29 aprile 2010

indovinello......


Conoscete questa pianta?
- è commestibile, anzi è una rarità dal sapore delicatissimo 
- la pianta della foto è già stata 'spogliata'
- si trova solo in questo periodo
- vestita, punge, tantissimo
- si preparano delle frittate o si serve in brodo di carne 
- non è un alieno e non si muove, come potrebbe sembrare dalla foto successiva

 
SHARE:

21 commenti

  1. eh eh eh.....
    Carissima Anna!!!!!!!!
    Questi indovinelli non me li devi fare!!!!!!!!!!!!
    La bontà di questa pianta....con il suo gusto che meravigliosamente si lega all'agnello...lasciandosi coprire entrambi da "fiocchi" di uova e formaggio.....mmmmmm....da noi a Pasqua è una leccornia....e non importa se prima bisogna litigare con le spine del......"cardo selvatico" !?! ...da noi si chiama così o confidenzialmente "cardoncello".
    Ho indovinato?...cosa ho vinto?...
    E' sempre un piacere "incontrarti"
    bacibaci

    RispondiElimina
  2. @ Annaferna... ACC....ma non mi puoi fregare così....ma tu giochi in casa però.... ora mi tocca organizzare un giveway..... acc....

    RispondiElimina
  3. La foto mi fa pensare ai girasoli...non quelli classici e credo che qui da noi li usino per farne un'insalata o almeno credo.
    E se son o quello che penso io vengono raccolti nei prati...
    Comunque sono dell'idea che se non conosco bene le piante soprattutto quelle selvatiche è meglio che non le mangi
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. cavolo...anche io avevo pensato al cardo :-)))) ora però ce lo devi cucinare :-))))

    RispondiElimina
  5. Anch'io avrei detto cardo!:Dsono curiosa di evdere come l'hai sistemato ;)
    Bacione

    RispondiElimina
  6. Ciao...mmmm, no proprio non lo conosciamo....

    RispondiElimina
  7. Io invece avrei sbagliato..avrei detto puntarelle!!

    RispondiElimina
  8. che belle foto, la pianta non la conoscevo, però sono curiosa!!!

    RispondiElimina
  9. io invece ero in alto mare....

    RispondiElimina
  10. Ehhmmmm.. assomiglia vagamente al cardo o al tarassaco, ma quest'ultimo non punge... bacio cara

    RispondiElimina
  11. Non so e non l'ho mai mangiato... uando ci sveli che cos'è mi metti anche una ricettina?

    RispondiElimina
  12. io ...non avrei detto cardo...anzi non avrei detto proprio niente perchè non mi veniva in mente niente..ma la tua descrizione mi faceva aumentare la salivazione........aspetto la ricettaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!
    Un bacione
    Pippi

    RispondiElimina
  13. Annuccia credo che non sia un alieno ma una pianta selvatica...forse un cardo!!!
    un baciooooo

    RispondiElimina
  14. Si si che ci divertiamo e.....scusami ti prego, in effetti ho giocato troppo d'anticipo...avrei dovuto aspettare un po' e leggere un po' di commenti prima di svelare l'arcano!! ma proprio non ho resistito sul filo di partenza di una giornata intensissima che si è appena conclusa (almeno fuori casa);
    ma questa piantina non è che qui a Trani si trovi con facilità!!!
    Per assaporarlo devo spostarmi nei mercati di Andria o Corato, anche se, nei miei ricordi è legato a mio padre e mio nonno che li raccoglievano sulla Murgia durante le loro battute a funghi ....mo....'naltro poco ho scritto un post invece di un commento!!!!
    scusa la"licenza poetica" con te posso permettermela vero?
    baci baci

    RispondiElimina
  15. @ EH EH ...... solo il tempo di cucinare e vi farò assaggiare una cosa spettacolare... (a dire il vero lo assaggerò io con molto piacere....) a domani.

    RispondiElimina
  16. sono molto curiosa di sapere come si chiama questa Piantina ........non ho proprio idea.....
    un bacio !!

    RispondiElimina
  17. ma non è una puntarella? Assomiglia.. che bontà...

    RispondiElimina
  18. Carina l'idea dell'indovinello!
    Anche io avrei detto puntarelle...anche se mi sembravano un po'troppo contorte eheheheh!

    RispondiElimina
  19. Ciao Anna, é bello leggere anche del "cardoncello". Anche noi per Pasqua ne abbiamo mangiati un pò, nella ricetta descritta da Annaferna. E sì é anche tradizione nel foggiano soprattutto e mio marito non avrebbe mangiato con me se non ci fossero stati anche i "cardoncelli".
    Quindi la sua mammina ha preparato questa bontà, che ahimè non ho fatto in tempo a fotografare e la mia ha preparato la lasagna. ;D Ti lascio immaginare come eravamo combinati a fine pranzo pasquale ;D.
    E' stato un piacere incontrarti e aspetto di vedere domani la tua ricetta ;D Buona serata!

    RispondiElimina
  20. CIAO..nel mio girovagare per il blog ogni tanto ti ritrovo ...ed è sempre un piacere.
    W i cardoncelli.
    Io abito in Piemonte e questa "verdura esotica" l'ho comprata per la prima volta 3 anni, nel negozio pugliese che dei ragazzi di Minervino aprono tutte le settimane, facendo la spola Puglia-Piemonte-Puglia. Ora li prenoto dai miei "spacciatori" di verdure, per noi rare e preziose e le faccio assaggiare ai miei amici (come rarità, per noi lo sono). Noi qui abbiamo il cardo gobbo, ma è tutta un'altra cosa (anche da pulire, sinceramente!, anche se io lo adoro, con la bagna cauda. I cardoncelli-verdure (per distinguerli dai funghi) li adoro con gli spaghetti (cotti insieme a loro) o con l'uovo. Aspetto una tua ricetta per scoprirne nuovi usi.
    Buon tutto ed un caro saluto a Noci
    Smile Lucy

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI