27 agosto 2009

Il vincotto di fichi

Il mese di agosto mi ha riservato una sorpresa. Tutto è iniziato con delle mail che ho ricevuto, in cui mi si rivolgevano dei complimenti per il mio blog da parte di lettori che lo avevano visitato perchè consigliati dalla rivista Alice. Dapprima ho pensato ad uno sbaglio e ho chiesto maggiori informazioni. Poi sono andata di corsa a comprare la rivista e ho scoperto che eraVEROOOOOOOO. Hanno citato il mio blog insieme ad altri 5 'colleghi' di penna e cucina, in un trafiletto intitolato 'BLOG SI MANGIA'. E allora per una volta tanto, io che non amo molto il clamore, mi sono lasciata andare ad un momento di vanità. Ho fatto un pò di telefonate per spargere la notizia e alla fine mi sono seduta, soddisfatta di me stessa e di questa piccola conquista.
E allora, per festeggiare l'evento e visto che il numero di agosto è dedicato ai fichi, ho pensato di scrivere un post su un prodotto che profuma di passato, di Natale (ma non solo...) e di cose buone, anche per ringraziare la redazione di Alice per questo bel regalo.
Chiaramente ho 'dovuto' anche preparare una splendida panna cotta e vedete di seguito perchè.

Il vincotto di fichi

In realtà non ci sono dosi. ma solo un procedimento da seguire.


Raccogliere una gran quantità di fichi maturi. Spezzettarli e metterli in una capace pentola, coperti da due dita di acqua.


Far cuocere e, dal momento dell'ebollizione, continuare per almeno un'ora. Quindi versare tutto in un sacco a trama larga, strizzare e far scolare per tutta la notte. Il giorno dopo, quando ormai il succo è uscito completamente, metterlo a bollire per farlo ridurre.

Di tanto in tanto eliminare la schiuma che si forma. Forse è necessario continuare per ore a falo bollire, ma si spegne solo quando la sua consistenza è pari a quella del caramello.

Di solito il vincotto si usa sulle cartellate di Natale, ma io lo servo con la panna cotta e vi assicuro che è superlativa.

SHARE:

16 commenti

  1. Complimentoni davvero per la ricetta e per la notorietà!!! ;-))

    RispondiElimina
  2. complimenti per la citazione sul giornale, è una bella soddisfazione!
    ottima questa ricetta, ora cominicano ad abbondare i fichi nell'orto di mia mamma, la proverò queste ricetta!
    buona giornata.

    RispondiElimina
  3. bella questa ricetta hai saputo sfruttare al massimo questo frutto !

    RispondiElimina
  4. Citazione meritata, complimenti!
    Questo vincotto non lo conoscevo ma lo trovo davvero interessante!

    RispondiElimina
  5. complimenti per il tuo blog vedi le cose quando sono valide prima o poi vengono a galla,e quali sono stati gli altri 4 blog piu' famosi? ciao

    RispondiElimina
  6. wow, congratulazioni! citazione meritatissima!

    RispondiElimina
  7. Anna complimenti per la citazione e l'amore con cui segui il tuo blog!! Nel frattempo ho aperto un vasetto di peperoni e melanzane preparati secondo la tua ricetta (ero curiosa) e sono davvero buonissimi!!
    se passi da me ti aspetto un giochino!

    RispondiElimina
  8. @ Elel... grazie mille
    @ Betty... grazie Betty, quando inizierai a cuocere il liquido filtrato non ti spaventare se lo vedo troppo liquido. Abbi pazienza e fallo cuocere, vedrai che risultato.
    @Mary, Tania, Elisabetta... grazie anche a voi dei complimenti
    @Caterina... degli altri ne ricordo solo uno, 'www.spelucchino.it' appena mi ridanno il giornale che è ancora in giro te li scrivo.
    @Paola... Ciao Carissima, bentornata. Passerò presto da te per una visita approfondita. Sento il bisogno di ritrovare i ritmi tranquilli del'autunno. Visto che spettacolo il sapore delle melanzane e dei peperoni? Un solo consiglio: dato che la ricetta è molto semplice li puoi preparare quando ti servono. Perchè dopo un pò diventano 'molli' e perdono il profumo. A presto

    RispondiElimina
  9. ma sei bravissima, non ti devi stupire guarda per esempio questo vincotto di fichi è straordinario

    RispondiElimina
  10. Ciao! noi non lo conoscevamo..ma sembra sublime in questa panna cotta! davvero una ricetta originale!
    un bacione e grazie mille

    RispondiElimina
  11. Annina, non lo sapevo, leggo solo ora della tua citazione! Che meraviglia, sono davvero molto felice per te, complimenti grandissimi! Un successo che ti meriti davvero molto perchè il tuo blog è un angolo incantevole. E solo da una grande donna come te poteva venire fuori questo capolavoro. UN grosso abbraccio

    RispondiElimina
  12. HO LETTO LA SUA RICETTA (FACCIO DA ANNI VIN COTTO)LE POSSO DIRE CHE SI AVVICINA MOLTO ALLA MIA MI COMPLIMENTO PER L'OTTIMA E SEMPLICE ISTRUZIONE DI PROCEDURA VOLEVO AGGIUNGERE CHE IL VIN COTTO è RICCO DI ANTIOSSIDANTI REGOLA L'INTESTINO IN CASIESTREMI(DIARREE)BASTANO POCHI CUCCHIAI LA RINGRAZIO

    RispondiElimina
  13. sono a di venezia ma di origine pugliese e trovare il vincotto di fichi per fare le cartellate è un impresa, qualcuno mi può aiutare indicandomi un sito dove poterlo comprare?chiaramente quello originale!il mio indirizzo mail è tony_ifs@yahoo.it
    grazie

    RispondiElimina
  14. scusami ma ho inavvertitamente cancellato cio che mi avevi scritto, ti ri invio il messaggio di questo pomeriggio, se puoi ri rispongimi grazie ciao.

    sono a di venezia ma di origine pugliese e trovare il vincotto di fichi per fare le cartellate è un impresa, qualcuno mi può aiutare indicandomi un sito dove poterlo comprare?chiaramente quello originale!il mio indirizzo mail è tony_ifs@yahoo.it
    grazie

    RispondiElimina
  15. Ciò che compri con la giusta scelta ha un valore doppio. Scopri i funghi alla pugliese. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NDAzMTgwMiwwMTAwMDAxMixmdW5naGktYWxsYS1wdWdsaWVzZS0zMTRtbC5odG1sLDIwMTYwNjIwLG9r

    RispondiElimina
  16. Se cerchi un prodotto eccezionale... devi andare in un posto eccezionale. Scopri la salsa di pomodoro. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NTY1MDc2MiwxMDAwMDA0LHNhbHNhLWRpLXBvbW9kb3JvLmh0bWwsMjAxNjA3MDksb2s=

    RispondiElimina

grazie, i vostri commenti sono preziosi.
Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi.
So che capirete. Grazie

TEMPLATE BY pipdig | CUSTOMIZATION BY SARA BARDELLI