23 gennaio 2012

Fave fritte


Ho messo la pentola con l'acqua sul fuoco, oggi il desiderio porterà in tavola semplici spaghetti con pomodorini e basta, il resto è già fatto, e ho tempo, di corsa, fino all'ebollizione dell'acqua, di scrivere qualcosa.
Sempre di corsa, ma per fortuna dentro non ho affanno. Questo inverno tiepido che ancora non si decide a sfogarsi con un pò di freddo vero, mi fa desiderare l'aria di primavera. Ho voglia di aria tiepida (attenzione non caldo!!!), di passeggiate sul mare, in campagna, di vestiti leggeri... di giornate lunghe da riempire....
Alcuni passerotti che di solito arrivano sulla mia finestra verso marzo, sono già arrivati da ieri e hanno cominciato, impauriti, a cinguettare...hanno intuito che c'era la fregatura.
Di cucinare cose grandiose, ancora non me la sento. C'è un ritorno alla semplicità estrema, minimal, secondo i miei figli, c'è un elogio della pigrizia e uno spegnimento della fantasia, ma non è così. Nonostante si mangi, e si mangia tanto eh!!!, ho voglia di verdure bollite, di legumi e fette di pane tostato, di cereali impastati in mille modi, di mani infarinate e di olio extravergine d'oliva crudo ovunque.
E di piccole quantità, di sfizi, non di piatti enormi.
E mi son ricordata di questo sfizio, che si vende comunemente alle bancarelle di nocelle e arachidi e pistizz (castagne secche), ma che fino alla scorsa settimana non sapevo preparare.
E così ho chiesto, cercato, studiato e preparato le sfiziosissime FAVE FRITTE, che si servono come stuzzichini per l'aperitivo e che se non ti controlli te ne mangi tanteeeeeeee ma tanteeeeeee che poi ti pizzica la lingua... anche perchè sono salate e piccanti.
Ma tanto buone.
L'acqua bolle..... vado.


Fave fritte
- fave secche sgusciate (fave bianche)
- olio per friggere (o extravergine di oliva per un sapore più deciso o di arachidi per un sapore più leggero e un effetto più croccante)
- sale fino
- pepone ( polvere di peperoncino piccante secco e macinato)

Tenere le fave in ammollo per 24/36 ore cambiando spesso l'acqua.
Asciugarle benissimo con un canovaccio pulito o tenendole all'aria aperta.
Friggerle in abbondante olio caldo fino a quando diventano leggermente dorate.
Scolarle su carta assorbente e cospargerle con tanto sale fino e pepone.

SHARE:

18 commenti

  1. Mi piace sia la ricetta che quest'atmosfera calda e accogliente che mi sento addosso ogni volta che passo di quà :)

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Non le avevo mai viste prima, ma mi sa che è uno di quei casi in cui una tira l'altra

    RispondiElimina
  3. Ciao a vedetle così danmo davvero l'idea di via uno sotto l'altra :-)

    RispondiElimina
  4. Scusa ma scrivo con il cellulare, volevo dire vedendole

    RispondiElimina
  5. Uno snack davvero invitante :D

    RispondiElimina
  6. Sono sicuramente stuzzicanti!!! Non sempre un piatto molto elaborato suscita grandi appetiti. Anche io mi sciolgo davanti ad una bella fetta di pane abbrustolito e sopra un abbondante filo di olio extravergine di oliva del nostro uliveto!!!
    Complimenti per gli scatti molto efficaci e per il racconto.! Un abbraccio e a presto!! Ciao Paola!!!

    RispondiElimina
  7. mmmm....quante ne potrei divorare...una dopo l'altra...

    RispondiElimina
  8. ciao Anna
    A CHI LO DICI!! (riferendomi alla prima parte del post)
    CARINI! (riferendomi ai passerotti perchè ancora ricordo quello spaurito che hai postato tanto tempo fa)
    GENIALE!!(riferendomi alle fave che ho ,mangiato in un agriturismo, cioè più mio marito che io,e che ora gli presenterò sotto il naso con sua grande sorpresa ^____^)
    baci come sempre

    RispondiElimina
  9. Bellissime le fave fritte! Davvero un'ottima idea, poi mi piace troppo come le hai presentate. Complimenti e buona serata!

    RispondiElimina
  10. che buone le fave fritte,da sgranocchiare davanti la tv sotto un bel plaid in attesa di poter godere un pò di caldo:)

    RispondiElimina
  11. proprio da film e da fare x il nostro sbato sera dopo la pizza sul divano e la copertona!!! tesoro qui' fa' freddissimo ^_^

    RispondiElimina
  12. questo piatto sa proprio di passeggiata in mezzo alle bancarelle con il cartoccino di carta in mano. Hai perfettamente evocato una sensazione di spensieratezza (e anche bontà!)

    RispondiElimina
  13. Finalmente mi fermo con calma a leggerti. Che belle queste fave che mettono allegria! Il sale, ma anche il piccante...sembrano quasi una metafora della vita: saporita come il mare e piccante come le lacrime che ogni tanto si fermano agli angoli degli occhi. C'è sempre poesia in quello che fai...grazie♥
    PS Stupenda colonna sonora!

    RispondiElimina
  14. Tu sei da rapireeeeee..... Bravissima .... Kiss kisss

    RispondiElimina
  15. Che bella questa ricetta, io vado matta per le fave fritte ma non le trovo mai da nessuna parte. Ora posso prepararmele a casa.
    Grazie

    RispondiElimina
  16. mmmmmhhhh, riesco a sentirne la croccantezza e il gusto, complimenti

    RispondiElimina
  17. Un'idea... folgorante! E infatti ne sono stata folgorata. Ci proverò, puoi starne certa: e io sono una che non frigge praticamente mai...
    Grazie!

    Sabrine

    RispondiElimina
  18. Sono buonissime parola di chef come tutte le ricette presentate in questo blog. saluti dal sito www.ceglieincucina.com

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI