14 settembre 2009

Spaghettoni con pesto profumato e gamberetti

Ci sono giornate che nascono stanche.
Giornate che ti aspettano al varco con il sorriso sarcastico che dice 'vedrai cosa ti aspetta oggi' e tu lo sai in effetti quello che ti aspetta perchè hai davanti a te l'elenco che hai scritto mentre bevevi il caffè, sforzandoti di non dimenticare niente. E continui a fissarlo dicendoti 'Oddio, non ce la farò mai......'. Ma basta muovere il primo passo e poi accellerare piano piano e prendi la rincorsa verso il ritmo disinvolto di chi, da sempre, è abituato a gestire 'l'azienda famiglia'. Figli da accompagnare (continuamente), telefonate per risparmiare tempo, posta, libri da comprare soprattutto all'inizio dell'anno (e certo perchè nonostante si possono comprare fin da luglio, noi no, ce li lasciamo sempre per l'inizio della scuola, non si sa mai, cambiano idea i professori...), spesa, oddio cosa cucino oggi?. E allora decidi di affrontare la corsa con filosofia. Ti fermi, respiri nel tuo spazio sicuro (...'la guerra dei mondi' docet) e riprendi. Tanto mi sa che lo stress è solo un modo sbagliato di affrontare gli impegni. Si impiega lo stesso tempo anche se non ti angosci.
E mi viene persino in mente una ricetta speciale che ho copiato (e modificato) una sera mentre ascoltavamo da lontano un concerto di Patti Smith. Una ricetta che i miei amici hanno molto apprezzato e che ora ripropongo. La versione ufficiale prevede gli scampi ma oggi non ne ho trovato e così li ho sostituiti con i gamberetti. Certo è venuto più semplice (e soprattutto economico), ma vi assicuro che è davvero buona.


Spaghettoni con pesto di erbe, pinoli, pistacchi e gamberetti

- spaghetti grossi (vermicelli o, meglio, spaghetti alla chitarra belli grossi)
- un mazzo di basilico
- qualche foglia di menta
- prezzemolo
- pinoli e/o pistacchi
- olio extravergine di oliva
- gamberetti freschi
- aglio
- sale

Quando l'acqua bolle, salarla e immergere gli spaghetti. Mentre la pasta cuoce, in un frullatore mettere tutte le erbe (prezzemolo, menta e basilico abbondante), lavate e sgocciolate, i pinoli, i pistacchi e olio abbondante. Frullare finchè si forma una crema abbastanza liquida e profumata. Salare e tenere da parte.
In una padella mettere un filo d'olio, l'aglio e i gamberetti sgusciati e privati del budello nero.
Poco prima di scolare la pasta aggiungere ai gamberetti il pesto del frullatore. Versare la pasta al dente (conservando un pò di acqua di cottura, non si sa mai...) e amalgamare per bene.
Servire caldo con qualche fogliolina di basilico spezzettata.

SHARE:

13 commenti

  1. Ha un aspetto molto invitante, ti credo che gli amici hanno apprezzato! Mi annoto la ricetta , voglio provarla con gli scampi. Saluti Manuela.

    RispondiElimina
  2. E' veramente tardi ma una zampatina la darei a questi spaghettoni che "urlano" mangiami-mangiami .Gnammmm
    Baci

    RispondiElimina
  3. Questo piatto è davvero interessante.

    RispondiElimina
  4. Anche se è presto mi è venuta una fame...questo piatto ha un aspetto delizioso!!!Brava!!

    RispondiElimina
  5. ci sono quei giorni...in cui devi trottare... a me manca il fiato e mi chiedo quando avrò 5 minuti miei...ma poi si trova quel ritmo lento e veloce insieme e si svicola da tutto...mi piace moltissimo la tua pasta! buona giornata

    RispondiElimina
  6. Con un piatto di pasta così invitante lo stress viene sconfitto!! ;-) Bella ricetta!! Brava

    RispondiElimina
  7. Un primo così è davvero molto molto invitante,nonostante in questo momento abbia la pancia piena...

    RispondiElimina
  8. devono essere buonissimi!!! le foto parlano da sole! ^__^

    RispondiElimina
  9. beh...il pesto è uno dei miei condimenti preferiti...i gamberetti mi piacciono un sacco quindi penso proprio che siano buonissimi....io ci aggiungerò anche una grattugiata di bottarga...e voilà un piatto golosissimo.ciao katia

    RispondiElimina
  10. Con un pesto così particolare e profumato..non potweva che starci un pesce così semplice e senza pretese!
    proprio invitante questo piatto!
    bacioni

    RispondiElimina
  11. Ottima ricetta!!
    Posso sapere il titolo del brano in sottofondo?
    Grazie

    RispondiElimina
  12. @ Hiroshima... se ti riferisci alla prima 'Le Onde' di Ludovico Einaudi... ma puoi trovare i titoli anche sull'Ipod accanto....
    Non riesco a contattare il tuo account...
    ciao
    Anna

    RispondiElimina
  13. Grazie mille, ho un account solo con gmail

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI