18 aprile 2010

La felicità è...

Voglio arricchire la collezione di momenti di felicità di Eniko. Ho pensato che sia una delle collezioni più belle che sia stata inventata e allora volentieri le regalo anch'io il mio.
Una mattina di marzo mio figlio (il piccolo) mi dice che non ha voglia di andare a scuola. Sul suo viso di adolescente  si affollavano mille pensieri, da quelli bui a quelli tristi a quelli inquieti. Ho messo da parte la mia intransigenza di mamma severa e ho capito che era più salutare per lui restare a casa a smaltire la malinconia, che affrontare una giornata in maniera distratta e poco costruttiva. D'altro canto non si può giustificare un'assenza solo per la febbre.
Aveva bisogno di me e allora ho deciso di invitarlo a seguirmi in un piccolo paese sul mare, qui vicino, per una commissione.
Arrivati li, il tempo era splendido e 'i prati già in fiore', pieni di senape e abbiamo deciso di regalarci un pò di tempo solo per noi.
 
Abbiamo passeggiato sulla spiaggia dove le prime orme erano nostre. 
 Respirato il profumo del primo mare della stagione.
 Desiderato tuffarci nell'acqua trasparente. Assistito al volo dei gabbiani. 
 Raccolto quello che il mare ci ha donato.
 E, alle 11,30 di mattina, mangiato insieme 50 ricci con il pane bianco morbido appena cotto.

 Tornati a casa cantando, il mondo sembrava più bello, allegro e pieno di promesse.
SHARE:

29 commenti

  1. Ma che mare meraviglioso!
    Qui da noi sembra di essere su un altro pianeta freddo e grigio!
    Avete fatto bene a prendervi un giorno di vacanza extra!
    Ciao ;)

    RispondiElimina
  2. A volte servono quesyt piccole vacanze improvvisate, che ci fanno rilassare, riflettere e avvicinare. Siete fortunati ad avere un mare così bello, perdipiù pieno di ricci. :)

    Mi ha fatto piacere leggere la tua versione di felicità. Ti aspetto la settimana prossima se ti va. :)

    RispondiElimina
  3. che meraviglia di post !!! e che mamma fantastica che sei! un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo racconto. E' stata una giornata sicuramente importante per tuo figlio, avrei voluto avere una mamma così!
    P.S: 50 ricci non sono proprio pochi, che scorpacciata!

    RispondiElimina
  5. Mi è venuto un nodo alla gola.
    Sarà che non riesco mai a farlo con mio
    figlio, dalla foto vedo che hanno la stessa età.
    Sarà.....che lo vedo spesso pieno di pensieri
    .........
    Ciao
    Antonietta

    RispondiElimina
  6. Che raccolta meravigliosa!

    Sei una mamma SPECIALE!
    Immagini davvero belle! Piene d'emozioni...
    Baci

    RispondiElimina
  7. mi dicevi che era un luogo magnifico ma non lo immaginavo cosi bello, con molta invidia :-))

    RispondiElimina
  8. ...anch'io Anna voglio venire con te su quella spiaggia camminare ridere e scherzare mangiarci i ricci e ....infilare un piedino in quel tuo mare meraviglioso e cristallino!!!!
    ;-)
    grazie per aver condiviso con noi questi momenti così preziosi!
    ;-)
    tua Pippi

    RispondiElimina
  9. che attimo meraviglioso!
    E' passata la malinconia? :)

    RispondiElimina
  10. Adoro questi momenti complicati, ci avvicinano e ci rendono più complici. Sono momenti che si ricordano e che assicurano i nostri figli sull'appoggio che nelle nostre braccia troveranno sempre. Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Mi ah commosso tremendamente questo post..Quanto amore e quanta comprensione.Credo che capire un animo sensibile malinconico e sapere che ciò che lo rende felice sono le piccole cose non materiali, sia una cosa in se stessa meravigliosa!Accompagnerei il tutto con "Meraviglioso" dei Negramaro :D
    Un bacione

    RispondiElimina
  12. Bellissimi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!la spiaggia, il senape, gli alberi, il figlio ,i ricci insomma : sei fortunata avere questi momenti di gioia!!!
    Un abbraccio!
    Aniko

    RispondiElimina
  13. Brava, Anna. Sono questi i momenti che ci portiamo dentro per una vita. Sono queste le belle cose da raccontare e portare nel cuore, gelosamente. Fortunato lui, il giovanotto, ad avere una mamma come te:O)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Si, a pensarci,basta poco per essere felici. Già a pensarci, sempre immersi tra mille ansie e preoccupazioni non riusciamo a "guardare" oltre il nostro naso.
    Ci hai dimostrato con questo intimo racconto quanto possa esser semplice e quanto quei pochi profondi momenti,che siano mamma e figli, o mogli e mariti stranamente ci sembrano così difficili da vivere eppure basta allungare la mano e sono lì. Ciao "mamma" Anna a presto Domenico

    RispondiElimina
  15. Finalmente non sono più anonimo. Ci provo!

    RispondiElimina
  16. ciao Anna!
    Felicità è........mangiarsi tutti quei ricciiiii!!!!!!
    No felicità è....avere la considerazione di chi stimi........sei stata davvero meravigliosa e dolcissima con il tuo cucciolo!!
    Grazie di essere passata da me!!!
    Chissà...forse..un giorno ci incontreremo!!!!
    Un abbraccio
    p.s.
    come sempre foto impeccabili

    RispondiElimina
  17. @ x tutti..... vi ringrazio dei vostri splendidi commenti che come al solito alimentano mooooolto la mia autostima, ma volevo solo dire che (e non è un dichiarazione per fare la 'di più' o 'la splendida' come si dice a roma) da quando sono nati i miei figli (e, credetemi me li sono davvero sudati, un giorno racconterò...) ho deciso che avrei dato la priorità agli affetti nella mia vita. Figli, marito, famiglia. Al lavoro il necessario per alimentare la mia vanità di donna. Quindi ho sempre lavorato part-time e ridotto in proporzione le mie esigenze. Ma vi assicuro che i momenti come quelli che ho descritto, e sono stati tantissimi, sono stati un regalo non solo per loro ma anche per me.
    E la cosa bella è che ancora ci ritagliamo dei momenti solo nostri, rendendo speciali i giorni in cui manca uno di loro e dedicandomi a chi resta.
    Un abbraccio a tutti e grazie di esserci
    Anna

    RispondiElimina
  18. Le tue foto sono molto belle e trasmettono mille emozioni......però i ricci no!!! non me lo dovevi fare....troppi bei ricordi.....!!!! mille baci Anna.

    RispondiElimina
  19. Sicuramente tuo figlio avra imparato di piu cosi che se fosse andato a scuola.
    Bellissime le foto e il testo, mi hai fatto sognare.
    A presto

    RispondiElimina
  20. quante volte l'ho fatto anch'io. e quante volte vorrei ancora farlo.il problema più grande? che di noi facciano mito. mare bellissimo. foto suberbe.

    RispondiElimina
  21. @ kiss .... già fatto
    @ elisabet... Speriamo! grazie per le lodi
    @ Silvia... Hai ragione Silvia, in effetti è quello che temo. Ma tra la strada dell'indifferenza, o del trattenersi dal dare, o dal misurare i propri gesti per questo timore, dov'è la cosa giusta? Questo è di dilemma di tutte noi mamme.. è più giusto così o così?
    Non lo sapremo mai. Una volta ho detto ad una mamma eccessivamente severa che si vantava di questo con altre mamme che 'di troppo amore non è mai morto nessuno, ma di troppa indifferenza o severità si'.... Ma è vero? Magari apro una discussione.

    RispondiElimina
  22. Si hai ragione la felicità é tutto e basta poco per averla o raggiungerla.. anche se a volte momenti passeggeri ti portano una grandissima amarezza e una stretta a llo stomaco fino al punto di non poter respirare.. però dopo una tempesta c'è sempre il sole... bacio strpitosi i ricci di mare... bacio cara

    RispondiElimina
  23. Anna....sei meravigliosa!!!
    E il tuo cucciolo è fortunato ad averti!!
    ti abbraccio...Lidia

    RispondiElimina
  24. L'ENERGIA POSITIVA CHE RICEVO DALLE TUE FOTO, SPECIE QUELLA DEL MARE ...E' COME REGALARSI UNA GIORNATA IN UNA BEAUTY FARM !!!! SAI COGLIERE CON UN CLIK IL MASSIMO DELLA VITA .

    RispondiElimina
  25. Ciao! arrivo qui dalla raccolta di Felicità di Eniko... e mi sono persa in questo tuo dolce post. Penso sia bellissimo trovare una mamma così comprensiva e disponibile!
    Complimenti per il tuo blog, ciao L.

    RispondiElimina
  26. Bellissimo e delicato post..l'immagine di te e tuo figlio mi ha ricordato un libro "Palline di pane", e mi ha fatto piacere, davvero!
    Notte

    RispondiElimina
  27. Carissima Anna, è dal tuo meraviglioso post sull'olio d'oliva che vengo a trovarti molto spesso.
    Quel giorno ero appena rientrata a casa da un'avventura simile alla tua: era la prima volta che dai nostri alberi e dalle nostre mani veniva fuori quell'"oro" prezioso e quando ho letto le tue parole non mi sembrava vero! Hai saputo esprimere meravigliosamente le emozioni che provavo e ti ho sentita tanto vicina.
    Grazie perchè sai condividere ciò che sei e riesci a farci riflettere e, credimi, ne abbiamo tanto bisogno!!!
    Ti abbraccio.
    Luisa.

    RispondiElimina
  28. Sai, quando ero solo mamma e non avevo ancora capito bene le cose che sono veramente importanti nella vita, mi sono persa molte di queste giornate, ma da quando sono anche nonna non desidero altro che questi meravigliosi momenti con i miei cucciolotti! Grazie!

    RispondiElimina
  29. cara Anna sei una persona molto speciale era tanto che non passavo da qui... grazie x tutte le emozioni che ci regali !!!! un bacione a presto

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI