4 marzo 2010

'Sagna rìz chì middichele' Trenette con briciole di pane e noci

Beate voi!!! Da un pò di giorni sono vittima di una pigrizia incredibile che mi sta togliendo le forze. Appena sveglia e rigorosamente dopo il caffè, riesco appena a scrivere l'elenco delle cose da fare sull'agenda e fin da allora mi accorgo che dovrò riportare quasi la metà delle cose del giorno prima, che non sono riuscita a portare a termine. Poi mi trascino in casa tra un caffè e l'altro rassettando mal volentieri le stanze e sbirciando qua e la il pc che mi attrae irresistibilmente. E mi deprimo ancora di più nel vedere il mio blogroll che si aggiorna continuamente con le vostre ricette, i vostri post, sintomo di un'energia che non riesco ad avere. E mi dico 'a si fra un pò faccio questa ricetta'...
E' anche vero che la pioggia fuori non aiuta..... Però anche se fa freddo si sente già che qualcosa di nuovo sta arrivando... Sarà l'uccellino che è tornato proprio stamattina nel nido sotto la grondaia e che adesso ci sveglierà la mattina alle 6 mettendosi a cantare proprio dietro la finestra di mio figlio, dove puntualmente comincerà a partire il cuscino? Sarà che appena esce il sole lo senti sulla pelle che è un sole nuovo e diverso?
Ma allora questa pigrizia può dipendere solo dalla primavera. E si, perchè solo in questo periodo non riesco più a muovermi il pomeriggio dalle 14 alle 15 e mi sento 'costretta' a buttarmi sul divano dove, come succede quando ti fanno l'anestesia totale, non riesci a contare nemmeno fino a tre che sei già bella e cotta e..... sogni pure...... e dormi così profondamente che quando ti svegli sembri uscita dal coma e ti chiedi 'ma è mattina o pomeriggio?', 'ma dove sono? a casa mia o di mamma?'. E ti assalgono i sensi di colpa, perchè tutto il resto dell'umanità sta lavorando in quel momento e tu che fai? Dormi.
Ma ci sarà pure qualche vantaggio, dico io, ad essere disoccupate no?
Vabbè .... non apriamo questo capitolo....
Siamo in periodo di Quaresima e da noi c'è l'usanza di preparare per il giorno di San Giuseppe un piatto povero che dovrebbe ricordarci di non ingozzarci e di fare penitenza, di pensare all'essenziale e non mangiare carne ecc....
Però io mi sa che ho peccato ugualmente perchè questo piatto è talmente buono che mentre lo mangi capisci con certezza il significato della parola peccaminosa 'ingordigia'.
E l'ho preparato apposta per fotografarlo e mostrarvelo, e per dimostrare a me stessa che a parte la gola e a un altro paio di peccatucci che non riesco a combattere, almeno sto provando a debellare con un grande sforzo quello della pigrizia e dell'indolenza.

'Sagna rìz chì middichele' Trenette con briciole di pane e noci
- trenette o sagna riccia (si dice 'sagna' xchè secondo mia madre la parola lasagna contiene già in se l'articolo, quindi perchè ripetersi????)
- pane di qualche giorno ma non ancora duro
- noci
- acciughe sotto sale
- olio extravergine di oliva

Eliminare la crosta del pane e sbriciolare la mollica tra i palmi delle mani.
Sgusciare le noci e tritarle grossolanamente infilandole in uno scottex e schiacciandole con un matterello o il fondo di una bottiglia piena.
In un tegame largo versare dell'olio (non un filo!!!) e quando è caldo versare un'acciuga diliscata e lavata. Attendere che si sciolga. Quindi  versare le briciole del pane e le noci tritate.
Appena dorate spegnere e attendere che la pasta sia cotta (al dente). Mettere in un pentolino ancora un pò di olio e farlo scaldare. Scolare la pasta e versare le briciole abbrustolite. Nel pentolino dove nel frattempo l'olio è diventato caldissimo versare ancora un'acciuga e quando sta sfrigolando versare il tutto sulla pasta.

Lo so, lo so, sembra un pò pesante e lo è, ma vi consiglio di ridurre le dosi piuttosto che i condimenti, perchè vi assicuro che ne vale davvero la pena.

Poi se siete proprio ostinati e volete una variante più leggera allora basterà far tostare in un flo d'olio le molliche di pane e le noci e basta........ è ugualmente buona e croccante... ma appena possibile assaggiate anche la versione originale...
SHARE:

14 commenti

  1. Sarà pure un piatto povero da Quaresima ma a me pare davvero tanto godurioso!!!!! Pochi ingredienti ma cavolo che gusto! Mi hai dato un'ottima idea per il pranzo di domenica ^_^
    Baci cara, buona giornata :*

    P.S. dev'essere il tempo balzerello e la primavera nell'aria ma passerei anch'io le giornate a letto a dormire. Come si dice...voglia di lavorar saltami addosso...che io mi scanso!!!!

    RispondiElimina
  2. deliziosa ricetta! magari la provo proprio per San Giuseppe visto che sono a casa quel giorno e come hai ragione pioggia e grigio non aiutano a farci ritornare attive, oggi qui c'è un sole meraviglioso un cielo azzurro mare e io con la casa da pulire sono qui al pc... e non me ne vorrei andare... baci Ely

    RispondiElimina
  3. solo a vedere la foto si capisce che sei una maga della cucina anche se povera.....e dell'obbiettivo!!:))
    Sono bellissime e questo piatto ricorda profumi antichi.
    bacibaci
    I profumi e le luci del cielo sono cambiati...hai ragione c'è qualcosa di nuovo..nonostante la pioggia!!!!

    RispondiElimina
  4. Anna ma che bellezza questa pasta.. eh eh eh c'è qulacosa nell'aria che sta arrivando.. e lo stiamo sentendo anche noi... bacetto

    RispondiElimina
  5. che buona, rustica e semplice, dal sapore deciso. promossa a pieni voti la versione integrale!

    RispondiElimina
  6. Anna che buonaaaaaaaa....la pasta con la mollica è qualcosa di divino!!!
    Teso' ho fatto l'ordine ora deve solo arrivare e poi ti abbraccioooooooooo...baci baci

    RispondiElimina
  7. Ciao! ma che delizia questa pasta!! eh no, non puoi toglierci le acciughe..son proprio queste a dare il sapore caratterisitco!!
    ottima idea per il pranzo e anche molto veloce!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. ma si Anna quella pigrizia che senti....non è indolenza è solo la primavera che sta arrivando anche se non sembra...dalle due alle tre???? sul divano????? allora domani ti penserò...credevo di essere l'unica che ogni tanto dopo pranzo si fionda sul divano e chi s'è visto s'è visto!
    Una cosa simile l'ho mangiata tempo fa da una amica..... certo non è leggerissima ma ogni tanto uno strappino si può fare vero? :-)
    a prestissimo
    Pippi

    RispondiElimina
  9. si si dice la primavera, se mi posso permettere un po più di alimenti con magnesio e omega3, posso darti uno sprint in più. w le tradizioni questa pasta è magnifica

    RispondiElimina
  10. Questa pasta semplicissima è deliziosa! e la foto stupenda ;)
    Il mal di primavera ha colpito anche me! Seguirò il consiglio di Gunther :DDD
    Bacioni!

    RispondiElimina
  11. @ Federica... quando c'era davvero la miseria, questi piatti erano piatti da re. Per fortuna ricominciamo ad apprezzarli di nuovo.

    @ Ely... noi blogger mi sa che abbiamo tutte la stessa malattia (meno male, mal comune.....)

    @ Annaferna... devo dire grazie alla mia mamma che me lo ha insegnato... speriamo che torni laprimavera, non ce la faccio più

    @ marsettina... buonissimi...

    @ la cuoca pasticciona... qui ancora non si vede niente... mannaggia, è solo una sensazione

    @ luxus... brava, anch'io non amo le mezze misure... magari le mezze porzioni si, ma di sostanza

    @lady cocca... grazie milleeee, non vedo l'ora...

    @manu e silvia... infatti, il sapore più deciso lo rende indimenticabile

    @ pippi... meno male, almeno non mi sento più sola, pensavo di avere qualcosa che non va... eh eh

    @ Gunther... grazie del consiglio, inizio subito un'indagine sugli alimenti che li contengono.

    @ eli... forza eli, rimettiamoci in forze. Questa primavera tanto attesa si sta già distruggendo....

    RispondiElimina
  12. Perchè dici che è pesante? Ma dove? In quei quattro o cinque decilitri d'olio? No di certo nelle acciughine! In quelle no!! CHE BUONA!!!!

    RispondiElimina
  13. Assolutamente da provare. Thanks!
    E complimenti per il blog.

    Sergio
    http://gastronomysergio.blogspot.com

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI