13 settembre 2011

guerra e pace in campagna

E siamo tornati con i piedi sulla terra.
Quella marrone della mia campagna che da sempre è da tutti conosciuta come un luogo di pace, ma che ultimamente continua ad essere per me come una zona di guerra.
Ma, dico, vi sembra possibile che da febbraio questo benedetto forno a legna non è ancora pronto?
Quel famoso muratore che sospira prima di rispondere, e che ancora latita, mi chiama, mi dice che viene e poi sparisce.
Quel famoso muratore dicevo è basso, e costruisce i forni alla sua altezza e, anche se grido dicendo che ioooooooooo lo voglioooooo più altoooooooo, se ne frega e dice che io non sono del mestiere e che l'altezza del forno è quella che decide lui e non io.
Che poi magari le pronunciasse tutte queste parole.
Lui ignora le mie parole e basta.
Dov'è finita l'ubbidienza degli operai?
Vi racconto questo altro aneddoto VERO e poi chiudo qui la serie 'Muratori a casa mia non ne verranno più'.
Nella tornata precedente (l'anno scorso) il 'tonachista' factotum che proprio totum non è che lo sapesse fare bene, una mattina mi fa una sorpresa.
Nel bagno che ha una parete tutta a pietra viva, mi fa trovare l'intonaco già fatto alle 8 di mattina (si era alzato prima per farmi una sorpresa!!!), di colore marroncino puntinato bianco.
Alla mia bocca spalancata mi dice 'Eh? hai visto signora che sorpresa ti ho fatto? questo intonaco l'ho imparato quando lavoravo al nord, a Bressanone, dove ne capiscono... Non come qui che l'intonano lo fanno sempre tutto chiaro'
E io che mi trattenevo da sola per non ucciderlo:  'a parte che non è detto che quelli che abitano a Bressanone ne capiscano più di noi.... ma mi dispiace, l'intonaco marroncino non l'avevo previsto. Per favore non prendere più l'iniziativa. Ora lo togli tutto e lo rifai chiaroooo...' 
Non mi ha parlato per una settimana, offeso.

Quello di ora non parla di suo.
Quindi ... stanca del lavoro e dell'agitazione, vi posto solo un'idea di pace che stamattina ho guardato con nostalgia, incapace di calmarmi e di goderne.
Tornerò a cucinare, ve lo prometto.
Ora vado avanti a friselle.
A presto
A
SHARE:

10 commenti

  1. e se cambiassimo il muratore?
    ne so qualcosa mia cara...ho finito 2 mesi fa di ristrutturare la casa dove sta per trasferirsi mio figlio ......e con le varie squadre che inievitabilmente capitava che si incontrassero e io a fare da arbitro....non devo neanche dirti immagina...lo sai davvero!! ^_^
    intanto hai il profumo e l'aria della tua terra marrone...chiudi gli occhi e respira profondamente.
    Quello che arriverà alle tue sensazioni ti appagherà di tante agitazioni! *_^
    buona giornata alla mia A

    RispondiElimina
  2. lasciamo perdere il discorso, potrei attaccare un pippone di pagine e pagine avendo avuto gli operai in casa per 5 mesi dovendo ristrutturare radicalmente il piano terra del nostro casale, con una bambina di 3 mesi (all'inizio dei lavori...) pare brutto ma ho imparato a farmi valere: tu lavori quando ti pare? io ti pago quando ti pare. di solito funziona anche se mi obbligano a tirare fuori una parte di me che non mi piace.

    RispondiElimina
  3. Muratori a parte, nel tuo blog si respira una bellissima atmosfera!

    Doriana

    RispondiElimina
  4. Sono qui che ghigno perché le tue parole trascinano ricordi di chi come te, ha subito le angherie del muratore di turno. La tua avventura sintetizza l'incapacità di comunicare tra esseri umani dotati di braccia poderose e calce sul cappello ed il resto del mondo. Mi domando: che sia davvero colpa della calce che brucia quei pochi neuroni di cui ancora possiamo dirci portatori? Mi sono innamorata di quelle muccone placide e della tua playlist che mi sta portando in paradiso. Ti abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  5. Cara Anna che dirti..porta pazienza..sarà la categoria?(tanto per generalizzare un po'...:D ) quando spariscono a metà lavoro..o prendono iniziative poi sono insopportabili!!!! Grrrrrrrr!!
    Un abbraccio Arianna

    RispondiElimina
  6. ...ma basta! non se ne può più!!!...un bel bergamasco di 30 anni,tutto altezza e muscoli,che dici?te lo cerco???...voglio che tu sappia però che se non ti capisci con Uno che parla una lingua a te comprensibile non so come potresti cavartela con un bergamasco!!! dai Anna,vai oltre e fatti scivolare via il tutto dal tuo meraviglioso cuoricino. Ti abbraccio bella Donna!ann......a.

    RispondiElimina
  7. oddio ancora!!!, mi sà che devi prendere lezioni da muratore e fartelo tu questo benedetto forno...Anna le risate che mi sto facendo e poi l'aneddoto, me lo avevi raccontato ti ricordi???? che divertente che é leggerti sopratutto averti conosciuta ;-)

    un bacio sincero e mi raccomando la tua bella terra marrone, un sacchettino riservamelo!

    RispondiElimina
  8. Ma vogliamo proprio farci male? Allora io gli operai ce li ho in pianta stabile nel bagno con la doccia, devo alzarmi di notte per farla e, durante il giorno devo spiegare le lezioni a debita distanza dagli alunni altrimenti, se gesticolando alzo l'ascella, mi muiono per asfissia prima di darmi la soddisfazione di bocciarli a fine A.S.Come la mettiamo? Andrò di salviette profumate e pazienza, ma tanta!La lariana

    RispondiElimina
  9. ma com'è che 'sti muratori sono tutti uguali? però mi hai fatta ridere un sacco!! :-)

    RispondiElimina
  10. si sta molto bene qui. Posso?

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI