19 marzo 2010

Il mio papà

Quando il tempo era ancora tutto da riempire e la vita tutta da immaginare e lo stupore era sempre nei miei occhi, un bel principe, ma bello davvero, riempiva le mie giornate con il suo amore e le sue carezze e mi chiamava e mi trattava come una principessa. Mi illuminavo ad ogni suo ritorno, e sognavo quando l'abbracciavo e conservavo nella parte più preziosa della mia mente il suo profumo. Devo a lui e alle sue storie la mia voglia di sognare e raccontare, al suo esempio la mia convinzione che l'onestà e la purezza di animo rendono speciali le persone e alla sua semplicità e capacità di godere di poco, l'ottimismo che mi accompagna da sempre.
Lui era ed è il mio papà. Ed è ancora lui che si illumina oggi quando vado a trovarlo e mette il muso se non vado tutti i giorni, e viene a trovarmi a casa per parlare un pò da soli, perchè a casa sua mamma vuole sapere sempre cosa stiamo dicendo ...
Ed è sempre gelosissimo di me ancora oggi che ho, diciamo, una certa età, e se mi vede parlare con uomini sconosciuti si avvicina con lo sguardo indagatore e attaccabrighe e aspetta che lo presenti, per poi tranquillizzarsi. E lui che pensa che viviamo ancora nel mondo del libro Cuore, dove l'onestà e i buoni sentimenti vincono sempre e basta chiedere scusa o rimproverare qualcuno per redimerlo..... 
Lui che è felice solo quando ha intorno a se tutti, figli e nipoti con i quali organizza 'la serata del pollo e cocacola'.
Ed è sempre lui che ogni volta che entro in casa mi dice ancora 'è arrivato il sole di casa mia'.
 Ti voglio bene papà.....

SHARE:

19 commenti

  1. basta ripetersi! questa mattina ho fatto le foto dalle foto (perchè non so fare diversamente) perchè volevo ricordare il mio papà.....e scusa il feeling!
    Sei bravissima

    RispondiElimina
  2. meravigliosa storia d'amore.....

    RispondiElimina
  3. Anna ....grazie......
    :-)
    un bacio
    Pippi

    RispondiElimina
  4. Io invece, stamane sono andato al cimitero a salutare il mio papà.
    Immerso in quel silenzio mi son tornati in mente tanti momenti,tante immagini, tante emozioni.
    Quanto mi sembrava invincibile guardandolo con gli occhi di bambino.
    Poi con il tempo ti accorgi che quell'uomo giovane e forte( e a volte duro perchè doveva educarmi), diventa sempre più tenero,più "bianco" meno invincibile e a poco a poco piegato e stroncato da una malattia che prematuramente l'ha rapito ai suoi affetti.
    Molto di quello che sono lo devo a lui. Grazie papà riposa in pace.Ciao Anna,un abbraccio Domenico

    RispondiElimina
  5. Ero approdata qui più di un anno fa e poi i miei imprecisi e confusi percorsi non mi hanno più condotta a te.
    Ti ritrovo con parole ancora più belle di quanto ricordassi!!

    Un abbraccio....Fabiana

    RispondiElimina
  6. smack, un bacione al tuo papà da parte mia...che il mio non è + con me...

    RispondiElimina
  7. Meravigliose immagini, meravigliosa tu e il tuo papà...

    RispondiElimina
  8. @ x tutti.... un grande abbraccio a tutti quanti, non ci sono parole per rispondere alle emozioni...

    RispondiElimina
  9. Cara Anna, mi hai fatto venire i lucciconi...il mio "babbo", da noi si dice così, è volato via molti anni fa, ma il pensiero che va è sempre forte...

    RispondiElimina
  10. Che bello Anna! ho una foto molto simile io in braccio del mio papà ..lui però non c'è più da tanto.
    Un abbraccio,
    Aniko

    RispondiElimina
  11. ..che bello questo post,anche io mi sono commossa, che belle le tue parole per il tuo papà, e le sue per te!

    RispondiElimina
  12. Tu si, che sai suscitare emozioni forti.... Mille baci. Anna.

    RispondiElimina
  13. eh si il papà il ns principe!!un baciottolo

    RispondiElimina
  14. Annina, mi commuove vedere questa foto. Forse perchè io ho avuto la fortuna di conoscerlo dal vero il tuo papà, di vedere che uomo speciale e incredibile è, di una generosità infinita e di una ospitalità unica. Troppo tenero, e troppo bella tu, piccina e già con quella cascata di ricci ribelli in testa. UN abbraccio dal grigio nord, Chiaretta

    RispondiElimina
  15. ciao anna mi ai comossa con il tuo commento mentre leggevo piangevo,sai anch"io ho perso il mio papà 3 mesi fà lui aveva 78 anni,io ne hò 42 con questo voglio dirti che non c"è età per soffrire per il proprio genitore non accetti mai di perderli perchè fanno parte della tua vita del tuo cuore.il mio papino era dolcissimo come il tuo.anna facciamoci forza perchè i nostri papini non ci anno abbandonati loro ci guardano da la sù e ci protegono.ciao anna io mi chiamo maria.

    RispondiElimina
  16. scusami anna hò sbagliato blog,non era per te! scriverti queste parole.

    RispondiElimina
  17. Ciao Anna

    mi hai commosso e un pò ti invidio ( in senso buono !!!)...il mio papà non è espansivo come il tuo, non è stato abituato a queste smancerie e quindi facciamo fatica a dimostrarci il bene che ci vogliamo ma comunque di bene si tratta.
    Mara

    RispondiElimina
  18. tu, sei proprio tu, riccioli d'oro e occhietti furbi.
    :*
    Cla

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI