimenticavo ... e con tutto il pane che mi fanno buttare ecco come riciclarlo !!!! aleeeeeee grazieeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora tanto per cominciare io ti darei l'oscar per tutto quello che fai da sola. Dimostri davvero la forza che solo le donne hanno, quando si tratta di combattere.
      E senza far mancare niente ai propri figli.
      Quindi un bravissima a te.
      E goditi questi momenti, perchè poi i figli crescono e diventano rari, tanto da ispirare un post così.
      Per le ricette per il riutilizzo del pane qui ne troverai diverse. Come le semplicissime polpette di uova, che qui noi preferiamo a quelle di carne.
      E alla frittata di pane...
      Se non le trovi, scrivimi che ti mando il link.
      Buona giornata a te
      A

      Elimina
  14. meravigliosa e profumatissima la tua versione, anche io oggi ho fatto un post con una torta di pane!
    Questo alimento è così sacro e prezioso...
    Un abbraccio e buon inizio settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anzi ti dirò di più ... la prossima volta aumento ancora la dose delle scorze d'arancia.... Era una cosa strepitosa, davvero.
      Un abbraccio a te
      A

      Elimina
  15. Mi piace questa versione della torta pane, deve avere un profumo! Io la faccio sempre con il cacao e ultimamente mi aveva un pò stancato... Bellissima e tenera, come sempre, la descrizione che fai dei tuoi affetti. Nonostante la tristezza e la difficoltà che ho incontrato in questo ultimo anno, cerco di dare tanto amore e serenità alle mie figlie, sperando che anche quando saranno grandi abbiano sempre voglia di tornare a "Casa"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece non l'ho mai fatta al cacao. Bisognerà provarla al più presto.
      Grazie per le cose che mi scrivi.
      Ma una mamma, è sempre una mamma e i figli capiscono anche la tristezza, non temere.
      Un abbraccio
      A

      Elimina
  16. Una bellissima dichiarazione d'amore. Per i tuoi figli ma anche per la tua vita. Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io li amo ... e mi voglio molto bene, hai ragione.
      Sarebbe bello se lo facessero tutte le donne (soprattutto!)
      un abbraccio
      A

      Elimina
  17. accompagnare i figli, ecco questo passaggio è quello che trovo più toccante ed emozionante.
    Prendo una fettina di torta prima di andare a prendere Uvetta all'asilo...
    un abbraccio da noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e si vorrebbe accompagnarli sempre, ma in fondo lo si continua a fare con il pensiero...sempre e inevitabilmente.
      un bacio
      A

      Elimina
  18. Come mi piace la torta di pane! Solo che la mia non si asciuga mai... Qual'e' il tuo trucco?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma questa torta in effetti all'interno resta sempre umida. Non ci si può aspettare un impasto soffice e spugnoso.
      Ma è proprio la sua particolarità.
      Magari se si fa un pochino più sottile si avverte meno.
      ciao e a presto
      A

      Elimina
  19. che darei per svegliarmi al mattino con una torta del genere.
    fortunati questi figli a me han sempre rifilato merendine confezionate,la mia mamma ha altre qualità.. :)

    RispondiElimina
  20. Mi piace, questa torta. Mi piace la foto... e mi piace la musica che sto ascoltando e il fatto di trovare la cucina accanto a parole.
    bentrovata. :)

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI