2 luglio 2012

La stanza della malinconia


Sono ancora sulla soglia della stanza della malinconia.
E' qui che sono ferma da qualche giorno per raccogliere i pensieri e il mio dolore.
E' qui che sto riponendo con cura e con calma (apparente) i miei ricordi.
Il mio papà, di cui tanto ho parlato nelle mie pagine, è andato via per sempre.
E ora mi ritrovo in una bolla in cui tutto arriva ovattato, quasi senza suoni, dove le parole arrivano e rimbalzano, e io mi sento immersa in un silenzio pieno di immagini che arrivano da lontano.
E qui che ritrovo mille carezze sul mio viso, le risate e i discorsi fatti, i consigli ricevuti, le battute su cui abbiamo riso, i suoi sorrisi, i suoi 'ti voglio bene', le cose belle che diceva alla sua Ninetta, la sua ospitalità infinita, la gioia che provava fino a commuoversi quando aveva noi tutti intorno, le sue mani che sapevano fare mille cose e che ultimamente si dedicavano continuamente alla cucina, con un foglio di carta di giornale sotto per raccogliere gli scarti, e tante ciotole intorno per preparare cose buone.
Non riesco a riportare qui questo fiume di parole che mi turbina dentro. Non riesco a far venir fuori tutto quello che sento. Sto cercando di riporre tutto con cura nel posto più bello del mio cuore.
Per ora c'è solo un grande vuoto. 
Torno presto, aspettatemi.
SHARE:

45 commenti

  1. Mi dispiace tantissimo, non trovo nemmeno le parole per un possibile conforto.. anche perché di conforto non ce n'è. Spero che tu possa trovare di nuovo al più presto la serenità e il posticino del tuo cuore in cui riporrai per sempre questo amore. Un caro saluto. Sto qui ad aspettarti :-) Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. bellissime parole .... bellissimi ricordi ..... bellissimi attimi che nessuno potrà mai cancellare ! Condoglianze Anna ! Un grande Abbraccio !
    Simona

    RispondiElimina
  3. Solo un grande, forte abbraccio...

    RispondiElimina
  4. ..un abbraccio, forte, tanto tanto forte. :*

    RispondiElimina
  5. Anna....io non lo dimenticherò mai.... mai...

    RispondiElimina
  6. Sono senza parole.

    Possano le immagini dei ricordi più belli che ti turbinano in mente accompagnarti per sempre e offrirti un "rifugio" sicuro.

    Un grande abbraccio.
    Donato

    RispondiElimina
  7. Cara Anna
    mi dispiace davvero tanto e ti mando un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Anna mi spiace tantissimoooooooooo!!!!!! Ti mando un forte abbraccio e non aggiungo altre parole inutili ma solo un doveroso silenzio .

    RispondiElimina
  9. Sono momenti tristi, li ho vissuti perdendo ambedue i genitori a distanza di 20 giorno l'uno dall'altra. Ho sofferto di più con la mancanza di mia madre che è stata davvero inaspettata ed improvvisa. Vivendo lontana da loro quasi ancora non riesco a credere che non ci siano più nonostante siano passati 20 anni e nemmeno quando ritorno nella casa, quasi ancora come l'hanno lasciata loro, sento che ci sono ancora. Dai tempo e cerca di colmare questo vuoto. Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. AnninaDolce. IMpossibile consolare, lo so. Però farti sentire la vicinanza, quello sì. Sei una donna unica e straordinaria e so che è merito dei genitori incredibili che ti hanno dato la vita e ti hanno cresciuta nell'Amore e in valori che spesso, purtroppo, non ci sono più. Ti abbraccio con tutto l'affetto che posso, in silenzio, in punta dei piedi. Una preghiera per tutti voi da parte mia. Chiara

    RispondiElimina
  11. Solo un grandissimo abbraccio che superi il silenzio e le parole che non riesco a trovare...
    carissima Anna sarò qui quando tornerai...
    Laura (di Roma)

    RispondiElimina
  12. Solo un immenso infinito abbraccio

    RispondiElimina
  13. ... <3
    Ti voglio bene.
    Aurelia

    RispondiElimina
  14. avevo notato la tua mancanza...quasi avevo immaginato questo tuo dolore, ora ne ho la conferma e mi dispiace molto, so' quanto questo possa sconvolgere anche se io non avevo gli stessi affetti cosi' stretti con mio suocero, come per un papà che é carnale, unico, un pezzo del tuo corpo che va via... ma che resterà sempre legato a te non soltanto con i ricordi.
    Ti abbraccio con tutto il mio affetto!

    RispondiElimina
  15. ogni cassetto verrà aperto e mai richiuso. abbraccio forte, anna, anche ai suoi nipoti

    RispondiElimina
  16. sono li vicino a te, un dolore anche per me non averlo conosciuto... ma lo trovo in te, le descrizioni che ne fai, quello che mi hai raccontato...anche tu sei così...e non c'è bisogno di riporre nulla...tutto è già nel tuo cuore da sempre ..verrà fuori man mano, un'immagine, un odore, un gesto..salirò la malinconia..ma sii consapevole che è perchè hai avuto tanto , e tanto amore. un abbraccio un po' commosso.

    RispondiElimina
  17. Senza parole, ma silenziosamente ti abbraccio con tanto affetto....

    RispondiElimina
  18. Un abbraccio, Anna.In silenzio.

    RispondiElimina
  19. mi dispiace tanto cara Anna...
    ti abbraccio forte... forte forte...

    RispondiElimina
  20. Custodisci tutti i tuoi ricordi più belli, con il tempo saranno i soli che torneranno fuori, per pensare con tenerezza a chi ti ha accompagnato fin qui.
    Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  21. tesoro non ci sono parole che tengano. posso dirti che mi dispiace, che so cosa vuol dire ma tutto questo non diminuirà la tua sofferenza. un enorme abbraccio, purtroppo virtuale, ma non questo meno sincero.

    RispondiElimina
  22. Cara Anna,subito un abbraccio affettuoso. Ci si sente tornate piccole e smarrite, quando Papà va via.
    Poi, con il tempo, lui ritorna nello sguardo di un figlio, nel gesto casuale, nel sorriso improvviso, nel modo di mescolare una minestra... Lui ritorna, anzi non è mai andato via: è nel tuo cuore, e nella vita dei tuoi figli, sarà in quella dei tuoi nipoti, ogni volta che racconterai, parlerai di lui...
    Ti sono vicina, anche se non ti conosco, perché perdere il Papà è un dolore grande, che accomuna, che fa sentire sorelle. Coraggio!

    RispondiElimina
  23. oh quanto mi spiace!!!! Vorrei essere li e stringerti forte, ma posso solo mandarti un pensiero di incoraggiamento e dire una preghiera.
    Forza!
    Paola

    RispondiElimina
  24. capisco questo dolore immenso...perdere i genitori e come perdere un pezzo di noi!!! ci hanno donato la vita....!
    ma noi li portiamo sempre nel nostro cuore e non passa un giorno che il pensiero non vada a loro!
    ti sono vicina!
    baci

    RispondiElimina
  25. @ NON TROVO LE PAROLE PER RINGRAZIARVI PER QUESTO GRANDE ABBRACCIO.
    LE COSE CHE MI AVETE DETTO E SCRITTO, NON SOLO QUI MA ANCHE IN PRIVATO, SONO DAVVERO UN GRANDE BALSAMO PER IL MIO CUORE.
    GRAZIE GRAZIE GRAZIE

    RispondiElimina
  26. Cara Anna, adoravo mio padre e quando se n'è andato è stata una vertigine: dolore, confusione, niente più come prima. Ma porto sempre con me il suo sorriso e la sua dolcezza, lo porto con me nella carne e nel sangue, non mi lascerà mai sola.....tuo padre non ti lascerà mai sola.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  27. ...lo ritroverai ma in una dimensione diversa ...lo ritroverai guardando le tue mani...o nel tuo camminare...in qualche tratto dei tuoi figli e dei tuoi fratelli....sarà la natura stessa a portarti qualcosa ed ogni volta dirai " papà ! "...trasformerai il dolore in " così è la vita " ma non ora...in un modo diverso Lui ci sarà !ci sarà sempre . Coraggio Anna ! le nostre sentite condoglianze Anna e Massimo

    RispondiElimina
  28. Capisco il tuo dolore...non ci sono parole che possano alleviarlo.
    Ho perso anche la mamma appena 4 mesi fa e ti assicuro che non c'è un giorno che io non pensi a lei.Ma la vita continua e se anche il dispiacere di aver perso una parte di noi ci accompagnerà per sempre ...la rassegnazione farà si che si possa andare avanti.Pensa che comunque il tuo papà sarà sempre con te!!!

    RispondiElimina
  29. Ecco Anna, la poesia che volevi, che ho dedicato a mio padre e a tutti i padri come il tuo, preziosi ai nostri occhi quanto al nostro cuore.(Fra qualche giorno in libreria con la versione in italiano in un libro sugli emigranti)

    A mio padre
    De tutt’i cose ca se potene disce
    de n’attène
    ije ne vogghje scacchjè 5,
    quant so’ i descete de na mène.
    L’attène è come u descetòne
    è curte, ma ce vuè chiude a mène
    è jdde ca fesce da bettòne.
    Ѐ come all’indice ca disce
    cià strède a fè.
    Ѐ come u discete de minz
    dritte accome nu fuse,
    superbe accome l’omme de parole,
    e chiacchiere nan’ge ne volene.
    Ѐ come l’anulare ca porte a féde
    non come a na crosce
    -accome penzene i marètere de mu-
    ma che l’occhjre de viva commozione
    pe’ l’amore ca da ijdde
    sia a megghjère ca i figghje
    se pòtene aspettè.
    È accome u mìgnele
    ca père meninn e ca na vèle nudde,
    ma è schitte perché tène l’umiltè
    de na mettese minz
    a parlè, a farse vedè.

    A jidde ‘nge baste na tremendute
    e tu a capìte gè cudde ca stè da fè,
    e na puète sfusce:
    è ijdde l’autoritè.
    Ѐ ijdde ca vè fatiche e nan se stanche mè.
    Ѐ ijdde ca se lève u pàne da mocche
    E nan t’u fesce pesè.

    Cuss è papè:
    che ijdde stoche secure,
    che jdde na sente paure.
    Che nu sguarde me fesce capì
    ca je so u megghjie d’u munn,
    ca pe ijdde so’ nu rè,
    e ca me vòle bene assè,
    pure ce na’ me lo ditte mè.

    RispondiElimina
  30. Cara Anna, mi dispiace davvero tanto. Da quello che scrivi però viene fuori una vita serena, di parole dette e di emozioni vissute. E ti assicuro che queste sono la più grande consolazione che il cuore di una figlia può avere. Un abbraccio.
    Giusy

    RispondiElimina
  31. Non è mai facile...e tu fai bene a prenderti del tempo per te, il dolore ha bisogno di decantare, di essere assorbito dal cuore e dal corpo...Ti abbraccio, anche se non ci conosciamo. Gab

    RispondiElimina
  32. Cara Anna,
    sai quando ho aperto la tua pagina ieri avevo quasi un presagio..
    ho perso le parole..
    E per assurdo come e' già successo in passato su cose belle,
    anche questo coincide con un momento mio di forte dolore.
    Capisco bene quello che dici e provi quindi.
    Un abbraccio,
    lungo.
    E tanto coraggio.
    L.

    RispondiElimina
  33. un abbraccio virtuale...e'l unica cosa che si puo'dare in questo momento, purtroppo!

    RispondiElimina
  34. @ GRAZIE DI CUORE A TUTTI. HO DECISO DI STAMPARE QUESTO POST E TUTTE LE VOSTRE BELLE PAROLE, PER CONSERVARLE PER SEMPRE.
    UN ABBRACCIO
    ANNA

    RispondiElimina
  35. un abbraccio e condoglianze
    Antonella

    RispondiElimina
  36. Ciao Anna ho saputo di tuo padre e ci sono rimasto molto male.
    E' brutto e fa male, e molto, quello che è accaduto. Lo dico con cognizione di causa, purtroppo, avendo perso mio papà qualche anno fa.
    L'unica cosa che mi sento di dirti è di lasciare che il tempo faccia il suo corso e pian piano riempia, anche se solo parzialemente, il vuoto che un simile evento lascia dentro di noi.
    Pensa alle cose belle e alla fortuna che hai avuto ad avere un padre del genere.
    Ho incontrato una volta sola tuo padre a casa tua e mi è subito sembrato una persona allegra e piena di vita come la figlia.
    Tutto qui. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  37. il nostro vuole essere solo un discreto abbraccio, ti siamo vicini con il cuore.

    RispondiElimina
  38. Capisco il vuoto che senti e il dolore che provi. Ogni cosa, ogni luogo, un profumo, una voce un passo, ti riporta a lui. Non è bello sentirlo dire, ma il tempo aiuta a far vivere questa assenza con un po' di dolore in meno. Mancheranno sempre le parole dette a quattr'occhi, gli abbracci, il profumo della sua pelle, la sua voce. Esiste qualcosa che fa sentire vicino a noi i nostri cari. Forse il cuore è così grande da poterli custodire. Sono undici anni che la mia mamma ha intrapreso questo viaggio e mi manca da morire, ma quando le parlo la sento un po' vicina. Non posso abbracciarla , ma il suo sorriso che ho sempre davanti ai miei occhi, mi aiuta in tanti momenti bui.
    Un forte abbraccio cara Anna. Mi spiace.
    Ma le persone speciali lasciano sempre tanto e rimarrano sempre nel nostro cuore per aiutarci. Un bacio.
    Ciao Paola.

    RispondiElimina
  39. cara anna , scusa ma solo ora ho letto questo tuo post...mi spiace tanto non essere stata in qualche modo "presente" in questo tuo periodo.
    Non ci conosciamo molto ma ti seguo da tanto...e davvero mi ha rattristato il cuore scoprendo della scomparsa....
    sarà che ho i genitori molto anziani e ultimamente hanno avuto , diversi problemi di salute...
    spero che il tempo cure la ferita e lasci spazio solo ai bei ricordi
    un abbraccio a te e a tutta la tua bella famiglia
    iaia

    RispondiElimina
  40. L'ho perso anche io mio padre, 2 anni fa. Ma ancora non ho messo tutto apposto, ma va bene così. Ogni tanto salta fuori qualcosa, mi commuovo e lo saluto. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  41. Carissima Anna, ti sono vicina perché provo gli stessi sentimenti per il mio papà che ci ha lasciati dieci anni fa. Ti confido questo: io lo sento sempre "vivo" perché, oltre a lasciarci tanti bei ricordi, ci ha lasciato tanto amore e questo noi lo sentiamo ancora, lo "respiriamo", lo viviamo nella nostra famiglia. E' stato lui a donarcelo e sono certa che non finirà! Sono sicura che è la stessa cosa per te.
    Un abbraccio di cuore... Rosa (Bari)

    RispondiElimina
  42. @ GRAZIE A TUTTI TUTTI TUTTI.

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI