21 dicembre 2010

Primo giorno di festa


Mi sento come una cartellata.... fritta soltanto però.
Stamattina quando mi sono alzata il mondo era tutto bianco grigio e nero. E mi sono spaventata, perchè ho detto 'oddio no, ti prego, di nuovo una giornata deprimente'. Poi mi sono accorta che non era la mia mente ad essere despressa bensì.... era il mondo ad essere immerso nella nebbia.
Una nebbia bianca e fitta che però ti lasciava poco respiro e un peso sul cuore che, ultimamente molto provato, aveva proprio bisogno di aria e colori.
Per fortuna mi son rimboccata le maniche, ho lasciato la vanga di cui mi son servita per scavare e scavare questi giorni, doccia, restauro durato almeno un'ora per coprire i segni del passato, profumo buonissimo.... e contenta di me sono uscita, dimenticando la casa e le sue pretese.
Dopo tante commissioni sono andata dalla mia mamma e ho detto 'ora facciamo presepe, addobbi e cartellate'. Tutto oggi.
Ed è arrivata la sera, sono stanca e puzzo di cartellate fritte fino dentro ad ogni riccio biondo della mia testa... ma abbiamo proprio riso tanto e non abbiamo pensato a niente che non fossero cartellate.
E ridevamo di come papà la chiamava di continuo...
Una nota a parte merita la nomenclatura con cui mio padre chiama mia madre. Ogni tanto le cambia il nome a seconda delle sue letture o dell'ispirazione degli ultimi fatti di cronaca...
Una volta la chiamava Geppa, ispirato dal diavoletto buono dei fumetti.
Un'altra volta Stephany, da Beautiful, perchè dice che mamma comanda come lei...
Ora la chiama Cosima, personaggio di recente cronaca che comanda il marito...
Ecc... ecc... insomma lui si auto compiace del ruolo di vittima e lo dice a tutti.....
E da qui il mio spettacolino privato...
Domani si comincia a pensare alla cena della Vigilia e al pranzo di Natale....
SHARE:

14 commenti

  1. Mi mandi il tuo indirizzo?....se mai un giorno!!!! ma oggi voglio farti un regalo! ;-)

    RispondiElimina
  2. Che belle immagini di serenità famigliare...lasciati tutto alle spalle, questo è il vero spirito del Natale!
    Un abbraccio di cuore

    RispondiElimina
  3. Queste immagini mi hanno meglio fatto capire il senso profondo del cucinare e dello stare insieme, che diventano il senso della vita, o almeno una gran parte del senso della vita, la migliore, per me.

    RispondiElimina
  4. che begli scatti!!! un collage che sa di casa e di amore, poi leggendo le parole, ho capito! mi fa troppo ridere quello che hai scritto di tuo padre e di come chiama tua madre!!! devono essere bellissimi insieme!
    un abbraccio grandissimo

    RispondiElimina
  5. Le foto sono meravigliose! Voi siete meravigliosi, grazie per avercele mostrate!
    Anna cara, tantissimi auguri di buone feste a te e alla tua splendida famiglia!
    Un abbraccio forte
    Paola

    RispondiElimina
  6. Che gioia in queste parole..BUONA NATALE ANNA!

    RispondiElimina
  7. Anna mi hai fatto un regalo favoloso!
    Queste foto... mi riempiono di tenerezza....Annina sei unica e inimitabile, i tuoi "ricci che sanno di fritto" mi ricordano di quanto grande sia il tuo cuore, di quanto generosa e instancabile sia la tua voglia di serenità, di quanto tu riesci a dare agli altri senza mai chiedere niente in cambio! io ti adoro, ma questo già lo sai....vorrei solo poter essere la spalla su cui ogni tanto appoggiarti Anna, una mano da stringere per camminare insieme e insieme sorreggerci....
    Buon Natale Anna!
    tua (per sempre ) Pippi

    RispondiElimina
  8. cara Anna, traspare un atmosfera di festa che mi piace tantissimo! Infiniti auguri!

    RispondiElimina
  9. che meraviglia Anna ;)
    ti abbraccio
    Antonella
    ps: che bella la canzone che sento qui da te LOST..non la conoscevo. baci

    RispondiElimina
  10. Cara Anna grazie per aver condiviso con noi queste immagini di tenerezza e calore!Sono contenta di sentirti più serena e ci tenevo a dirti che quando tornerai a Roma sarò felicissima di conoscerti!!
    Un caro abbraccio e ancora tantissimi auguri per uno splendido nuovo anno e un Natale pieno di serenità!
    Laurasole

    RispondiElimina
  11. ciao Anna bellissimo "il servizio fotografico" scattato alle tue abitudini della tradizione....anche qui, come ben potrai immaginare,odore di cartellate fritte (ho fatto anche il post) nonostante il periodo pieno di impegni di controllo ho trovato il tempo...baci e abbracci

    RispondiElimina
  12. gioia e tristezza a volte vanno a braccetto , ma sta a noi fare del sorriso la nota dominante...che poi influenza tutto il resto e per primo aiuta noi stessi... mi hanno commosso le mani "benedicenti" della tua mamma! e le nomenclature del tuo babbo!!! un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Oggi anch'io ho fatto le cartellate, la macchinetta Imperia si muoveva tutta ,alcune cartellate si sono aperte quando le ho tuffate nell'olio.......Devo ancora imparare....
    Mi dispiace per domenica, ma la vita per fortuna va avanti grazie alle giornate passate con i propri cari un abbraccio natalizio

    RispondiElimina
  14. meravigliosa atmosfera di festa vera. acuta nostalgia per me. ma col sorriso. molto simili i tuoi ai miei, sempre ridere e pastrocchiare. il senso del natale è questo. anche per noi grandi. vicinanza. oggi chiudo ufficio e poi si comincia a preparare. un abbraccio forte e grazie,

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI