11 gennaio 2012

Pane alle olive



Fuori fa freddo, tanto. Da non aver voglia nemmeno di andare nel balcone a prendere qualcosa.
Evito di sprecare tutto il calore accumulato dentro casa, intorno a me, sul maglione di lana e nelle pantofole.
E non mi muovo per non perdere questa sensazione di serenità e di casa.
Accanto a me un libro, comprato in aeroporto, prima di un viaggio, tempo fa. Più che un'abitudine è un rito ormai. Prima di imbarcarmi passo dalla libreria e scelgo quello che sarà il mio compagno di viaggio, un libro piccolo, discreto, pieno di promesse, che non deve deludermi dopo avermi abbindolato con l'immagine di copertina, con la trama letta in fretta e con la lettura della prima pagina.
E così quando dopo tanto tempo mi ritrovo quel libro tra le mani, mi tornano in mente tutti i ricordi del viaggio. 
Il titolo di questo libricino, piccolo (anche la collana si chiama 'Libri Piccoli Voland' della casa editrice Voland), è   'Fuori catalogo: storie di libri e librerie', di Rocco Pinto.
Ed è stato un piacere scoprirlo, pagina dopo pagina e sentir pronunciare dall'autore quelle frasi amorevoli che sempre io rivolgo ai miei libri, i miei più grandi tesori, e condividere con lui gli stessi discorsi e gli stessi pensieri. E' un libro pacato, un viaggio silenzioso, fatto nella mente, e ti senti in compagnia di un amico con cui assaporare il piacere di accarezzare una pagina di carta o lo stupore che ti regala una storia, o il brivido di incontrare il discendente di un autore caro. E non ti senti più sola ad immaginare storie strane e surreali, come sogni, ma frutto e conseguenza di una mente stimolata e che impara a volare subito dopo e durante la lettura.
Bello, molto bello. Mi dispiace che stia finendo. E mi fa venire davvero la voglia di realizzare un mio grande sogno. Una piccola libreria dove consigliare libri già letti da me e da altri, condividere anche quelli usati, seduti in comode poltrone dove, mentre si legge un libro per sceglierlo, si può assaporare anche una cioccolata calda servita in bellissime tazze di porcellana. E tutto questo solo d'inverno.
Perchè cioccolata e libro hanno bisogno di freddo, come quello di stasera.
Ormai si è fatto buio... lascio qui una ricetta che mi ha profumato la cucina. 
Un'altra ricetta di pane, semplice, arricchito con le olive (e volendo anche di noci...). 
Pane e libri.... cosa volere di più?

Pane alle olive

- 500 g di farina 00
- 100 g di semola rimacinata
- 360 g di acqua tiepida
- una bustina di lievito di birra disidratato
- un cucchiaino di malto (o zucchero o miele)
- due cucchiaini rasi di sale
- due cucchiai di olio extravergine di oliva
- 200 g di olive (quelle che preferite, nere, o taggiasche, dipende dal gusto personale)
- una manciata di gherigli di noci, tritate grossolanamente (facoltativo)

In una ciotola versare prima la semola e poi sopra la farina. Con il pugno fare un buco e versarvi il lievito, il malto (o lo zucchero o il miele che servono per alimentare i batteri del lievito) e utilizzando poca farina al centro e con una parte di acqua tiepida  formare una pappina molle.
Coprire per una mezz'ora e lasciar lievitare fino a raggiungere la consistenza quasi schiumosa.
Aggiungere il sale, l'olio e il resto dell'acqua tiepida (che avrete riscaldato di nuovo), e impastare.
Lavorarla fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.
Denocciolare le olive e aggiungerle all'impasto (a piacere aggiungere anche le noci).  Amalgamare bene il tutto e formare una palla.
Fare una croce con un coltello  per agevolare la lievitazione e con la mano per benedire l'impasto (mia madre docet).
Coprire con pellicola unta di olio, canovaccio e coperta e lasciar lievitare fino al raddoppio del volume (un'ora circa),
Quindi sgonfiare l'impasto e ridargli una forma a pagnotta. Posizionarla sulla leccarda dove avrete messo della carta da forno.
Farla 'riprendere' dallo choc della manipolazione e aspettare circa un quarto d'ora.
Cuocere in forno (media altezza) a 200° circa (secondo il proprio forno) fino a quando, battendo con un cucchiaio non sentirete un suono secco e non ovattato (circa 40 minuti).
A cottura ultimata avvolgere il pane in un canovaccio pulito per almeno mezz'ora.
SHARE:

28 commenti

  1. Pane e libri, un'accoppiata perfetta che Sto arrivando! Di casa e calore. Ho proprio vogla di un pane alle olive home made, come il tuo, bello profumato. Grazie per l'idea!

    RispondiElimina
  2. ♥ Evviva il pane e il calore!!!
    Un abbraccione Anna! ;-*
    Annalisa

    RispondiElimina
  3. Già l'invitante foto sembra consentire l'accesso al sapore e alla fragranza...

    Sull'onda dei ricordi e della tradizione, quasi una Puccia di salentina memoria.

    Ancora una volta, complimenti Anna!

    RispondiElimina
  4. Non vado matta per le olive, però ti assicuro che questo tuo pane lo assaggerei lo stesso!

    RispondiElimina
  5. Anna, cara Anna...se un giorno e ho già tolto il se aprissi una libreria così come l' hai descritta, così come la immagino anch' io da tempo mi avvisi vero? ma oltre alla cioccolata calda che ne pensi di té e biscottini profumati? vado a letto sapendo già cosa sognerò...grazie chéri! Anna

    RispondiElimina
  6. ti ci vedo proprio in una libreria del genere! pensaci!!... ti immagino anche con le "serate del libro", su divani e luci calde a leggere brani e commentarli, ad incontrare autori... se la apri dammi l'indirizzo che passo di sicuro!

    RispondiElimina
  7. L'idea del bookcafé l'ho sempre avuta anche io, ma nella mia città rischierei il vandalismo :D
    Sai che adoro le olive? Pensa il pane alle olive, che bontà!
    Notte Anna :)

    RispondiElimina
  8. pane , libri in tua compagnia...un sogno che si deve presto avverare

    RispondiElimina
  9. Come mi piace il pane con le olive! E i libri e la cioccolata anche! Goditi il freddo ;)

    RispondiElimina
  10. carissima Anna
    non sai che piacere scoprire che condividiamo un sogno nel cassetto! Quello di una libreria dove oltre a un buon libro poter coccolare anche con una delizia gastronomica!
    Quando entro in una libreria , ad occhi chiuso profumo l'essenza della carta dai libri rilasciata inconsapevolmente e mi lascio avvolgere dal turbinio di proposte con conseguente incapacità di saper scegliere!
    E quindi lasciarsi guidare da una mano amica sarebbe perfetto!
    Ahhh... i sogni quanto son belli!!
    Adoro questo pane (come tutti del resto) e adoro il profumo che la cottura del pane rilascia in casa!
    Le tradizioni della nostra terra , con la mano che benedice l'impasto!!
    che bello leggerti e scoprirsi in sintonia!!
    un bacio cara amica e buona giornata

    RispondiElimina
  11. @.... X TUTTI... pane e libri.... secondo me si potrebbe vivere solo di questo. Per quanto riguarda la la libreria dei miei sogni... chissà!!! se solo riuscissi a realizzarla vi inviterei tutti tutti all'inaugurazione.... davvero.
    mah.... intanto mi crogiolo con il sogno...
    Grazie a tutti per essere passati da me.
    Anna

    RispondiElimina
  12. questa ricetta mi piace molto. sabato la faccio!
    buona giornata (ps qui al nord non fa molto freddo purtroppo...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è capovolta l'Italia, qui fa un freddo terribile... Buona giornata a te...

      Elimina
  13. Che bellissima immagine hai descritto! vengo anche io sulla tua poltrona se mi fai un pò di posto! :)
    Leggendo un buon libro e assaporando il tuo pane e... perchènno poi anche una tazza di cioccolata! :)

    RispondiElimina
  14. Non vorrei niente di più: profumo di pane e la compagnia di un libro che mi piace... a sì, che ne dici di un gatto sulle gambe che ronfa?! Ecco così è perfetto. Buongiorno Anna!

    RispondiElimina
  15. Buongiorno cara Anna!!! Il sogno di una piccola libreria con scaffali alti fino al soffitto e pieni di libri che, uno accanto all'altro scaldano la stanza, magari nemmeno troppo illuminata,tipo quella della protagonista del film " C'è posta per te ", è tanto tempo che accompagna anche me, soprattutto nelle fredde giornate d'inverno. Magari con una bella persona che legge storie davanti a bambini ammalliati dalla fantasia delle favole! Ti vedrei benissimo dietro il banco a consigliare le varie letture. Magari potresti esporre in bella vista anche libri scritti da te! Secondo me potresti scrivere storie bellissime, ricche di emozioni e di cuore!! Magari storie di ricette che escono fuori dalle pentole, tipo i libri che si animano nel video su you tube. E poi la foto del tuo profilo potrebbe essere la gigantografia dietro il banco! E' belliessima!!!!Scusa per il mio dilungarmi! Non smettere di sognare la libreria, ma prova a realizzarla!! Sarà un successo! Un bacio ciao !!! Pola!!!

    RispondiElimina
  16. che bello Anna, ogni volta la tua vita quotidiana mi emoziona, mi lascia molto dentro di te di quanto amore hai per la lettura e di quanto mi stimoli ancora di più tuffarmici anch'io...in questo periodo poi é più che necessario.

    Anche a me succede a volte di dispiacermi di essere arrivata all'ultima pagina.

    ps: ti chiedero' consiglio molto volentieri del prossimo che vorro' leggere!
    un bacio
    pat

    RispondiElimina
  17. Il pane....una grande coccola :-)

    RispondiElimina
  18. la foto per quanto bellissima non rende merito sicuramente al profumo e al sapore :-)

    RispondiElimina
  19. che meraviglia sei grande, ti seguo sempre.
    A presto michela

    RispondiElimina
  20. Peccato che i blog non trasmettano anche il profumo...complimenti per il tuo bellissimo blog.
    Claudette

    RispondiElimina
  21. hai messo in un post tutto quello che amo profondamente, i libri, il pane, i ricordi di viaggio!

    RispondiElimina
  22. E come al solito mi lasci senza parole...che poi spesso non aggiungono nulla di più quando tutto ciò che importava è stato detto. Così rileggo lentamente godendomi ogni sensazione che sai far provare e sforzandomi di sentirla con la tua voce che mi piace tanto. Quanto vorrei risentirla nuovamente dal vivo....(accidenti a me che non voglio guidare!!!)

    RispondiElimina
  23. Splendida idea quella di una libreria così speciale...è vero i libri han bisogno di freddo fuori così si apprezza tanto il tepore che emanano. Questo tuo pane è speciale come te ♥
    PS prometto di risponedere alla tua mail grazie di tutto cuore per la persona preziosa che sei
    Buona domenica

    RispondiElimina
  24. Caio hai ragione il freddo onvoglia alla lettura magari sotto una bella coperta di lana e con una bella tazza di tea o cioccolata fumante.... le tue foto sono sempre stupende ed il tpane è davvero invitante :-) mi sono unita al tuo blog, ciao

    RispondiElimina
  25. Anche io lo faccio spesso così! E adesso mi è proprio venuta una voglia incontrollabile di impastare e sfornare. Provo anche con qualche pinolo! ;)

    RispondiElimina
  26. L'ho fatto, delizioso e profumato. Domani sarà sul blog, in questo momento l'abbiamo finito ;) Meno di 48 ore per divorarlo, grazie dolce Anna.

    RispondiElimina
  27. Buonasera, il tuo blog è affascinante, sereno e delizioso ,e il primo post è stato questo: il pane, caldo profumato con le olive e le noci....la ricetta è già stampata.Sei bravissima e da oggi ti seguo molto volentieri..

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI