6 aprile 2010

Asparagi selvatici sott'olio

E anche questa è fatta. Siamo rientrati, stanchi, da quella che doveva essere una pausa rigenerante. E che invece ci ha visto belli compatti nei preparativi di piatti pasquali, nelle organizzazioni di picnic fuori casa, nella buondisposizione verso i cannelloni, dopo un accenno di digiuno quaresimale e dopo un tentativo maldestro di immedesimazione nei riti religiosi pasquali.
Troppe parole gettano fango su chiunque in televisione e anche gli animi più scaltri ne risultano macchiati. O almeno tutti sono portati a pensare, a riflettere, ad indignarsi, e ad avvicinarsi con cautela alla spiritualità che soprattutto in questo momento ha bisogno di punti di riferimento, per respirare aria pulita. E tutti coloro che vivono la Settimana Santa come un momento di rinascita, di ritorno alla vita, hanno aperto le loro ali con timore, temendo di volare in un mondo fatto di menzogne e cattiverie. 
Per fortuna ci salvano gli affetti che coltiviamo intorno a noi e che difendiamo a costo della nostra vita. 
E godiamo di piccole cose, come i primi fiori che spuntano, le risate dei nostri bambini, e la voluta spensieratezza che ci porta a chiudere le porte buie e a guardare e ad andare solo avanti.
E a godere anche di un piccolo dono, un mazzetto di asparagi selvatici, raccolti da mio figlio che me li porge aspettando il mio stupore.
E che all'istante ho preparato come una cosa preziosa,  perchè tale per me è stata... da provare a conservare, ma che in un istante è stata goduta in compagnia su un pezzo di pane e avvolto in un velo di mortadella.
Asparagi selvatici sott'olio
- asparagi selvatici
- una parte di vino bianco
- una parte di aceto bianco
- olio extravergine di oliva

Spuntare gli asparagi e raccogliere solo la parte tenera del gambo. Lavare il tutto e nel frattempo mettere a bollire il vino bianco e l'aceto.
Immergere per 5 minuti le punte degli asparagi e farle scolare per bene, praticamente li dovete far asciugare.
Sistemarli in barattolini piccoli e coprirli d'olio extravergine di oliva.
Provare a conservarli, se vi riesce. Se non ce la fate preparate una bella fetta di pane fatto in casa con una fetta larga di mortadella, adagiare gli asparagi e, a mò di lenzuolo, coprire con un la parte appesa della mortadella. 
Guardarla, chiudere gli occhi e addentarla.


SHARE:

8 commenti

  1. i piccoli gesti dei nostri bimbi... fanno riempire di gioia il nostro animo....
    io adoro gli asparagi, ma proprio questi... quelli selvatici... e tu sei riuscita a racchiudere in un vasetto una ventata di

    primavera e profumi di freschezza....

    io non sarei stata capace di fare di meglio...

    che carino il tuo blog...

    ti lascio il mio nuovo indirizzo

    http://unpodibricioleincucina.blogspot.com/

    se ti và passa a trovarmi.. ^_^
    mercy & buona giornata

    RispondiElimina
  2. Leggere la ricetta di questi meravigliosi ortaggi della nostra terra ( A Pasquetta non sono riuscita a trovarne 1 e dico 1...tutti già raccolti!!!),Mi ha fatta tornare indietro negli anni in cui con famiglia al seguito papà ci portava a fare scampagnate dove potevamo ancora godere della raccolta di questi germogli goduriosi...le tue foto sono sempre impeccabili !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. non ce l'hai fatta a conservarli, vedo!!
    Anche io non avrei mai resistito!

    RispondiElimina
  4. Annaaaaaaaaaaaaaaaaa! ;-)non mi puoi dire queste cose : <>!!!!!! hehehe Perchè poi io ci penso e ci ripenso e chiudo gli occhi e sento già il profumo della mortadella che si sposa perfettamente con la fetta di pane del tuo...magari integrale....tiepido.....e poi mentre addento sento il contrasto stupefacente di questi asparagini raccolti con amore e appena appena scottati......

    sei meravigliosamente invitante!!!!
    la tua Pippi (affamata)

    RispondiElimina
  5. Non avrei mai pensato che gli asparagi si potessero conservare sotto'olio..io di solito li mangio nella pasta, oppure li congelo...ci credo che non hai resistito, nessuno resisterebbe!!

    RispondiElimina
  6. o mamma che deilizia, sono rimasta folgorata dalla foto e da quello che esponeva, asparagi, uno dei miei ortaggi preferiti, selvatici poi! che voglia di averne un pò da assaggiare, mi rifaccio con le zucchine conservate della mamma, che metto come aggiunta in ogni insalata, panino o snack veloce...!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. da me non ci sono e quindi mi tocca guardare, da noi abbiamo i bruscandoli, complimenti sempre per le foto

    RispondiElimina
  8. Uhhhh maddai Anna cara.. e come faccio con questa dieta se mi prensenti questi aspargini(cosa che ne vado matta) io mangerei tutti i vasetti che hai in casa con qlk scaglietta di parmigiano.. gnammmmm sto già viaggiando i tuoi asparagi in bocca... e chi mi prende più? bacio

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI