15 aprile 2011

Cicorielle, bietole e finocchietto selvatico, 'azzìs' con pomodorini e aglio fresco di primavera


Non ho più voglia di parole. Di suoni di persone, di chiasso e confusione, o suoni di auto.
Ho bisogno di suono di vento e fruscii,  di stridii e ronzii di insetti e abbaiare lontani di cani di masseria. E al finire del giorno, di muggiti di mucche che tornano dal pascolo da sole e suoni di campanacci e poi, piano piano, anche di versi di civette e gufi che si riprendono il potere della notte. 

E ho voglia dei profumi di lillà che in questi giorni riempiono l'aria delle strade di campagna, e dell'erba appena tagliata dei campi puliti. E della rucola che comincia a spuntare, con il suo odore forte che mi fa pensare alle insalate fresche dell'estate. E delle violacciocche del mio giardino che fanno compagnia alla citronella comprata lo scorso anno.

E ho voglia di riempire le mie future giornate della calma delle passeggiate dove ti incammini senza ancora sapere dove andare e perchè, ma strada facendo raccogli quello che ti viene offerto dalla campagna, come carezze che solo una madre, paziente e silenziosa, sa darti.
E raccogli erbe di campo, piene di profumi e fiori e piante di borraggine. E rucola selvatica e cicorielle e bietole spontanee. E fiori da mettere in tavola e nelle insalate.

E torni, con la pace dentro e con la voglia di condividere tutta questa magia con qualcuno.
Ed è così che nasce l'idea di un corso sulle erbe spontanee della mia terra, che si terrà qui a Noci il 12 maggio prossimo, in compagnia di un bravissimo esperto di piante della facoltà di Agraria dell'Università di Bari, appassionato come me della sua terra, tanto da fare di un amore il suo lavoro. E in compagnia anche di un grande cuoco che sa trasformare queste semplici erbe in piatti pieni di passione.
Per il programma cliccare sulla foto qui di seguito

Mi piacerebbe tanto ripetere con tanta gente la stessa passeggiata che ho fatto ieri e che mi ha dato oltre a tanta serenità anche l'idea del piatto che oggi era sulla nostra tavola.


Cicorielle, bietole e finocchietto selvatico, 'azzìs' con pomodorini e aglio fresco di primavera

- cicorielle e sivoni
- bietole selvatiche
- finocchietto selvatico
- olio extravergine di oliva
- aglio fresco
- pomodorini
- peperoncino (facoltativo)

Pulire accuratamente le verdure, lavarle più volte per eliminare il terreno.
Lessarle in acqua bollente e salata. Nel frattempo in un tegame far rosolare in olio extravergine di oliva, diversi spicchi d'aglio fresco, anche in camicia, parecchi pomodorini tagliati a metà e, se gradito, il peperoncino.
Quando le verdure sono ancora al dente tirarle fuori dall'acqua di cottura con un forchettone o con l'attrezzo per gli spaghetti e, grondanti di acqua, posarli nel tegame con i pomodorini. Aggiungere ancora qualche mestolo di acqua delle verdure e continuare la cottura, coprendo con un coperchio.
Servire con fette di pane fatto in casa.

SHARE:

25 commenti

  1. Anna...e che ti devo dire?, difronte a questo piatto "povero" mi inchino! tantissimi ricordi sono legati oltre al fatto che resta uno dei miei preferiti ^^

    Baci e buon we!

    RispondiElimina
  2. Annina, la meraviglia delle sensazioni trasformate dalla tua bravura in parole. Anche io con te, a raccogliere il sole e i fiori e i silenzi e le nuvole. E tutto quello che ci portano. Davvero sarebbe il toccasana di cui ho bisogno ora. Ti mando un abbraccio grande per questa nuova avventura che inizi, sono certa che il tuo corso sarà fantastico, coem tutto quello che tu fai. Un bacino, Chiaretta

    RispondiElimina
  3. Parole che mi fanno sognare quella pace che solo quando mi immergo nella "natura" riesco a trovare.
    Il piatto di oggi prolunga quella sensazione (di salutare e puro) di cui sopra....

    Bacio e buon week end :)

    RispondiElimina
  4. che dire? è tutto una poesia ....e una musica per le mie orecchie.
    vedi che puoi realizzare le tue idee ..ed anche continuare col blog, mettendo al centro ciò che desideri nei tuoi tempi. ti sono vicina

    RispondiElimina
  5. ma sai che questo piatto non lo conoscevo proprio? che buono dev'essere!

    RispondiElimina
  6. :) ciao anna! ma che bel piatto!

    RispondiElimina
  7. Io qui mi trovo bene...buon we, ciqao.

    RispondiElimina
  8. come mi piacerebbe poter venire al corso!! ma ahimè troppi chilometri ci separano...
    questo piatto è una meraviglia!

    RispondiElimina
  9. Povero per modo di dire ma vi assicuro ricchissimo, per principi nutritivi, sapore, storia, tradizione, etc

    RispondiElimina
  10. Che bontà questo piatto Anna! Magari avere la campagna vicino! Pensa che ieri c'erano le bancarelle della Coldiretti, qui in pieno centro a Napoli, ed io, presa dalla gioia di poter mangiare verdure davvero fresche, mi sono fatta prendere la mano e ne ho comprato kg e kg!(tra cui la cicoria di Vico Equense)Risultato? Ho passato il fine settimana a pulirle e cucinarle... ;-)
    Baci baci

    RispondiElimina
  11. @ Patrizia... le vecchie ricette non moriranno mai...non so se mai i nostri figli rievocheranno momenti magici con pennette, prosciutto e panna.... mah!

    @Lepapille.... Chiaretta bella, magari ci fossi anche tu nelle mie passeggiate... spero che si torni un pò tutti a questo recupero, che non è solo di cicorielle, ma anche di un animo più semplice.

    @letiziando... la natura è una buona madre... magari fossimo più vicine a lei

    @simoff... grazie simonetta.un bacio anche a te

    @micaela... questo piatto è d una semplicità estrema. Basta solo raccogliere e cucinare. Però prima devi sapere cosa raccogliere....eheheh

    @babs... grazie cara

    @max... grazie max, ma ho capito che siamo fatti della stessa pasta e che ci piacciono i piatti semplici

    @cristina b... se ne viene fuori un libro ti avviso

    @Rocco... da inserire assolutamente nella nostra dieta

    @Rosalba... la fatica di raccogliere e pulire le verdure è proprio ciò che allontana da questi cibi. Invece con un pò di buona volontà si riscopre un mondo intero.

    a presto a tutti

    RispondiElimina
  12. ottimo piatto, bravissima!
    a proposito di aglio, hai mai provato l'aglio orsino? a me cresce spontaneo dietro casa e vorrei, prima o poi, provare a cucinarlo in qualche modo

    RispondiElimina
  13. @salamander... no, qui da noi non lo usiamo... ma credo che ci sia, perchè dalle foto penso di averlo anche io in campagna. Vedrò. Grazie

    RispondiElimina
  14. Cara Anna, anch'io oggi avrei bisogno solo della natura e dei suoi suoni..invece sono in una metropoli e mi chiedo perchè...

    RispondiElimina
  15. Anna ti riconosco unica nel preparare queste ricette ne hai diverse nel tuo blog e sono bellissime, complimenti ☺♥

    RispondiElimina
  16. Verrei volentieri a passeggiare con voi e a scoprire tutte queste erbe. Ma è già stato un piacere entrare nel blog, trovare i lillà e la musica avvolgente.
    Un bacio

    RispondiElimina
  17. Che meraviglia, Anna! Ti leggo da mesi in silenzio e proprio oggi che parte il mio blog tu ci inviti ad una passeggiata tra le erbe! Dubito di riuscire a venire davvero ma seguirò l'evoluzione di questo tuo progetto, chissà che non ti faccia eco con le mie erbe di Liguria....
    Vieni a trovarmi e porta tanti amici!
    http://duearchitettieunacucina.blogspot.com/

    RispondiElimina
  18. Piatto superbo! Semplice e pieno di profumi, sapori, storia, ricordi!
    Che bella l'idea del corso!

    RispondiElimina
  19. Ciao Anna! grazie di avermi segnalato la tua iniziativa verde, cercherò di partecipare, Intanto mi sono iscritta al tuo blog, bellissimo!
    complimenti per tutto e a presto!

    RispondiElimina
  20. 22 aprile
    Earth Day
    41 Festa della Terra
    Se vuoi celebralo vai in www.cucinaamoremio.com predi il logo ed esponilo.
    Grazie.
    Dann/www.cucinaamoremio.com

    RispondiElimina
  21. che bello riscoprire certe sensazioni!

    Buona Pasqua!!

    RispondiElimina
  22. La raccolta di erbette primaverili da grande soddisfazione, come ti ho già scritto sono molto dispiaciuta della distanza... sarebbe stato bello partecipare!
    Un abbraccio
    Fico&Uva

    RispondiElimina
  23. Che meraviglia queste ricette fatte con le meravigliose erbette frutto di rigeneranti passeggiate!
    Peccato che tu sia così lontana, avrei partecipato volentieri al corso!
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  24. ci piacerebbe essere lì a raccogliere anche noi :-)), auguri di buona Pasqua

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI