26 agosto 2012

5 giorni di mare


La mia estate continua ad essere strana.
Ormai ogni anno in questo periodo parlo e scrivo con difficoltà e pesantezza. Odio dover fare per forza le cose tipiche dell'estate (passeggiare, divertirmi, uscire, organizzare, andare al mare, andare in giro per sagre, stare in mezzo alla folla) .... ma soprattutto odio il mare durante le ore calde. Se parti presto la mattina (tipo le 6) è meraviglioso, ma devi tornare nelle ore di fornace.... 
Se vuoi tornare con il fresco devi partire sotto il sole mentre trattieni il respiro.... 
Quindi al mare decido spesso di rinunciarci.... 
Ma qualche volta mi viene il desiderio e, soffrendo, ci provo.
Queste sono le sensazioni delle mie 5 giornate di mare della mia estate 2012.

Giornata del mare con cubetti di ghiaccio (aprile)


E' il mio mare ideale, con temperature intorno ai 20 gradi, con effetto anestetizzante e silenzio e solitudine sulla spiaggia. Nessuno ha il coraggio di entrare in acqua, che è trasparente e ferma e invitante e che poi ha il vantaggio di illuderti che sei dimagrita almeno di un paio di chili per l'effetto 'contraente' del freddo.
E' bello passeggiare, raccogliere cose che il mare ha portato e che ancora nessuno ha raccolto. Insomma ancora il sole non ha cominciato la sua opera.

Mare vip 


Mare poco affollato perchè la spiaggia è molto esclusiva.... ma sei circondata di bellezza, della natura, del piccolo ristorantino, dell'insalata delicata e raffinata, delle attenzioni del personale, della certezza del bagnino, del silenzio della gente intorno che non grida, del libro che puoi leggere in santa pace.
E mangi questa delizia.... un'insalatina leggera leggera, solo verdura e mais e poco prosciutto cotto, che fa tanto fine, ma ti lascia una fameeeeeeeeeeee.


Mare da sola


Quando chiami gli amici e sono stanchi del mare che hanno fatto nei giorni precedenti e proprio quel giorno tu puoi, e loro non ne hanno voglia, allora che fai? rinunci? no!
Prepari il panino con cose buone dentro, bottiglia di acqua ghiacciata, cappello antisole, ombrellone con ali laterali tipo tenda isolante, librone che stai leggendo, sdraietta personale, telefonino mezzo scarico, una giornata davanti a te da riempire..... e parti.
Ti sistemi tra due rocce, con l'ombrellone asociale, prima ti fai un bagno di mezz'ora, per recuperare i bagni persi, poi mangi il panino, poi ti viene un abbiocco dolce, perchè non puoi e non vuoi parlare con nessuno, dormi per due ore mentre la gente intorno pensa 'quella è morta', poi ti svegli e ti chiedi 'dove sono? chi sono? perchè sono qui?' e quando ti riprendi prendi il libro e cominci a leggere.
E quando ti stanchi leggi il libro che hai intorno, guardando e ascoltando la gente che ti sta accanto. Che ti piaccia o no.
E osservi i meridionali che si sono trasferiti al nord e ora snobbano il sud perchè al nord tutto funziona e qui siamo rimasti indietro, e ostentano un milanese con le 'o' chiuse, che tradiscono e ti etichettano.
E il muratore con la sua tipica abbronzatura del primo giorno..... viso, collo  e braccia abbronzate a metà e il resto tutto bianco, che si gode davvero il suo giorno di mare. E gioca a pallone con i figli e anche se rompe non hai il coraggio di rovinargli questa giornata....
E poi, quando comincia a tramontare il sole. Riprendi tutto e torni a casa soddisfatta.....
Ripetendoti.... beata me!

Mare affollato (o mazzacanaglia)


E quando stai bene dentro non ti senti più snob e anche una giornata di mare affollatissimo può portarti allegria (ma devi stare proprio bene bene eh?)
Palloni che ti arrivano in testa, bambini che ti rispondono male ma li vedi simpatici e autentici, teglie di pasta al forno su tavoli attrezzati e angurie che spuntano dal nulla, e racchettoni, e corse con tuffo finale a riva, pance e sederi senza problemi di dieta, e colori e colori di ombrelloni diversi tra loro.... e intere comitive da ascoltare....
Torni stordita ma arricchita di un'esperienza unica, che resterà tale....

Mare di notte


E' quello da vivere sotto un cielo con la luna piena e con gli amici intorno, chi vuole dormire dopo il bagno, chi non uscirebbe mai dall'acqua, chi esce perchè ha l'incubo dello 'squalo', chi prepara la 'fornacella', chi comincia a suonare, chi canta mentre mette i pesci sulla griglia, chi sistema le fiaccole....
E poi tutti insieme si mangia e si canta fino all'alba....


Ma non sono forse meglio cinque giornate così che un mese in villaggio?


SHARE:

14 commenti

  1. Concordo in pieno. Io vengo in Puglia da 15 anni, a metà strada tra Adriatico e Ionio, come piace tanto dire a mio suocero, poi però non si sa come mai si va sempre allo stesso posto da 15 anni.. al'inizio ero timida e facevo finta di apprezzare, la gente,il caldo, le borse frigo, il posteggio della macchina, l'ombrellone, le sdraio, il costume bagnato in macchina, i piedi pieni di sabbia...
    Poi arrivano i bambini, quindi spiaggia sempre nelle ore meno calde, palette,focaccia, cremina.... non ne potevo più... e poi finalmente, complice mio marito ho detto basta, solo pochi bagni, al mattino, sugli scogli, con il mare azzurro... da pescivendolo tornando... sono rinata, mai abbronzata, sempre nascosta nei trulli e sotto la pineta, con amaca e taralli, ma finalmente in vacanza!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vuoi mettere il riposino di pomeriggio nel trullo???? non c'è mare che tenga...
      Alla prossima con piacere..
      anna

      Elimina
  2. Concordo pienamente! Il mare più bello è quello al mattino presto (fino alle 11 ) e dalle 18 in poi. E poi tu hai un mare bellissimo!!! Un forte abbraccio e un bacio. Ciao Paola. P.S. E pensare che ti avrei potuto conoscere di persona a Forte dei Marmi per la manifestazione in spiaggia.!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia, ma è un pò lontanuccia Forte dei Marmi!!!
      ma capiterà sicuramente..
      Anna

      Elimina
  3. Annavariegata....nello stile, nei gusti, nell'umore... io in questi pochi bagni Albania sono scappata dalla folla, e con la mia maschera ho notato nel silenzio del mare..in compagnia di pesci dalla coda gialla a righe gialle e rosa..che regalo mi ha fatto il mare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. simo, mannaggia la t9!!!
      Questo mare che stanca e riposa....
      Questo mare che così tanto si è fatto desiderare quest'anno!!!
      bacioni

      Elimina
  4. Insomma l' Elba..è diventata Albania uffah!!!

    RispondiElimina
  5. Parole sante: la penso esattamente come te.
    Da militare feci il mio primo bagno ad Alghero il 4 aprile (la sera avevo 37 e 4 di febbre, ma ne valse la pena) :-D
    "L'ultima spiaggia"... che dire? Uno spettacolo !!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mare di aprile e di settembre ha un fascino unico.
      Diverso dall'ovvietà di luglio e agosto!
      Ciao

      Elimina
  6. Anna, leggerti è confortante! Mi dichiaro da sempre amante del mare ma la tolleranza verso alcune cose va pian pianino diminuendo... Grazie Anna, per condividere con noi il tuo modo di essere speciale!
    Buon lunedì, Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. felice io di condividere con voi!!!
      buon lunedi e buona settimana anche a te
      anna

      Elimina
  7. ciao cara
    e siamo o no in una terra stupenda dove con uno schiocco raggiungi il mare e se non ti va te ne stai pigra nel tuo trullo ad ascoltare le cicale?
    5 giornate 5 ma che raccontano (come solo tu sai fare) l'essenza della nostra terra!!
    baci e....ricominciamo!

    RispondiElimina
  8. Assolutamente d'accordo con te;)
    Bentrovata!

    RispondiElimina
  9. Il mare ha il potere di cambiare a seconda di come stiamo dentro (e spesso anche fuori). Però a volta ha anche il potere di cambiarci, magari partiamo nevrotiche per una giornata storta e torniamo di buon umore. A volte il contrario. Vallo a capire, il mare. Quello che cerco da anni, è un "tu per tu" con lui. Quando ci riesco è come rinascere. Un abbraccio

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI