5 luglio 2010

Dall'alba al tramonto


ALBA
Il rifugio più fresco per le notti d'estate è il trullo. All'interno niente filtra della calura esterna, nè dei rumori del mondo.
A parte il mondo della campagna. E si, perchè qui la vita continua nel buio con voli di uccelli notturni e farfalle ciccione che svolazzano e sbattono goffe sull'unica luce lasciata accesa. E continua con le cavallette giganti che friniscono, visto che ancora non ci sono grilli e cicale. E trattori e mietitrici dei contadini mattinieri che preferiscono lavorare senza il sole.
Quindi sentiamo che fuori al buio c'è sempre il fremito della vita e ne godiamo, al fresco sotto la nostra copertina celeste. L'unica luce che ci arriva è il raggio che riesce a filtrare attraverso il comignolo del caminetto. Uno spiraglio di giorno che illumina discretamente il nostro rifugio.
Fra un pò fare colazione alle prime luci del giorno con tutto questo intorno sarà un privilegio che ci regaleremo.

PRANZO
Il verde regna sulla nostra tavola. Il basilico profumatissimo, i primi 'cornaletti' del nostro orto, i fioroni del nostro vicino..... un piatto di spaghetti semplicissimi  con pomodoro e cacioricotta e 4 bicchieri di prosecco freddissimo per festeggiare questo momento al suono di 'Here comes the sun'... E l'emozione di stare qui, ora, è fortissima......


POMERIGGIO
Occhi chiusi. 
La sdraio al fresco, sotto il pergolato. Le gambe sollevate e il libro aperto e posato a faccia in giù. Tazza di caffè e venticello tra i capelli. Tutti riposano e mille parole nella mia mente per cercare di fissare questo momento e descrivere in un post quello che sento. Difficile mettere un argine ai pensieri. Forse se anche chi legge chiudesse gli occhi e provasse solo ad immaginare..... 


SERA
Abbiamo deciso di NON andare al mare per evitare la folla e il caldo torrido. Ci arrivano telefonate di amici che decantano la trasparenza del mare calmo e caldo e per un pò desideriamo essere li. Si, ma solo per un pò... Infatti non credo abbia prezzo la tranquillità e il silenzio che ci ha regalato questo giorno di luglio. Vicini che passano nel viale e ci danno il benvenuto, come nuovi abitanti della zona. Bibite fresche e musica dolce ci accompagnano verso la sera. Dopo aver innaffiato orto e fiori non abbiamo voglia di fare altro e mollemente ci trasciniamo sulle sdraio.... dove aspettiamo solo che il tempo passi. Senza desiderare altro

SHARE:

20 commenti

  1. Un post meraviglioso, che mi ha emozionato come non mi accadeva da tempo. Forse perché mi mancano i profumi e i sapori del mio Sud... dei peperoni verdi fritti mangiati bollenti, dei fichi, del sugo di pomodori freschi... Hai descritto un angolo di paradiso e mi hai fatto sognare :-)

    RispondiElimina
  2. Ti leggo sempre a occhi chiusi, per come disegni i dintorni e i paesaggi che hai dentro e così mi sono sentita parte del tuo giorno speciale e poi vorrei dirti che la semplicità è il lusso che preferisco in assoluto, il lusso più vero se solo lo si sa cogliere. Non vedo l'ora di fare leggere questo tuo post a Luca quando torna, perchè so che ne rimarrà incantato come è successo a me. Stasera anche noi porteremo in tavola spaghetti pomodoro e basilico, abbiamo persino la cacioricotta, è da un po' che ne avevamo voglia, ogni volta che annaffiamo le nostre rigogliose piantine di basilico!
    Un abbraccio, ti voglio bene
    Sabrina
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  3. felice di ritrovarti serena e capace come sempre di godere delle vere ricchezze che ti circondano...
    aspettavo impaziente un tuo post..
    dalla calura 40° di madrid ...ma anche questa, se presa bene, si sopporta...specie se in compagnia della amata figlia...un abbraccio caloroso ( poteva essere altrimenti??)

    RispondiElimina
  4. Mi piace come scrivi, Anna,
    mi sembra quasi di essere seduta in disparte, li vicina a voi, essere invisibile, ma partecipe della tua vita...
    Il silenzio, i rumori della campagna, il profumo di basilico, dei peperoni, e di pomodoro fresco...le voci dei tuoi vicini che ti danno il benvenuto...
    Grazie, grazie per condividere questa pace, anche con me
    Un bacio Aurelia

    RispondiElimina
  5. Conosco bene la frescura del trullo, ho passato intere estati della mia infanzia e della mia adolescenza....poi sono cresciuta , l'università fuori sede, l'amore, il matrimonio e così sono 20 anni che vivo a Roma e solo i pochi giorni che trascorro d'estate dai miei genitori mi fanno riassaporare tutto quello che hai descritto e fotografato splendidamente in questo post....come sempre .....complimenti e mille baci a te e alla mia terra.... Anna.

    RispondiElimina
  6. Anna..... ho chiuso gli occhi ascoltando il "silenzio" della tua campagna e.... ho assaporato, per un attimo, la serena atmosfera di questa giornata all'ombra del pergolo del tuo trullo!
    grazie!
    So già che se vengo nella tua terra.....non vorrò più venir viaaaa!
    un bacio
    Pippi

    RispondiElimina
  7. Che bello questo post: solo leggendo ci si rilassa! Ammettiamo di invidiarti parecchio: un posto stupendo, un'ottima compagnia e la posibilità di restare tranqulli a riposare senza far nulla!
    Sono le giornate così semplici e senza pretese che ti fanno vivere le ferie!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. Che pace e che aria di vacanza in questo post!
    La gioia delle cose semplici che sono quelle che danno sapore alla vita!
    Passo...ammiro...e rubo una forchettata di pasta, posso?

    RispondiElimina
  9. Giornate di pace assoluto...quanto tempo che non riesco a riassaporare momenti cosi
    Anna, sei proprio fortunata sai!

    RispondiElimina
  10. Un sogno... beate te che ci sei dentro. Grazie per questo squarcio di serenità.
    Ciao Alessandra

    RispondiElimina
  11. @ Lucia... è davvero il mio angolo di paradiso...

    @ Luca e sabrina... Grazie cara e grazie della bella mail che mi hai scritto.

    @ Simoff... si si l'arrabbiatura è passata. ma D'altro canto non mi durano mai tanto. Ma che ci fai a Madrid? viaggetto? bello con la figlioletta...

    @ Aurelia... e chissà che un giorno tutto ciò non si avveri...

    @ kiss kiss... ma quanti pugliesi in giro per il mondo e il web... che bello...

    @ Pippi... dai laura e vieniiiii che ti porto al trullo ...

    @ manu e silvia... grazie ragazze...in effetti tempo ci vuole, ma arriva il momento che si capisce tutto cià e cioè che nella semplicità delle cose si ritrova l'essenza della vita.

    @ eli... certo che puoi, magari potessimo organizzare tutte insieme...

    @ aniko... gambe all'aria... senza nulla da fare o meglio da voler fare...... saranno queste le mie vacanze...

    RispondiElimina
  12. @ alessandra... mi fa piacere condividere con tutte voi. grazie cara

    RispondiElimina
  13. Che relax! Questo post ha porta con se la brezza leggera del mare vicino!

    RispondiElimina
  14. Un pezzo di paradiso, questo sei riuscita a creare...non sai quanto ti invidio, io immersa nell'afa bollente del cemento cittadino, i tuoi cieli azzurri, il fresco dell'ombra, i rumori della campagna...

    RispondiElimina
  15. aspettami...arrivooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  16. Una prosa quasi da sceneggiatura..e le immagini lasciano percepire le consistenze, i profumi, il piacere delle cose.
    Ho scoperto il tuo blog per caso, ma non ho potuto fare a meno di lasciarti una traccia..

    un caro saluto

    RispondiElimina
  17. Hai descritto quello un mio sogno...Sono contenta che qualcuno possa davvero goderne!
    Buona vita!

    RispondiElimina
  18. anna, ormai ti leggo sempre, e le emozioni che trasmetti quando parli del tuo trullo sono veramente magiche, e sembra di essere lì...

    RispondiElimina
  19. Grazie per questo post, mi ha fatto fantasticare ed emozionare, una lettura allietata anche da una bellissima colonna sonora!
    Evelin

    RispondiElimina
  20. che bei momenti e che splendide parole per descrriverli... per non parlare poi delle immagini... che emozione leggerti. un abbraccio ^ - ^

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI